Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Contratto di appalto sotto soglia


Importanti chiarimenti sui contratti collettivi nazionali applicabili agli appalti sotto soglia
Contratto di appalto sotto soglia
Con sentenza n. 6869/2018, pubblicata in data 19/06/2018, il TAR per il Lazio di Roma ha fornito importanti chiarimenti sulla tipologia dei contratti collettivi applicabili in relazione ad un appalto sotto soglia.
Nel caso specifico, il Tribunale ha totalmente rigettato il ricorso presentato dalla società non aggiudicataria di un appalto sotto soglia, ritendendo infondate in fatto e in diritto le censure da quest'ultima sollevate; la ricorrente aveva contestato l'illegittimità del contratto collettivo nazionale che assumeva essere stato applicato dalla società aggiudicataria, in quanto non rientrante nell'ambito dei contratti collettivi nazionali sottoscritti dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative.
Ulteriore motivo di doglianza era che la presunta applicazione di un contratto collettivo privo dei requisiti della maggiore rappresentatività non fosse in grado di garantire i trattamenti economici minimi richiamati agli artt. 97, comma 5 e 23, comma 16 D.lgs. 50/2016.
Dall'applicazione di un contratto collettivo siffatto sarebbe derivata anche la violazione dell'art. 30, comma 4, D.lgs. citato, il quale testualmente dispone: "...al personale impiegato nei lavori, servizi e forniture oggetto di appalti pubblici e concessioni è applicato il contratto collettivo nazionale e territoriale in vigore per il settore e per la zona nella quale si eseguono le prestazioni di lavoro stipulato dalle associazioni dei datori di lavoro e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale".
Rispetto alle suddette censure il TAR del Lazio di Roma rileva come la disciplina applicabile ai contratti sotto soglia, tra cui rientra quello di interesse, è prevista dall'art. 36,comma 1, D.lgs. 50/2016, il quale richiama esclusivamente l'art. 30, comma 1, del medesimo testo normativo e non già i successivi commi 3 e 4, i quali, pertanto, non possono essere invocati dalla ricorrente a sostegno delle proprie difese.
Il Tribunale prosegue affermando, inoltre, che neppure il disciplinare di gara relativo all'appalto in oggetto avesse obbligato le concorrenti ad applicare al personale impiegato il contratto collettivo nazionale vigente e sottoscritto dalle organizzazioni maggiormente rappresentative.
Si riporta testualmente un breve passo della sentenza in commento, in forza della quale l'Amministrazione Comunale committente, patrocinata dalla sottoscritta, ha visto affermate le proprie ragioni e confermata la legittimità del proprio operato: "...In sintesi, non è chiaro quale contratto collettivo sia stato applicato dall'aggiudicataria, mancando una prova certa al riguardo, ma, in ogni caso, si deve ritenere che la stazione appaltante, trattandosi di contratto sotto soglia, non fosse tenuta ad accertare la sottoscrizione del contratto collettivo applicato da parte delle associazioni sindacali maggiormente rappresentative, essendo obbligata semplicemente a valutare la congruità e la sostenibilità dell'offerta, come ha fatto..." (cit. Tar Lazio di Roma, Sez. II bis, sent. 6869/2018 del 19/06/2018, NRG 3216/2018).

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Sequestro probatorio dei messaggi "Whatsapp!"

Le conversazioni scambiate tramite messaggi "whatsapp" non sono soggette alle norme che disciplinano le intercettazioni

Continua

Il reato di adescamento di minorenni

Le ricadute applicative dell'art. 609 undecies c.p. e della clausola di riserva in esso prevista

Continua

L'aggravante dell'odio razziale

I presupposti per poter contestare l'aggravante dell'odio razziale

Continua

Cooperazione nel reato di omicidio stradale

Risponde di cooperazione nel reato di omicidio stradale la madre che non tiene per mano il figlio

Continua

La violazione del limite di velocità

I presupposti per la legittima contestazione della violazione dell'art. 142 del Codice della Strada

Continua

Incompetenza del sindaco sulla gestione del fenomeno migratorio

Nulla l’ordinanza con cui il Sindaco vieti l’affitto e/o la concessione di immobili per i migranti

Continua

Obbligo di assicurare il veicolo anche se fermo su terreno privato

Il veicolo deve essere assicurato per la RCA anche se stazionato in un cortile privato

Continua

Responsabilità penale dell'amministratore subentrante

Risponde del reato di omessa dichiarazione l'amministratore che subentri alla precedente gestione

Continua

Nessuna indulgenza per i "truffatori del cartellino"

Il comportamento abituale esclude la particolare tenuità del fatto

Continua

Lo scappellotto all'alunno può integrare reato

Abuso dei mezzi di correzione anche se a scopo educativo

Continua

La misura preventiva del divieto di contrattare con la P.A.

Chiarimenti sull’applicazione della misura interdittiva antimafia

Continua

Revoca della sospensione cautelare della patente di guida per esigenze di lavoro

Innovativa pronuncia del Giudice di Pace di Terracina in tema di sospensione della patente di guida

Continua

La responsabilità della Banca per violazione dell’home banking del correntista

Ricade sulla Banca l’onere probatorio della sicurezza dei propri sistemi operativi

Continua

Negato l’accesso ai dati fiscali dell'ex coniuge

L’accesso agli atti può essere negato dal Giudice ove ritenuto non necessario ai fini del decidere

Continua

Il tasso alcolemico alto non esclude la particolare tenuità del fatto

Nessuna preclusione all'applicazione dell'art. 131 bis c.p. al reato di guida in stato di ebbrezza

Continua