Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Compliance: la nuova maschera del “fisco amico”


I nuovi indicatori di di compliance miglioreranno davvero il rapporto fisco-contribuente? O sono l'ennesimo invadente strumento di controllo?
Compliance: la nuova maschera del “fisco amico”
Nonostante le tutele offerteci dallo statuto del contribuente, nonostante i proclami fatti negli anni in ottica di "semplificazione", "riduzione del carico fiscale", "dialogo con il cittadino", checché se ne dica o scriva il fisco Italiano resta sempre lo stesso: oppressivo, farraginoso e soffocante, forte e spietato con i piccoli e con gli onesti, impotente e mansueto con i grandi evasori.

"Il principio della buona fede e della collaborazione tra fisco e cittadino", sancito dal’art. 10 dello statuto del contribuente da solo non funziona più: è stato per troppo tempo disatteso, troppo spesso dimenticato.

Al fine di dare al contribuente ancora l’illusione di vivere in qualche modo in uno stato (civile) di diritto tributario è stato necessario rispolverarlo con l’ausilio di un nuovo concetto, più sintetico, più incisivo e accattivante: COMPLIANCE.

COMPLIANCE è un altro elegante termine che in campo FISCALE può essere definito il grado o livello, di collaborazione e condiscendenza, remissività da parte del contribuente.

Non c’è ormai norma, circolare, articolo in argomento che non richiami questo nuovo concetto; non c’è dibattito, convegno o tavola rotonda in cui un esponente dell’Amministrazione Finanziaria nobiliti il proprio intervento con questo termine.

Le intenzioni dichiarate dal fisco sono chiare: tagliare con il passato e stabilire con i contribuenti un rapporto più improntato alla collaborazione, all’amicizia, al dialogo, strizzando l’occhio ai contribuenti più fedeli e virtuosi, punendo al contrario quelli che non dichiarano quanto guadagnano.

Così l’idea di fondo è di abbandonare, a partire dal 2017 il dispendioso, rischioso e a volte anche inopinato sistema di caccia al gettito attuato con l’utilizzo degli studi di settore, e introducendo gli
INDICATORI DI COMPLIANCE
una sorta di "pagella del contribuente"

Per oltre 3 milioni e mezzo contribuenti (imprese e professionisti) scatterà questo nuovo meccanismo di controllo sulle dichiarazioni fiscali, che rivelerà loro il grado di affidabilità con un dato sintetico su una scala da 1 a 10.

I criteri di determinazione degli indicatori si baseranno sui seguenti elementi:
1) stima dei ricavi, del valore aggiunto e del reddito d’impresa;
2) un modello di regressione basato su dati storici degli ultimi 8 anni;
3) una funzione matematico-statistica che studia l’andamento del mercato di settore;
4) lo studio teso ad individuare il modello organizzativo adottato.

Il contribuente con punteggio più alto è più affidabile, subirà meno controlli e sarà escluso da alcuni tipi di accertamento, avrà rimborsi più rapidi ed accederà ad un sistema premiale anche in termini di riduzione degli adempimenti.

Restando in attesa di scoprire se e quanto questi indicatori miglioreranno rapporto fisco-contribuente, segnaliamo purtroppo un problema di fondo: il terreno in cui si vuole gettare il buon seme della Compliance è una palude avvelenata.
In un contesto di crescente aumento della pressione fiscale (I.v.a. prossima al 25%), valanga di nuovi adempimenti inutili e vessatori, pubblica amministrazione che non paga i suoi debiti, sistema previdenziale al collasso e tanta, tanta inefficienza, si dubita fortemente che il seme possa attecchire.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Studi di settore, non basta un lieve scostamento

Illegittimi gli accertamenti basati su studi di settore in presenza di scostamenti di lieve entità

Continua

Associazioni no profit: paradiso fiscale a km zero

Le principali agevolazioni riservate alle associazioni senza finalità di lucro: la de-commercializzazione dei corrispettivi e la L.398/91.

Continua

Contribuente, quali diritti?

Principali tutele e garanzie alla luce dello statuto del contribuente

Continua

La Guardia di Finanza prende la mira

Circolare 1/2018, nuovi princìpi, criteri e metodi per la lotta all'evasione fiscale

Continua