Committente dei lavori, responsabilità


Il commitente dei lavori è sempre responsabile per colpa in vigilando. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 14012/2015
Committente dei lavori, responsabilità
Il committente deve vigilare in modo concreto sul rispetto delle norme per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Lo ha affermato la Cassazione con la sentenza 14012/2015.

Nel caso preso in esame, un operaio si era infortunato durante i lavori per il rifacimento della copertura di alcuni capannoni perché non utilizzava né i presidi collettivi, come impalcati e tavole sopra le orditure, né quelli individuali, come le cinture di sicurezza.

Il committente era quindi stato condannato, insieme al datore di lavoro titolare dell’impresa, per negligenza, imprudenza, imperizia e inosservanza delle norme sulla sicurezza sul lavoro.

La Cassazione ha confermato la condanna affermando che il committente deve verificare concretamente che i coordinatori per la progettazione e per l’esecuzione dell’opera rispettino le norme.

Infatti, la nomina dei coordinatori e del responsabile per la sicurezza non esenta il committente o il responsabile dei lavori dalle responsabilità di controllo. Ciò significa, sostiene la Cassazione, che per quanto riguarda la tutela della sicurezza dei lavoratori il committente e il responsabile vengono posti sullo stesso piano dei datori di lavoro.

Articolo del:


di Geom. Giuseppe Pilati

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse