Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Licenziamento, correttezza e buona fede nel rapporto di lavoro


Il licenziamento è legittimo se viene meno il rapporo di fiducia con il lavoratore anche se quest'ultimo ha generato danni di lieve entità
Licenziamento, correttezza e buona fede nel rapporto di lavoro

I) Correttezza e buona fede nel rapporto di lavoro e nella prospettiva giuslavorista

Correttezza e Buona Fede impongono a ciascun contraente di cooperare alla realizzazione dell’interesse di controparte e che esse, come tali, costituiscano il filtro necessario per impedire che l’esercizio della discrezionalità di ciascuna delle parti del rapporto possa sfociare in una discriminazione, vessazione o, comunque, in un mero arbitrio in danno di controparte.

Pur costituzionalmente riconosciuto (articolo 41 Cost.), il diritto datoriale di libertà nella iniziativa economica ha, infatti, un proprio limite negli obblighi di correttezza e buona fede (articoli 1175, 1375 cod.civ.), immanenti non solo alla stipulazione, bensì all’interpretazione e all’esecuzione del contratto (articoli 1366,1175,1375 cod.civ.).

La correttezza, in quanto coerenza con una fondamentale regola dell’agire è, in generale, coerenza con la oggettiva seppur taciuta ragione che conduce la singola parte del contratto; e nel contratto di lavoro l’oggettiva ragione datoriale è costituita dalle esigenze aziendali (C.f.r.: Gianluca Falco: “La Buona Fede e l’abuso del diritto” - Ed. Giuffrè, pag. 319 ss).

 
II) La fattispecie specifica: l’utilizzo improprio della carta fedeltà da parte del prestatore di lavoro

Sempre più spesso si ravvisano, a livello giurisprudenziale, condotte, da parte dei lavoratori – cassieri, addetti e/o commessi di vendita nel commercio al dettaglio – che hanno ad oggetto episodi in cui la carta fedeltà, propria o di soggetti terzi, viene impropriamente utilizzata dal dipendente al fine di trarre un vantaggio diretto e/o indiretto.
Molto spesso le carte fedeltà consentono di accumulare punti che possono, a loro volta, essere tramutati in buoni sconto da utilizzare in diversi punti vendita.

Si tratta di condotte che, pur cagionando in molti casi un danno economico esiguo, incrinano de facto il rapporto fiduciario e vengono sanzionate con un licenziamento disciplinare da parte del datore di lavoro.

La Cassazione, con la recente sentenza 11181/2019, ha ritenuto legittima la decisione presa dalla Corte d’Appello in merito al licenziamento della cassiera di un negozio, provvedimento ritenuto illegittimo, invece, da Giudice di Prime Cure.

La Cassazione osserva che la Corte d’Appello ha ben valutato il venir meno dell’elemento fiduciario nel rapporto con il datore di lavoro “indipendentemente da una valutazione economica dell’entità del danno causato, certamente non rilevante, valorizzando invece la gravità della condotta, ricollegata alla truffa”.

Alla base di questa pronuncia della Cassazione, vi è un indirizzo maggioritario che pone l’accento alla rilevanza che viene attribuita al vincolo fiduciario che caratterizza il rapporto di lavoro subordinato in collegamento diretto con i doveri di correttezza e Buona Fede ex articoli 1175 e 1375 cod.civ. (C.f.r.: “Licenziamento per l’uso illecito delle carte fedeltà” - Articolo 06.05.2019 di Paolo Rotella, in Lavoro-Articoli e commenti in www.altalex.com).


 
III) Considerazioni personali e finali sulla Buona Fede

Correttezza.

Buona Fede.

Come in altre circostanze queste norme assumono rilevanza, dando equilibrio al sistema contro l’arbitrio.

Le clausole generali summenzionate servono, infatti, in funzione di proporzionalità del sistema del diritto del lavoro come, appunto, nel caso delle sanzioni disciplinari e come nel caso di una valutazione della legittimità di un licenziamento.

Come, infatti, evincibile dalla sentenza in commento, comportamenti come l’uso improprio della carta fedeltà, in astratto, da un punto di vista meramente positivistico, può configurare una condotta legittimante un licenziamento.

Così, però, in concreto non è anche laddove si consideri la vicenda in esame, dove il giudice di primo grado è di un diverso avviso.

Il dovere di solidarietà sociale, di cui all’articolo 2 della nostra Carta Fondamentale.

Che tempera le norme.

Che è un requisito della Buona Fede.

Che pone equilibrio in un rapporto contrattuale, nel quale una parte avrebbe più forza rispetto all’altra.

Nel quale tale clausola è, come ribadito, un limite al potere di una parte, che altrimenti sarebbe libera di agire a proprio totale arbitrio.

Questa è, dunque, una prospettiva di sistema.

Questi sono principi cardine del diritto del lavoro.

Questo è equilibrio tra le parti di un rapporto contrattuale di lavoro.

D’altro canto vige, in ulteriore ipotesi, in diritto, un principio di conservazione dei rapporti.

E, dunque, sotto tale prospettiva vanno valutate, in un’ottica di sistema, non solo pronunce come quella commentata ma, soprattutto le clausole di Buona Fede e Correttezza, nel diritto e nel rapporto di lavoro.
 
Avv. Michele Vissani
Vicolo Lungo 4
San Severino Marche (MC)

 

Articolo del:



L'autore è esperto in Diritto del lavoro
Vissani Michele
VIA MASSARELLI,60
62027 - San Severino Marche (MC), Marche


L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Danni da fauna selvatica agli automobilisti

Imputabilità: chi risponde dei danni? Il comportamento colposo della Pubblica Amministrazione e il danno della prova

Continua

Danno da disservizio telefonico

Problematiche di ordine generale e Giurisprudenza di merito. Prova del danno. Sentenze di merito

Continua

Mobilità Scuola

1) Norme costituzionali, Famiglia <br />2) Norme costituzionali, Algoritmo <br />3) Giurisdizione. Giudice ordinario o amministrativo? <br /> 4) Competenza territoriale

Continua

Competenza Territoriale Assegnazione Provvisoria

I) Problematica essenziale per il ricorrente. <br />II) Orientamenti di Legittimità rilevanti. III) Aspetti sostanziali. <br />IV) Orientamenti di merito

Continua

Disciplina delle mansioni e inattività lavorativa

I) Riforma della disciplina delle mansioni. <br />II) Casistica. Danni da inattività lavorativa. Considerazioni. <br />III) Brevi conclusioni

Continua

Mobbing e Straining: differenze

Mobbing e Straining: differenze tracciate dalla Cassazione Civile, sezione lavoro, ordinanza 19/02/2018 n° 3977

Continua

Danni da fauna selvatica: sentenze e commenti

Responsabilità solidale degli enti. Sentenza del Giudice di Pace di Pinerolo 25 Gennaio 2018

Continua

Foodora e subordinazione

Breve analisi della subordinazione e del caso Foodora anche ai fini dei contratti che vengono sottoposti ai lavoratori

Continua

Un punto sull'algoritmo

Alcune pronunce giurisprudenziali di merito sulla questione dell'algoritmo nella mobilità scolastica e alcune brevi considerazioni

Continua

Comodato: a chi spetta la manutenzione straordinaria

Breve commento e illustrazione delle motivazioni della recente sentenza di Cassazione Sezione Prima Civile 15 marzo 14 giugno 2018 15699

Continua

Comodato familiare e recesso

Un breve commento al recente orientamento della Cassazione sul recesso al contratto di comodato familiare

Continua

Commento alla sentenza Corte Cost. 158/2018 sulla Maternità

Alcune considerazioni sull’importante recente pronuncia del Giudice delle Leggi in tema di maternità

Continua

Pensione di invalidità. A chi spetta

Pensione di invalidità. Spetta solo ai residenti in Italia. Commento a Cass. 21901/2018

Continua

Infortunio in itinere. Anche in Bicicletta

Recente pronuncia di Cassazione: l'infortunio in itinere è risarcibile anche se in bicicletta

Continua

Parificazione servizi scuola. Commento a CEDU VI Sezione 20 settembre 2018

Un breve commento sulla recente pronuncia CEDU VI Sezione 20 settembre 2018

Continua

Mobbing: finalmente è una malattia professionale tabellata

Cass. Sez. Lav. 20774/2018: il mobbing è ora malattia tabellata INAIL

Continua

Criteri di calcolo del licenziamento illegittimo a seguito dell'incostituzionalità del Jobs act

Un commento alla recente sentenza del Tribunale di Taranto sui criteri per il licenziamento

Continua

Riconoscimento dei servizi pre-ruolo

Un breve excursus giurisprudenziale su alcuni orientamenti in merito al servizio pre -ruolo

Continua

Capacità di intendere e di volere e contratto di lavoro

E' sufficiente un turbamento psichico per impedire la volontà cosciente di rassegnare le dimissioni

Continua

Indennità di accompagnamento e Alzheimer

Analisi della normativa relativa all'indennità di accompagnamento, con particolare riferimente al morbo di Alzheimer

Continua

Accertamento tecnico preventivo in materia di invalidità civile

Un breve commento e alcune brevi considerazioni sull'articolo 445 bis cpc a completamento delle questioni sulla tutela per l'invalidità

Continua

Precariato Scolastico. Riflessioni da una sentenza di merito

Qualche considerazione in merito alla sentenza del Tribunale di Napoli Nord con la quale il MIUR è stato condannato al risarcimento nei confronti di un precario ATA

Continua

Licenziamento legittimo per condotte disdicevoli dei lavoratori nella vita privata

Il lavoratore che ha un comportamento disdicevole in orario extra lavorativo mina il rapporto di fiducia con il datore di lavoro e può essere licenziato

Continua

I limiti del diritto di critica nell’ambito del rapporto di lavoro

Il diritto di critica del dipendente nei confronti del datore di lavoro va rapportato ai criteri della pertinenza, della continenza e della riservatezza

Continua

Risarcimento possibile per l'infortunio di un alunno in un torneo scolastico di pallamano?

Quali i presupposti del risarcimento danni a carico della scuola e del MIUR nel caso di infortunio di un alunno. Breve commento all’ordinanza di Cassazione 9983/2019

Continua

La nullità del contratto di transazione

In base al principio di conservazione del contratto, laddove il motivo non osti alla declaratoria di invalidità del contratto, lo stesso rimane valido

Continua