Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Bonus Conto Termico, come ottenere gli incentivi


Il Bonus Conto Termico è un pacchetto di incentivi e agevolazioni per promuovere l'efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili
Bonus Conto Termico, come ottenere gli incentivi

 

Cos'è il Conto Termico?

Il Conto Termico è un pacchetto di incentivi e agevolazioni per promuovere l'efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

L'obiettivo di questa agevolazione è quello di migliorare le prestazioni energetiche degli edifici, contenendo il costo dell'investimento.

Il fondo è gestito dal GSE (Gestore Servizi Energetici) che si occupa di stabilire quali sono gli interventi ammessi, chi può accedere agli incentivi, cioè chi ne ha diritto e quali sono le modalità di accesso.


Chi può richiedere il Conto Termico?

I beneficiari del conto termico sono le pubbliche amministrazioni, imprese e anche persone fisiche e condomini e le ESCO, ossia società che effettuano interventi per conto di terzi.

La richiesta per il Conto Termico va trasmessa al GSE per essere valutata e per i privati può avvenire tramite Accesso Diretto tramite il Portaltermico GSE. Se sono stati effettuati più interventi sullo stesso immobile, si può presentare un'unica domanda, usando la scheda "multi-intervento".


Per quali incentivi si può richiedere il conto termico?

L'incentivo del Conto Termico può essere chiesto solo per determinati tipi di lavori realizzati su edifici esistenti.

Per i privati gli interventi ammessi sono:

•    Sostituzione di impianti invernali esistenti di riscaldamento con:
      o    pompe di calore, elettriche o a gas, anche combinati per l'acqua calda sanitaria;
      o    caldaia a biomassa (stufe a pellet, termocamini a legna), in serre e fabbricati rurali esistenti;
      o    sistemi ibridi a pompa di calore;

•    Installazione di impianti solari termici: pannelli per la produzione di acqua calda sanitaria e/o ad integrazione della caldaia, anche abbinati a sistemi di solar cooling;

•    Sostituzione di scaldacqua elettrici (scaldabagni) con pompe di calore;

•    Diagnosi Energetica e redazione Attestato di Prestazione Energetica.

A ogni intervento corrisponde poi una quota che varia dal 40% al 65% che è possibile farsi rimborsare.


Come richiedere gli incentivi?

Dopo la registrazione sull'Area Clienti del GSE, il privato trasmette la documentazione del lavoro e le fatture dei pagamenti entro 60 giorni dal termine dei lavori.

Una volta trasmessa la domanda, il GSE procede con una verifica tecnico e amministrativa dei dati e dei documenti dell'intervento.

Quando il GSE valuta in modo positivo la domanda, invia una lettera all'indirizzo indicato sul portale.

Il cittadino deve accettare, attraverso il Portaltermico la scheda-contratto, dove è indicato l'importo riconosciuto. Il pagamento dell'incentivo avviene tramite bonifico bancario in massimo 2-3 mesi dalla richiesta.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus ristrutturazione edilizia di un immobile

Ristrutturazione edilizia: si ha diritto a una detrazione dall'IRPEF pari al 50% delle spese sostenute. Chi può richiederla e per quali interventi edilizi?

Continua

C.I.L.A., cos'è e quando farla?

La Comunicazione Inizio Lavori Asseverata (C.I.L.A.) è necessaria per ristrutturare il proprio immobile con interventi di ristrutturazione straordinaria

Continua

Agibilità di un immobile, a cosa serve e quando va richiesta

L’agibilità di un immobile è un documento che attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità e risparmio energetico degli edifici

Continua

Bonus mobili, cos'è e come ottenerlo

Il Bonus mobili è stato prolungato anche per il 2020, vediamo insieme perchè approfittarne

Continua

Bonus facciate 2020, cos'è e cosa prevede

Dal 1° gennaio e fino al 31 dicembre 2020 i contribuenti che effettuano lavori di manutenzione sulle facciate degli edifici possono usufruire di un nuovo bonus

Continua