Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Contrattazione nell`epoca del lavoro digitale


Anche per il Lavoro gestito con piattaforme digitali nell’era della gig economy è giunto il momento della svolta nella regolamentazione
Contrattazione nell`epoca del lavoro digitale
Anche per il Lavoro gestito con piattaforme digitali nell’era della gig economy (sia tramite app di uno smartphone o con un sito internet) con la sua progressiva affermazione e diffusione, è giunto il momento della svolta nella regolamentazione che non può più essere solo affidata ad algoritmi e neanche attendere la sola regolamentazione dei legislatori o quella determinata dai tempi della giustizia, troppo lenti rispetto ai tempi della realtà, in forte accelerazione, della società.

La recente Sentenza del Tribunale di Torino che ha stabilito che i ricorrenti, sei fattorini della catena di consegna di cibo a domicilio Foodora (società tedesca operante anche in Italia) non sono lavoratori dipendenti con rapporto subordinato, ha almeno il merito di porre la questione all’attenzione dell’opinione pubblica e delle parti sociali.

La Società, dopo le mobilitazioni dei lavoratori del 2016 per ottenere migliori condizioni di lavoro, aveva interrotto improvvisamente il rapporto di lavoro ritenendo i 6 ricorrenti inquadrati come lavoratori autonomi

I difensori dei sei lavoratori sostenevano la sostanziale esistenza di un rapporto di lavoro dipendente sulla base di alcune caratteristiche:
· la reperibilità continua;
· l’esclusione se non si seguivano con continuità le indicazioni ricevute;
· Il controllo e la valutazione costante tramite la geolocalizzazione dei lavoratori

Addirittura, per una parte della difesa, l’app era simile ad un braccialetto elettronico di controllo e utile per una sorta di classifica a punti per mantenere il posto di lavoro.

La controparte sosteneva la natura di lavoro autonomo del rapporto, supportata dalle seguenti modalità di svolgimento:
· La libera scelta dei lavoratori del se, quando e quanta prestazione lavorativa rendere;
· La mancanza di vincoli circa la prestazione lavorativa minima per il lavoratore e di offerta dell'azienda;
· La mancanza nei controlli dei presupposti dell’articolo 4 della legge 300/1970, lo Statuto dei Lavoratori. La geolocalizzazione era necessaria per l’adempimento della prestazione e per la sicurezza del rider rispetto ad infortuni o allo smarrimento della posizione nell’espletamento dell’attività lavorativa. Inoltre, i dati non erano soggetti a registrazione e conservazione ma solo utilizzati durante la prestazione.

Insomma, per i difensori della Società è assente il presupposto del lavoro dipendente e cioè la disponibilità del lavoratore verso il datore di lavoro e l’obbligo di prestazione dello stesso.

Si attendono ora le necessarie motivazioni della Sentenza entro 60 giorni.

Per un ordinato ed equilibrato sviluppo sociale non si può puntare solo sulla speranza che i giudici li dichiarino "dipendenti" ma piuttosto su una contrattazione nazionale che ne consenta/permetta la loro tutela grazie anche all’integrazione del Jobs Act.

Infatti, non tutti lavoratori delle piattaforme hanno le stesse aspirazioni, alcuni vogliono restare autonomi, e non desiderano rapporto di dipendenza.

E comunque, per quelli che vorrebbero essere inquadrati come lavoratori dipendenti, il presupposto della subalternità non è giuridicamente facilmente dimostrabile: la legge prevede per i collaboratori dipendenti lo svolgimento di un’attività continuativa, organizzata dal committente in tempi e luoghi determinati e ciò non sembra abbia luogo per i fattorini della c.d. gig economy.

Anche se la Legge Fornero del 2012, originariamente prevedeva la possibilità di dichiarare dipendente chi lavorava con unico committente, il Jobs Act prevede, per particolari esigenze produttive ed organizzative (e l’esempio potrebbe essere anche il caso del lavoro con le piattaforme digitali) l’ammissibilità delle collaborazioni ma in ambito di accordi collettivi nazionali firmati da organizzazioni dei lavoratori più rappresentative. Per cui la soluzione potrebbe essere ricercata nell’ambito di accordi collettivi per i lavoratori delle piattaforme, siano autonomi o dipendenti.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Leasing, fallimento dell'utilizzatore

La Cassazione detta i criteri per la determinazione del credito del concedente. Cassazione civile sez. I, 13 settembre 2017, n. 21213

Continua

Circolazione Stradale

Cassazione civile, sez. VI, 11 Dicembre 2017, n. 29604.

Continua

Nullità contratti bancari, violazione della trasparenza

Violazione della normativa sulla trasparenza bancaria e nullità dei contratti di mutuo e leasing

Continua

Leasing finanziario, regime dei vizi della cosa

Regime dei vizi della cosa oggetto del contratto di fornitura. Vizi anteriori e successivi alla consegna

Continua

Illegittima segnalazione in CRIF

Risarcimento dei danni non patrimoniali per illegittima segnalazione in CRIF (Sentenza Tribunale di Brindisi 23 aprile 2018 - Dott. Natali)

Continua

Blockchain: i campi di applicazione

Con l’affermarsi delle cripto-valute, tra le più conosciute il Bitcoin, si affermano piattaforme tecnologiche come la tecnologia Blockchain

Continua

PSD2: payment legislative package

L’Italia, con l’approvazione del D.lgs. n. 218/2017, ha recepito la PSD2 e dato attuazione al regolamento sulle Interchange Fee

Continua

Mark to market oggetto del contratto derivato

La prevalente giurisprudenza attribuiva determinante evidenza alla causa del negozio per l’esercizio dell’azione di nullità contrattuale

Continua

Polizze vita

Senza garanzia di restituzione del capitale è solo un investimento senza contenuto assicurativo

Continua

Tassi usurari e prestiti bancari

Sono ricorrenti le notizie su banche che applicano degli interessi non dovuti sui mutui o prestiti di varia natura.

Continua

Non Performing Loans

Il 2016 è l’anno della svolta con cui il sistema bancario italiano ha fatto nascere uno dei primi mercati mondiali di crediti deteriorati

Continua

Italia paese di inventori?

Qual è l’effettiva motivazione di un livello così basso di presentazione di domande di brevetto depositate in Italia?

Continua

Ordine di investimento: è necessaria la forma scritta?

Cassazione Civile, sez. I, sentenza 08/02/2018 n° 3087

Continua

Cliente insolvente, la concessione del credito risulta abusiva

Quando la concessione del credito risulta abusiva?

Continua

Sentenza storica dilaziona un debito a trent’anni per sovra-indebitamento

Importante Sentenza del Tribunale di Parma in merito alla sovra esposizione debitoria

Continua

Quando l’investimento è rischioso? Banca e onere d’informazione

Cassazione civile, sez. I, sentenza 23/09/2016 n° 18702

Continua