Contratto di mandato-obbligo di rendiconto


Obbligo del mandatario di dare conto delle attività realmente svolte e non solo di fornire ricevute e fatture delle spese e degli incassi
Contratto di mandato-obbligo di rendiconto
L' art.1713 c.c. dispone che il mandatario debba rendere al mandante il conto del suo operato.

Sul contenuto di detto obbligo la Cassazione ha precisato (vedi ad es. sentenza 23/XI/2006 n. 24866) che è valido solo il rendiconto che contenga la prova non solo delle somme incassate e spese, nonchè le causali degli esborsi, ma anche di tutti gli elementi di fatto funzionali alla individuazione e al vaglio delle modalità di esecuzione dell' incarico, onde stabilire se il suo operato si sia adeguato o meno ai criteri di buona amministrazione. Con la descrizione e la giustificazione dell' intera attività gestoria svolta.

Pertanto le ricevute e le fatture delle somme spese nello svolgimento di tale attiviytà se possono esser sufficienti per l' emissione di un decreto ingiuntivo non sono idonee a costituire, nel giudizio d'opposizione, prove dell' adempimento del madatario (Cass. VI ,5915/2011 - Cass. II, 4334/2013).

E a tali documenti "non può essere dato alcun valore nemmeno indiziario in ordine alla corrispondenza della prestazione eseguita con quella pattuita" (Cass. n. 17050/2011).

Articolo del:


di Avv. Publio Fiori

Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse