Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Cos'è esattamente e come si ottiene la Carta d'Identita italiana?


La carta d’identità è un documento di identità, munito di fotografia, rilasciato dallo Stato (tramite i Comuni), su supporto cartaceo, magnetico o informatico
Cos'è esattamente e come si ottiene la Carta d'Identita italiana?

Cosa è la carta di identità?

La carta d’identità è un documento di identità, munito di fotografia, rilasciato dallo Stato (per il tramite dei Comuni), su supporto cartaceo, magnetico o informatico, con la finalità di dimostrare l’identità personale del suo titolare.

Grazie al possesso della carta di identità la persona può circolare liberamente all’interno dello stato italiano e dei paesi membri dell’Unione europea; per questo motivo ogni persona è tenuta a recare con sé la propria carta d’identità al fine di poter essere identificato.

Da diversi anni esiste anche la carta d’identità elettronica; si tratta di un documento d’identità che ha la stessa validità legale della carta d’identità cartacea, ma è rilasciata su un supporto plastificato (simile, per dimensioni e composizione, ad un bancomat), munito di elementi per l’identificazione del titolare. La carta di identità elettronica è munita di un chip e può essere usata come carta elettronica di accesso ai servizi telematici della Pubblica Amministrazione.


Chi può richiedere la carta di identità?

La carta di identità può essere richiesta:
•    da tutti i cittadini italiani, con regole diverse a seconda che si tratti di maggiorenni o minorenni;
•    dai cittadini comunitari residenti (con i medesimi requisiti e documenti richiesti ai cittadini italiani);
•    dai cittadini stranieri extracomunitari residenti, che siano in possesso del permesso di soggiorno;
•    i cittadini italiani residenti all’estero.

 

Dove si richiede la carta di identità e quando viene rilasciata

Il rilascio della carta d’identità può essere richiesto presso l’ufficio anagrafico del Comune di residenza. La carta di identità può essere richiesta, ricorrendone i requisiti, in qualsiasi momento e viene rilasciata immediatamente.

Qualora la richiesta sia presentata da un minorenne accompagnato da un solo genitore e sprovvisto di altro documento di identificazione, la carta d’identità viene recapitata a domicilio del richiedente tramite la Polizia Municipale.


Come si ottiene la carta di identità per i maggiorenni

I cittadini maggiorenni devono presentarsi di persona allo sportello dell’anagrafe, con i seguenti documenti:
•    modulo compilato con i propri dati anagrafici (a disposizione del pubblico presso gli sportelli);
•    tre fotografie recenti, uguali e senza copricapo;
•    eventuale carta di identità scaduta;
•    un valido documento di riconoscimento (in mancanza occorre la presenza di due testimoni muniti di documento di identità valido).


Come si ottiene la carta di identità per i minorenni

I minori devono essere accompagnati dai genitori, muniti di un proprio documento di riconoscimento, e devono presentare allo sportello:
•    modulo di richiesta carta d’identità per minori di 18 anni;
•    tre fototessere recenti, uguali, senza copricapo;
•    eventuale documento di identificazione già in proprio possesso, in mancanza l’identificazione avviene mediante i genitori o comunque da un genitore e un’altra persona maggiorenne, in qualità̀ di testimone.


La validità della carta di identità

La carta di identità ha validità di dieci anni per i cittadini maggiorenni mentre per i minori la durata di validità̀ è differenziata in base all’età:
•    per i minori di età inferiore a 3 anni la carta d’identità ha una validità̀ di 3 anni;
•    per i minori da 3 a 18 anni la carta d’identità ha una validità di 5 anni.

La sua validità si estende, rispetto alla scadenza prevista per il documento, fino al giorno e mese di nascita del titolare.


La carta di identità valida per l’espatrio

Se si desidera che il documento sia valido per l’espatrio, occorre compilare e sottoscrivere una dichiarazione, su modello fornito allo sportello, in cui si dichiara di non trovarsi in nessuna condizione che ne impedisca il rilascio, e quindi in nessuna condizione che impedisca il rilascio del passaporto. In assenza di tale dichiarazione, sulla carta d’identità viene apposta la dicitura “non valida per l’espatrio”.

Per i minorenni è necessaria la firma contestuale di entrambi i genitori o del tutore. In caso di impossibilità di un genitore a recarsi presso lo sportello dell’anagrafe, è necessario produrre l’assenso con le seguenti modalità:
•    firma sulla busta/istanza modello per minorenni allegando la fotocopia del documento di identità;
•    dichiarazione di assenso all’espatrio del minore scritta su foglio a parte, firmata e corredata da fotocopia di un documento di riconoscimento.
In mancanza di tale assenso occorre il nulla osta del Giudice Tutelare.

Per i minori di anni 14 la carta d’identità valida per l’espatrio può riportare, a richiesta, il nome dei genitori o di chi ne fa le veci. L’uso della carta d’identità ai fini dell’espatrio è subordinato alla condizione che essi viaggino in compagnia di uno dei genitori o di chi ne fa le veci, o che venga menzionato, in una dichiarazione rilasciata da chi può dare l’assenso o l’autorizzazione, il nome della persona, dell’ente o della compagnia di trasporto a cui i minori medesimi sono affidati. Tale dichiarazione è convalidata dalla Questura.


La carta di identità per i cittadini stranieri

Per ottenere la carta di identità, i cittadini stranieri comunitari, extracomunitari o apolidi (ossia senza cittadinanza) residenti in Italia, devono recarsi allo sportello dell’anagrafe muniti di:
•    tre fototessere frontali, recenti e senza copricapo;
•    un valido documento di riconoscimento e, per i cittadini stranieri extracomunitari o apolidi residenti in Italia, il permesso di soggiorno in originale e in corso di validità (ovvero copia del permesso di soggiorno scaduto e la ricevuta in originale della richiesta di rinnovo presentata prima della scadenza del permesso di soggiorno o entro sessanta giorni dalla sua scadenza).

In questi casi la carta d’identità viene rilasciata come non valida ai fini dell’espatrio.


Il rinnovo della carta di identità

Il rinnovo della carta di identità può essere richiesto a decorrere dal 180° giorno precedente la scadenza. Per ottenerlo bisogna recarsi allo sportello dell’anagrafe con i seguenti documenti:
•    tre fotografie recenti, uguali e senza copricapo;
•    la carta di identità scaduta o in scadenza;
•    un valido documento di riconoscimento (qualora la carta d’identità che restituisce non sia più idonea all’identificazione della persona). In mancanza occorre la presenza di due testimoni muniti di documento d’identità valido.
Non è necessario richiedere una nuova carta d’identità a seguito di cambi di indirizzo e di residenza.


La proroga della carta di identità

La norma che ha previsto la validità decennale della carta di identità, aumentando gli anni da cinque a dieci, si applica anche alle carte di identità valide alla data di entrata in vigore della legge, cioè al 25 giugno del 2008. Questo significa che le carte di identità, rilasciate dopo il 26 giugno 2003, possono essere prorogate e hanno validità decennale (non più quinquennale) se sono convalidate dagli uffici anagrafici dei comuni di residenza, tramite l’apposizione di un timbro sulla carta di identità che indica la nuova data di scadenza, il cosiddetto timbro di proroga.
La proroga della carta di identità può essere richiesta in qualsiasi momento dal cittadino interessato o da persona diversa dall’intestatario della carta, se munita di delega e di documento di riconoscimento dell’intestatario.


Smarrimento, furto e deterioramento

In caso di smarrimento o di furto della carta di identità, occorre presentarsi allo sportello anagrafico con la documentazione seguente:
•    tre fotografie recenti, uguali e senza copricapo;
•    l’originale, più una fotocopia, della denuncia di smarrimento o furto resa all’autorità di pubblica sicurezza (es. Carabinieri o Polizia di Stato);
•    altro documento di riconoscimento valido per l’immediato rilascio (in mancanza occorre la presenza di due testimoni muniti di documento d’identità valido).
In caso di deterioramento della carta di identità, invece è necessario presentarsi allo sportello con i documenti seguenti:
•    tre fotografie recenti, uguali e senza copricapo;
•    il documento deteriorato;
•    altro documento di riconoscimento valido per l’immediato rilascio (in mancanza occorre la presenza di due testimoni muniti di documento d’identità valido).


Quanto costa fare la Carta di Identità

Il rilascio della carta d’identità costa Euro 5,42.


La carta di identità per i cittadini italiani residenti all’estero

La carta d’identità cartacea può essere rilasciata anche ai cittadini italiani iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E.). Ha la stessa funzione e validità della carta d’identità cartacea rilasciata ai cittadini italiani residenti in Italia.
La carta d’identità può essere richiesta all’ufficio anagrafico competente del Comune di iscrizione A.I.R.E. e, dal 1° giugno 2007, il rilascio della carta d’identità può essere effettuato direttamente dagli Uffici Consolari italiani all’estero.

Gli uffici competenti rilasceranno la carta di identità dopo aver accertato che il richiedente possegga la cittadinanza italiana, su presentazione della seguente documentazione:
•    passaporto o precedente carta d’identità;
•    tre fototessere frontali, recenti e senza copricapo.


La carta di identità elettronica

La carta di identità elettronica è un documento d’identità che ha la stessa validità legale della carta d’identità cartacea, ma è rilasciata su un supporto plastificato che riporta elementi utili alla identificazione del titolare. La carta di identità elettronica è munita di un chip e può essere usata come carta elettronica di accesso ai servizi telematici della Pubblica Amministrazione.

Più precisamente, la carta contiene, memorizzate su un microchip e su una banda ottica, i dati personali, il codice fiscale, i dati di residenza, la cittadinanza, il codice numerico del comune di rilascio, la data del rilascio e la data di scadenza oltre alla firma del titolare, la fotografia ed eventuale indicazione di non validità ai fini dell’espatrio. Potrà contenere anche i dati amministrativi del Servizio Sanitario Nazionale, e tutte le informazioni occorrenti per la firma digitale.

Al momento del rilascio della carta, a tutela della sicurezza del cittadino, sono rilasciate allo stesso tre codici personali segreti: il PIN (cioè una sequenza di numeri personali e segreti che permette il riconoscimento dell’utente in sicurezza), il PUK (cioè il codice per sbloccare il PIN nel caso in cui il cittadino ne sbagli la digitazione per tre volte o dimentichi il proprio numero) ed il CIP utile ad impedire l’uso del PIN ad altri se la carta viene smarrita o rubata.

In base alle recenti novità normative che tendono a favorire le comunicazioni in via telematica, si prevede di utilizzare il cosiddetto Documento Unificato, cioè un unico documento che andrà a sostituire la carta di identità, la tessera sanitaria e il codice fiscale. Il recentissimo Decreto del Fare ha previsto che, al momento della richiesta del documento unificato, ovvero all'atto dell'iscrizione anagrafica o della dichiarazione di cambio di residenza (ma solo quando sarà operativa la nuova Anagrafe nazionale della popolazione residente) è assegnata al cittadino una casella di posta elettronica certificata, con la funzione di domicilio digitale.

 

Scarpelli Dos Santos Reis, Luiz Gustavo, advogado e cittadino italo-brasiliano che agisce per il riconoscimento della cittadinanza in Italia per i Cittadini di Ceppo italiano nati all'estero (Brasile, Argentina e Stati Uniti) e Legge sull'Immigrazione. È registrato in Brasile come Advogado presso il Consiglio Dell’Ordine degli Avvocati di MG, SP, RJ, ES e GO. È Membro e giurista dello IAMG - Istituto degli Advogados di Minas Gerais, Brasile. In Europa è Membro del Council of Bars and Law Societies of Europe. In Italia è Advogado iscritto come Avvocato Stabilito nell'Albo dell’Ordine degli Avvocati di Roma e nell'Albo del Consiglio Nazionale Forense d’Italia. In Portogallo è advogado iscritto al Consiglio di Coimbra dell'Ordine degli Avvocati Portoghese. Fondatore della Catena del Bene nella cittadinanza italiana su YouTube, ha aiutato più di 1.000 persone vittime della criminalità organizzata in Brasile e in Italia.

Visite o SITE do Studio Legale Adv. Luiz Scarpelli em Roma: www.advscarpelli.it

Siga o Adv. Luiz Scarpelli no FACEBOOK: https://www.facebook.com/advluiz.scarpelli.5

Siga o Adv. Luiz Scarpelli no YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCyJy6fJFN9ddsJ1Fy5cibQQ?view_as=subscriber

Siga o Adv. Luiz Scarpelli no INSTAGRAM: https://www.instagram.com/advluizscarpelli/

Siga o Adv. Luiz Scarpelli no TWITTER: https://twitter.com/AdvScarpelli

Mande um WHATSAPP (Itália) para o advogado Luiz Scarpelli: +39 328.537-1777

E-mail: judicial@advscarpelli.it

#correntedobem, #luizscarpelli, #scarpelli, #advogadoscarpelli, #advocaciascarpelli, #advluizscarpelli, #cidadaniaitaliana, #antenatoitaliano, #passaporteitaliano, #vivernaitalia, #vivernaeuropa, #cidadaniaitalianalegal, #cidadaniaitalianajudicial, #viamaternajudicial, #viapaternajudicial, #açãocontraasfilasdosconsulados, #açãocontraasfilas, #advogadoemroma, #tribunaleordinariodiroma, #ordineavvocatiroma, #ordinedegliavvocatidiroma, #consiglionazionaleforense, #iuresanguinis, #cittadinanzaitaliana #tribunaleordinariodiroma, #tribunalecivilediroma, #passaportoitaliano, #identitàitaliana, #passaportorosso, avvocatostabilito

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L’analisi dei documenti nel processo di Cittadinanza Italiana!

Come funziona il processo di riconoscimento di cittadinanza italiana iure sanguinis e come devono essere trattati i documenti (certificati)!

Continua

Preparazione dei documenti in Brasile per la cittadinanza italiana

La preparazione dei documenti nel Processo di Riconoscimento della Cittadinanza Italiana iure sanguinis, per i cittadini italiani di ceppo italiano nati a l’estero!!!

Continua

La cittadinanza italiana giudiziale e il principio IURE SANGUINIS!

Sono riconosciuti dalla Costituzione italiana come cittadini, i figli di padre e/o di madre cittadini italiani, cioè la base è il principio IURE SANGUINIS!

Continua

I documenti necessari per il riconoscimento della cittadinanza italiana

Per il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis è necessario dimostrare il sangue italiano, cioè di essere figlio o figlia di cittadini italiani

Continua

Chi ha diritto di riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Tutti i cittadini di ceppo italiano, nati in Italia o all’estero, senza limite generazionale, hanno il diritto di riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Continua

Chi è l'Advogado che ha denunciato la cittadinanza truffata in Italia?

L'advogado italo-brasiliano Dott. Luiz Scarpelli, del Foro di Roma, fornisce consulenza legale in materia di cittadinanza italiana e diritto immigratorio nell'UE!

Continua

Il rischio della strada amministrativa nella cittadinanza italiana!

È sicuro cercare il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis in un Comune in Italia, nella strada amministrativa, con l'aiuto di un consulente?

Continua

Strade legale per riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Quali sono le strade legale disponibili per il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis?

Continua

Cos'è e cosa significa "Spazio Schengen"?

L’area Schengen comprende 26 paesi europei che hanno deciso di rimuovere tutti i controlli alle frontiere interne

Continua

L'immigrazione degli italiani all'estero dagli anni 1780 al 1945

Dagli anni 1780 al 1945, sono andati all’estero, ovvero emigrati, circa 26 milioni di cittadini italiani, per fuggire dalla fame, dalla povertà e dalle guerre

Continua

La criminalità organizzata e la truffa nella cittadinanza italiana!

È sicuro cercare il riconoscimento della cittadinanza italiana in Comune attraverso la via amministrativa con l'aiuto di un "consulente disbrigo pratiche"?

Continua

Il permesso di soggiorno per residenza elettiva in Italia

Per gli stranieri che sono interessati a trasferirsi e vivere in Italia è prevista la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno per residenza elettiva

Continua

Ius soli: cosa rappresenta esattamente questo istituto?

Prima di tutto, dobbiamo concettualizzare l'espressione latina così ben nota a tutti noi, che prende sempre più spazio nelle notizie stampa!

Continua

Il sistema di Pantouflage per combattere la corruzione nella P.A.

Istituto del Pantouflage: ha lo scopo di evitare che il dipendente pubblico possa sfruttare la conoscenza della struttura organizzativa della P.A. per trarne vantaggio

Continua

L'importanza dell'Istituto Open Government Partnership

Come strumento per prevenire la corruzione, l’Agenzia Nazionale Anticorruzione (ANAC) ha avviato una strategica e fondamentale operazione di trasparenza...

Continua

Whistleblower nella pubblica amministrazione in Italia!

Il dipendente pubblico non può scegliere se segnalare o no un atto illecito o di corruzione nella pubblica amministrazione. E' un dovere

Continua

Il fenomeno corruttivo, un cancro da contrastare!

Prima di tutto, vorrei dire che la prevenzione alla corruzione ovviamente non è facile. Sì tratta di un fenomeno diffuso, complesso!!!

Continua

La responsabilità amministrativa dei dipendenti pubblici nella p.a.

Prima di tutto è necessario capire bene quali siano le differenze tra la responsabilità amministrativa, la responsabilità civile e la responsabilità contabile

Continua

Il modello europeo della prevenzione alla corruzione

Prima di tutto è importante chiarire che c’è sempre stata una preoccupazione internazionale nel perseguimento della pace nel mantenimento e rafforzamento dello Stato

Continua

Accesso civico nella P.A. semplice e generalizzato: cos'è e quale evoluzione?

Quando parliamo di pubblicità e trasparenza stiamo parlando di principi generali dell’attività amministrativa della P.A. previsti nell’articolo 1 dalla legge 241/1990

Continua

Il Lobbying nella Pubblica Amministrazione: problematiche e soluzioni!

Parliamo di lobbying, nelle sue diverse forme e variazioni, sia a livello ufficiale, sia a livello non ufficiale, però ad ogni modo una attività antipatica...

Continua

L'importanza della consapevolezza nella prevenzione alla corruzione

Per lottare veramente contro il fenomeno corruttivo è necessario assimilare e sanare le debilitazioni gestionali e organizzative dentro la p.a.

Continua

La discrezionalità della p.a. nei contratti e negli appalti pubblici

Il target principale delle organizzazioni criminose in Italia sono i contratti e gli appalti pubblici...qui si trova il problema centrale

Continua

La lotta alla corruzione in materia di sanità (Appalti - COVID-19)

L'incidenza della pianificazione anticorruzione quale strumento di ottimizzazione del procurement in sanità

Continua

L'immigrazione e la grande naturalizzazione degli italiani in Brasile

La c.d. “Grande Naturalizzazione” del 1889-1891 è stata introdotta con il “Decreto n. 58 A” emanato il 15.12.1889 dal Governo provvisorio brasiliano

Continua