Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Condannata l’amante che minaccia di rivelare il tradimento


Commette il reato di estorsione chi minaccia di rivelare la relazione extraconiugale alla famiglia allo scopo di ottenere denaro
Condannata l’amante che minaccia di rivelare il tradimento

La Corte d’Appello di Bologna conferma la decisione di primo grado che condanna una donna per il reato di estorsione.

L’imputata aveva minacciato l’ex amante di rivelare ai suoi famigliari la relazione in corso tra i due da oltre un decennio e, in tal modo, si era fatta consegnare dall’ex, dapprima, la somma di euro 1.000,00 e, successivamente, di ulteriori euro 5.000,00.

L’articolo 629 c.p. ("Estorsione") prevede che: "Chiunque, mediante violenza o minaccia, costringendo taluno a fare o ad omettere qualche cosa, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da cinque a dieci anni e con la multa da euro 1.000 a euro 4.000".

L’ex amante, nel corso del giudizio di primo grado, aveva anche ammesso di aver minacciato l’uomo "dicendogli che sarebbe andata a casa sua ad informare la moglie del loro rapporto ultradecennale se non avesse ottenuto il resto del denaro che l’uomo dapprima le aveva promesso, ma che poi le aveva dato solo in parte, denaro che riteneva le spettasse di diritto, se non quale contropartita per una dolorosa e problematica interruzione di gravidanza, quantomeno perché le era stato promesso".

La donna ricorre in Cassazione ove si costituisce anche l’ex. Secondo la difesa dell’uomo, lo scopo del ricorso avversario era di inquadrare la richiesta di denaro non in un’ottica estorsiva, ma come una sorta di pretesa del rispetto di un accordo tra i due, in forza del quale il pagamento di denaro sarebbe avvenuto come contropartita per l’interruzione della gravidanza. Ma tale ricostruzione dei fatti non era assolutamente corretta e già esclusa anche dai giudici del merito.

Secondo la Suprema Corte (Cass. pen., sent. n. 9750/2020) la decisione contro la donna adottata dal Tribunale, prima, e confermata dalla Corte d’appello, è corretta: la tesi secondo la quale la donna era convinta di avere un effettivo diritto a ricevere le somme richieste era del tutto infondata e non poteva essere condivisa poiché, nel caso in esame, non esisteva alcuna pretesa che potesse considerarsi effettivamente meritevole di tutela.

Non solo: la donna viene condannata dalla Corte anche a pagare le spese processuali del giudizio e la somma di euro 2.000,00 in favore della cassa delle ammende.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Amministratore di sostegno: il Giudice decide quali poteri attribuire

Il Giudice tutelare ha ampi poteri ufficiosi in merito al decreto di nomina dell'amministratore di sostegno e può discostarsi dalle conclusioni del consulente tecnico

Continua

Diritto alla restituzione del mantenimento versato indebitamente

Il padre ha diritto alla restituzione dei contributi versati per il mantenimento dei figli che hanno raggiunto l'indipendenza economica

Continua

Genitori immaturi: affidamento del figlio al Comune

Perdono l’affidamento del minore i genitori immaturi che non fanno altro se non mettersi in cattiva luce l’un l’altro

Continua

Nessun contributo alla ex moglie che lavora in nero

Per stabilire l’assegno divorzile, è irrilevante che il tenore di vita della ex moglie non sia neppure ‘tendenzialmente paragonabile’ a quello del matrimonio

Continua

Il diritto-dovere di visita del minore non è coercibile

La frequentazione del figlio da parte del genitore non collocatario è l’esito di una autonoma scelta che non può essere oggetto di coercizione e sanzione

Continua

Nessuna tassazione per i trasferimenti immobiliari in sede di divorzio

No all’imposta di bollo, registro e ad ogni altra tassa sui trasferimenti immobiliari tra coniugi effettuati in considerazione del divorzio o separazione

Continua

L’ex marito paga il mantenimento anche se gli restano 450 euro

L'assegno di mantenimento va versato anche all'ex moglie che ha trovato un lavoro

Continua

COVID-19: spostamenti con figli minori

Con la circolare n. 15350/117 del 31.3.2020, il Ministero dell’Interno ha fornito chiarimenti sugli spostamenti con figli minori

Continua