Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Condominio: voto all'unanimità ed esonero dal contributo alle spese


Occorre il voto unanime per trasferire la titolarità dei diritti sulle cose comuni in favore di solo alcuni condomini
Condominio: voto all'unanimità ed esonero dal contributo alle spese

La recente ordinanza pronunciata in camera di consiglio dalla Corte di Cassazione - II^ Sezione Civile in data 12.11.2019-04.03.2020 su ricorso iscritto al n. 18020 R.G. 2015 in materia di condominio, è l’occasione per fare qualche riflessione intorno a un paio di principi di fondamentale importanza.

 

Il caso

Il caso verte sulla impugnazione per nullità di una delibera assembleare assunta all’unanimità dei presenti in assemblea, ma in assenza del condomino che ha promosso l’impugnazione.

La delibera aveva ad oggetto la sostituzione dell’impianto condominiale di riscaldamento e il suo asservimento ai soli condomini del primo e del secondo piano con esonero dalle spese di manutenzione per i condomini del terzo piano serviti da impianti autonomi.

 

I principi affermati dalla Cassazione Civile

La Suprema Corte ha stabilito la nullità di una siffatta delibera, chiarendo quanto segue.

1. Quando con una delibera si vuole trasferire la titolarità dei diritti spettanti a tutti i condomini sulla cosa comune in favore solo di alcuni di essi, occorre il consenso di tutti i partecipanti al condominio.

Nel caso di specie, la decisione assembleare che disponeva l’asservimento della nuova caldaia ai soli condomini dei primi due piani non poteva essere valutata come una innovazione (per la quale sarebbe bastata la maggioranza, seppur qualificata, di cui all’art. 1120 comma 1° cc) dal momento che attraverso quella delibera si sostituiva la vecchia caldaia centralizzata rientrante tra le parti comuni del condominio ex art. 1117 cc e, quindi, in originaria comproprietà di tutti i condomini.

Non può considerarsi unanime il voto espresso da tutti i partecipanti all’assemblea quando vi sia l’assenza anche di un solo condomino.

L’unanimità è tale se ad esprimersi è la totalità dei millesimi (e delle teste) partecipanti al condominio. Quindi, o l’assemblea è plenaria oppure il o i voti mancanti andranno assunti dall’amministratore al di fuori di essa mediante formale dichiarazione di adesione alla manifestazione di volontà espressa dai presenti.

Mi domando, proseguendo nel ragionamento a margine del caso deciso, se l’astensione di uno o più dei condomini possa inficiare il voto unanime. Il dubbio non è peregrino perché esiste un illustre riferimento che indurrebbe una risposta negativa al quesito. Il regolamento del Consiglio dell’Unione Europea dispone, infatti, che l’astensione di un membro dal voto non impedisce l’adozione di una decisione unanime. Sarei dell’idea, tuttavia, di scartare questo parallelismo e di propendere per una risposta positiva. Intanto, e a tacere della diversità di ambiti in cui le due realtà operano, perché la norma regolamentare europea funziona da deroga al principio dell’unanimità e ha, quindi, natura eccezionale.

Inoltre, in materia condominiale la necessità di acquisire il voto unanime di tutti i condomini risponde ad una ratio ben precisa: la deliberazione assunta con il voto di tutti i condomini costituisce un vero e proprio contratto con cui le parti, facendo uso della propria autonomia negoziale, dispongono anche su materie che esulano dalle attribuzioni dell’assemblea (ovvero per tutte quelle decisioni che incidono sul diritto di proprietà esclusiva dei singoli condomini e sul diritto di comproprietà sulle parti comuni).

2. Il condomino deve partecipare alle spese per la conservazione delle cose comuni anche se rinuncia al diritto su di esse. Nel caso di specie, ratione temporis, la Cassazione ha ritenuto di applicare il previgente art. 1118, comma 2, cc secondo il quale il condomino è tenuto a pagare le spese di conservazione dell’impianto di riscaldamento centrale anche quando sia stato autorizzato a distaccarsi da esso o, comunque, a rinunciare al suo uso.

Orbene, con la riforma del 2012, l’art. 1118 cc pur continuando ad affermare che il condomino non può sottrarsi dal contribuire alle spese per la conservazione delle parti comuni, parte dal principio inverso per cui lo stesso non può rinunciare al suo diritto sulle parti comuni.

Con riferimento all’impianto di riscaldamento detta norma ha previsto al quarto comma la possibilità per il condomino di rinunciare all’utilizzo dell’impianto centralizzato se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal caso, egli resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell’impianto e per la sua conservazione e messa a norma restando escluse quelle per il godimento del bene (consumi ed energia elettrica).

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La procura generale può essere resa inefficace dall'amministratore di sostegno

In caso di sopravvenuta incapacità di intendere e volere, la procura generale conferita è resa invalida dalla successiva nomina di un amministratore di sostegno

Continua

Quando la mancata concessione del mutuo non inficia la validità del contratto di compravendita

Compravendita immobiliare, come evitare che l'acquirente sfrutti la clausola condizionale della concessione del mutuo per evitare l'acquisto dell'immobile

Continua

Abitazione del coniuge e spese di ristrutturazione

Nel caso di restituzione della casa coniugale in comodato, il comodatario non ha diritto ad alcuna forma di rimborso per spese che abbiano migliorato l'immobile

Continua

Immobili in costruzione, come tutelarsi se il costruttore non restituisce gli acconti

Il costruttore/venditore ha l'obbligo di rilasciare una garanzia fideiussoria in favore dell'acquirente per assicurare la restituzione degli acconti già versati

Continua

Trasferimento di immobili in danno dei creditori

Quale tutela per il creditore nel caso di sottrazione fraudolenta dei beni costituenti la garanzia patrimoniale del debitore?

Continua

Compravendita immobiliare, la tutela del venditore leso

Quando è possibile la rescissione del contratto di compravendita per lesione del venditore se l'acquirente ha approfittato del bisogno finanziario del venditore

Continua

Case in affitto, manutenzione straordinaria e tutela dell'inquilino

Ecco quali sono le tutele dell'inquilino nel caso di necessità di interventi di manutenzione straordinaria nella casa locata

Continua

Locazione ad uso diverso e tassazione canoni non percepiti

Quali clausole inserire nei contratti di locazione ad uso diverso per contenere la tassazione sui canoni non percepiti per morosità del conduttore?

Continua

Il recesso del conduttore dell'immobile a uso commerciale

Consigli al conduttore di immobile commerciale circa l'inserimento di clausole a tutela del suo diritto di recesso

Continua

Spese condominiali straordinarie: insidie e rischi in caso di vendita

Ecco come venditore e acquirente possono tutelarsi in caso di spese straordinarie condominiali deliberate prima della vendita

Continua

Coronavirus e sospensione del pagamento del canone di locazione

Legittima sospensione del pagamento del canone di locazione a fronte di sospensione dell'attività per disposizione dell'autorità

Continua

Coronavirus, emergenza affitti: le possibili soluzioni

L'emergenza Coronavirus ha messo in difficoltà molti affittuari. Ecco le possibili soluzioni per sospendere, interrompere o rinegoziare il canone di locazione

Continua

Causa di forza maggiore ed inadempimento del conduttore

Inadempimento del conduttore per causa di forza maggiore e rispetto delle norme autoritative

Continua

Obbligo giuridico di buonafede e disponibilità a rinegoziare

Rinegoziazione dei contratti di locazione e obbligo giuridico di comportarsi secondo buona fede. L'abuso del diritto alla prestazione da parte del creditore

Continua

Locazione commerciale: parliamo delle clausole Coronavirus

Attraverso la clausola "coronavirus" i contraenti possono disciplinare le ripercussioni negative che potrebbero abbattersi sul contratto in caso di nuove restrizioni

Continua

Rinegoziazione delle locazioni commerciali: cos'è e come farla

Locazioni commerciali: opportunità di rinegoziare per (ri)bilanciare gli equilibri contrattuali distorti dalla pandemia ed evitare la risoluzione

Continua

Contratto preliminare e clausola mac

L'inserimento nei contratti preliminari di clausole di salvaguardia consente di gestire l'incertezza circa la redditività dell'attività da esercitarsi nell'immobile

Continua

Diritto alla provvigione e mediazione svolta in forma societaria

Compravendita immobiliare: chiarimenti sul diritto alla provvigione quando l'attività di mediazione è svolta in forma societaria

Continua

Conduttore: limiti alla sospensione del pagamento del canone

Clausola limitativa della proponibilità delle eccezioni: quando il conduttore deve pagare e poi, se mai, chiedere in restituzione

Continua

Immobile in comproprietà e godimento esclusivo

Quando il godimento di un immobile da parte di un comproprietario diventa esclusivo e quali tutele possono invocare gli altri proprietari estromessi dal godimento

Continua

Comunione, condominio minimo e indivisibilità delle parti comuni

Differenze tra comunione e condominio minimo. Presunzione di condominialità dei beni comuni e patti diversi

Continua

Diritto di abitazione e casa coniugale: quale tutela per il coniuge superstite?

Il diritto di abitazione della casa coniugale in favore del coniuge superstite non sempre realizza la tutela voluta dalle parti. Anzi, delle volte nemmeno spetta

Continua