Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Coronavirus, asili e scuole private: sono dovute le rette?


Scuole e asili chiusi a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: linee guida se le scuole private chiedono il pagamento delle rette
Coronavirus, asili e scuole private: sono dovute le rette?

A fronte dell’emergenza sanitaria da Covid-19, dallo scorso 24 febbraio 2020 in Lombardia e dal 4 marzo in tutta Italia, le scuole di ogni ordine e grado, compresi asili nidi e scuole dell’infanzia, pubbliche e private, hanno sospeso le attività scolastiche.

Ai sensi del DPCM del 10/04/2020, tale sospensione proseguirà almeno sino al 03/05/2020.

In un siffatto contesto, ci si pone pertanto la questione, con riguardo alle scuole e asili privati, se la retta scolastica sia ugualmente dovuta.

Al fine di fornire linee guida, è preliminarmente opportuno ricordare le principali caratteristiche del rapporto contrattuale che si viene ad instaurare tra Scuola, da un lato, e Famiglie, dall’altro.

Siamo dinnanzi a un rapporto a prestazioni corrispettive (detto, anche, sinallagmatico), di carattere continuativo, in forza del quale, a fronte del pagamento di un corrispettivo (la retta scolastica) da parte dei genitori, la Scuola assume una pluralità di obbligazioni nei confronti del bambino iscritto: istruzione, educazione, intrattenimento con momenti ludici e ricreativi, protezione e vigilanza. Il tutto per favorire un equilibrato sviluppo psico-fisico del minore, offrendo esperienze adeguate ai suoi bisogni e opportunità di relazione con altri bambini.

Certo è che il contenuto di tali servizi deve adeguarsi all’età dei bambini: è di tutta evidenza che i bisogni di un bambino da 0 a 6 anni siano differenti rispetto a quelli di un minore in età scolare. Possiamo dire che l’attività propriamente didattica cresce con l’aumentare dell’età del bambino e, parimenti, possiamo dire che l’attività ludico-ricreativa e gli obblighi di protezione e vigilanza diminuiscono all’aumentare dell’età del minore. Detto diversamente, quanto più un bambino è piccolo, tanto maggiore sarà il tempo riservato al gioco e la protezione e vigilanza che deve garantire l’istituto; mano a mano che lo stesso cresce, sarà maggiore il tempo riservato alle lezioni didattiche propriamente dette.

Inoltre, il contenuto dei servizi deve tener conto anche delle peculiarità dei bambini: ci si riferisce, in particolare, ai bambini con disabilità affiancati dall’insegnante di sostegno con il principale scopo di favorirne l’inclusione. Nello specifico, in tali casi l’insegnante dovrà attenersi al cosiddetto PEI (piano educativo individualizzato), documento ove sono riepilogati gli obiettivi da conseguire con riguardo alle diverse sfere del minore (area cognitiva-neuropsicologica; area affettivo-relazionale; area comunicativo-linguistica-espressiva; area sensoriale; asse motorio prassico; area dell’autonomia; area dell’apprendimento, ecc.).

Evidenziato il sinallagma del rapporto de quo e messe in luce le principali caratteristiche, possiamo ora porre in risalto i seguenti aspetti:

- in conseguenza della diffusione sul territorio nazionale del virus Covid-19, il Governo ha disposto la chiusura delle scuole e degli asili;

- gli ordini dell’Autorità amministrativa dettati da interessi generali costituiscono una causa di forza maggiore che rende di fatto impossibili - in tutto o in parte - le prestazioni ad opera delle scuole e degli asili;

- volgendo ora lo sguardo alle scuole private, è principio generale quello secondo cui, la parte liberata per la sopravvenuta impossibilità della prestazione dovuta (nel nostro caso, scuole/asili) non può chiedere la controprestazione (il pagamento del prezzo) e deve restituire quella che abbia già ricevuto (art. 1463 c.c.).

Ora, secondo le indicazioni del Governo, gli istituti scolastici anche privati, in tempi e modalità diverse, al fine di garantire la continuità dei percorsi nel rispetto delle misure restrittive per contenere il contagio, hanno sostituito le lezioni in aula con la didattica a distanza.

Malgrado ci siano sicuramente esperienze positive, v’è un fatto oggettivo: le lezioni telematiche, per quanto ben organizzate, non possono di certo sostituire la giornata a scuola, coinvolgendo le famiglie e gravandole della gestione e della cura dei figli.

Quindi, come ci si deve comportare nel caso in cui la scuola privata chieda ai genitori il pagamento delle rette scolastiche?

Ferma restando la peculiarità di ogni singolo caso concreto, possiamo di seguito fornirVi le seguenti linee guida:

- ci pare pacifico che l’unica porzione di retta che non andrà versata, finché gli istituti non riapriranno, sarà quella dedicata alla mensa e agli ulteriori eventuali servizi (ad es. scuolabus) che, oggettivamene, non possono essere concretamente fruiti durante la chiusura delle strutture;

- quanto alle altre voci che compongono una retta scolastica, a nostro giudizio occorre prendere in considerazione, da un lato, la durata e frequenza dei servizi telematici offerti e, dall’altro, gli effettivi benefici per il bambino e la sua famiglia.

Ad esempio, la semplice messa a disposizione via email, anche giornalmente, di schede per bambini fino a 6 anni, non può rendere fondata la richiesta di pagamento da parte dell’asilo della retta scolastica. E ciò avuto riguardo all’età dei minori in questione: per tale fasce d’età, infatti, il servizio reso dall’Istituto nell’ordinarietà è principalmente informato al momento ludico, ricreativo, educativo e di relazione tra compagni nonché, come detto, alla sorveglianza ed alla vigilanza dei minori.

Quanto alla scuola primaria, riteniamo che la quantificazione della retta scolastica vada rivista a seconda di quanto offerto nel concreto. Ad esempio, riteniamo iniquo per una scuola privata chiedere il pagamento dell’intera retta scolastica in caso di lezioni on line della durata poche ore settimanali a fronte delle 8 circa quotidiane nell’ordinarietà.

L’integrale pagamento della retta scolastica a favore della scuola darebbe quindi luogo a un indebito arricchimento (art. 2033 c.c.) per la stessa, a danno delle famiglie.

Sulla base della medesima ratio, nel caso i familiari avessero effettuato un pagamento anticipato, gli stessi avrebbero il diritto di chiedere il rimborso del corrispettivo per i mesi in cui il servizio non sia stato espletato per causa di forza maggiore (alternativamente, si potrebbe concordare con la Scuola di non versare più corrispettivi in attesa di compensare i mesi già pagati per cui il servizio non è stato reso).

Sotto altro profilo, può accadere che il contratto sottoscritto dai genitori al momento dell’iscrizione contenga una clausola in forza della quale il pagamento della retta sia dovuto anche in concomitanza di eventi di natura eccezionale, straordinaria e imprevedibile. A nostro giudizio, una simile clausola rientrerebbe tra quelle vessatorie ai sensi dell’art. 33 del Codice del Consumo, in quanto determinerebbe a carico del consumatore un significativo squilibrio degli obblighi del contratto, con la conseguente sua nullità.

Stante tutto quanto sopra esposto, ferme le peculiarità di ogni singolo caso concreto, il nostro consiglio è quello di:

(i) domandarsi se la richiesta di pagamento ricevuta dalla Scuola sia fondata o meno avuto riguardo a tutte le variabili citate nel presente contributo;

(ii) verificare il contenuto del modulo di iscrizione/contratto;

(iii) evidenziare all’Istituto la vostra posizione per iscritto, motivando le ragioni per cui, a vostro giudizio, la domanda di pagamento delle rette sia infondata.


Lo Studio DM resta a disposizione, anche in via telematica, per fornire consulenza sul tema.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Separazione di fatto e separazione legale: quale differenza?

Solo la separazione legale - consensuale o giudiziale - ha efficacia giuridica e ciò la distingue dalla separazione di fatto

Continua

I vantaggi di una separazione e di un divorzio congiunto

Procedura più snella, spese contenute, mantenimento dei rapporti interfamiliari: ecco le ragioni per preferire un accordo di separazione e di divorzio

Continua

Come quantificare il mantenimento pro (ex) coniuge e figli?

Tra gli elementi che influiscono sulla misura del mantenimento v'è l'assegnazione della casa familiare. Esempi pratici per comprendere meglio l'istituto

Continua

Convivenza e unione civile, differenze e tutele

Accanto alla famiglia tradizionale fondata sul matrimonio, si affermano sempre più le convivenze e le unioni civili. Il ruolo fondamentale del legale in questo ambito

Continua

Ai diritti dei bambini corrispondono i doveri dei genitori

Tutelare il superiore interesse del minore significa anche non esporlo ai conflitti tra genitori

Continua

Il fondo patrimoniale: cassaforte del patrimonio della famiglia

Il fondo patrimoniale, se usato propriamente, può assicurare risorse ai bisogni della famiglia

Continua

Tutti possono guardare al futuro con più ottimismo!

La legge sul dopo di noi, mediante la regolamentazione del trust, ha introdotto tutele a favore dei disabili

Continua

Il testamento: tutela dell’individuo e della sua volontà

Il testamento è l’atto che contiene le disposizioni di ultima volontà. Per questo va redatto come prescrive la legge

Continua

Infortuni sul lavoro e inosservanza delle misure di sicurezza

La mancata attuazione delle misure di sicurezza e il conseguente infortunio sul lavoro espongono il datore di lavoro inadempiente a una responsabilità civile e penale

Continua

Fondo di Garanzia Inps, recupero dei crediti nei rapporti di lavoro

Tra gli istituti a tutela del lavoratore, il Fondo di Garanzia Inps ha un ruolo decisivo in caso di fallimento del datore di lavoro

Continua

Licenziamento, conoscere l'istituto per una maggiore tutela

Il licenziamento per giusta causa e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Quali tutele per il datore di lavoro e per il lavoratore

Continua

Il mobbing: caratteristiche, risvolti procedurali e risarcitori

Il mobbing, nelle sue varie accezioni (verticale/orizzontale, straining), implica un comportamento, reiterato, che incide sulla salute psichica del lavoratore

Continua

Il procedimento disciplinare per lavoratore e datore di lavoro

Il procedimento disciplinare: dalla contestazione all'(eventuale) irrogazione della sanzione

Continua

Il Coronavirus e gli effetti sui contratti già stipulati

Le limitazioni imposte dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covit-19 quali causa di risoluzione dei contratti per impossibilità sopravvenuta

Continua

Covid-19: tutela del diritto di visita di genitori separati/divorziati

Resta inalterato il diritto di visita dei figli, trattandosi di spostamento necessario rientrante tra le situazioni di necessità

Continua

Gli effetti del Coronavirus sui contratti di locazione

Sospensione/riduzione dei canoni di locazione per immobili sia ad uso abitativo sia ad uso commerciale. Cenni agli studenti universitari, lavoratori emigrati e negozi.

Continua

Smart working, lavorare ai tempi del Coronavirus

Lo smart - working, oggi largamente imposto a tutela della salute pubblica, se usato in modo intelligente, può inaugurare un nuovo rapporto tra lavoratori e datori

Continua

No al licenziamento per il lavoratore assente che assiste il disabile

Con la chiusura dei centri residenziali per i provvedimenti restrittivi da Covid-19, molti lavoratori si trovano licenziati per aver assistito il familiare disabile

Continua

Apertura e gestione del conto o del libretto pupillare: serve il giudice tutelare?

Trattasi di operazioni rientranti negli atti di ordinaria amministrazione, ragion per cui è superflua l'autorizzazione del Giudice Tutelare

Continua

Minori in conflitto di interesse con i genitori. Il curatore speciale

Tra i casi in cui è opportuna la nomina del Curatore Speciale v'è la sussistenza di un conflitto di interessi tra figlio e genitori: ruolo e funzioni

Continua

Coronavirus: mantenimento dei figli nelle separazioni e nei divorzi

La crisi economica da Coronavirus ha inevitabilmente effetti nelle famiglie di genitori separati e divorziati con riguardo al quantum del mantenimento pro figli

Continua

Family Act in arrivo: ecco cosa prevede

Il Family Act prevede una serie di misure per il sostegno economico delle famiglie con figli a carico. Illustriamone il contenuto

Continua

L'amministrazione di sostegno: funzioni e ruolo

L'amministrazione di sostegno è quell'istituto flessibile che ha il nobile obiettivo di valorizzare l'autodeterminazione del singolo, affiancandolo nel quotidiano

Continua

Bigenitorialità e tutela del minore

Perché è importante per il minore mantenere il rapporto con entrambi i genitori anche in fase di separazione e divorzio. Il pernottamento presso il padre

Continua

I diritti relazionali nell'infanzia e il ruolo dei nonni

Quanto i nonni e i parenti sono importanti per la crescita dei minori. Vivere in armonia è possibile se tutti si danno da fare!

Continua

Covid-19 e locazione commerciale: riconosciuta la riduzione del canone

Riconosciuta anche dal Giudice la opportunità di rinegoziare i canoni di locazione relativi a immobili non utilizzabili in ragione delle misure limitative per Covid-19

Continua