Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Cosa fare se vostro figlio provoca o subisce un incidente a scuola


A fronte di un sinistro accaduto a scuola, i genitori del minore danneggiato possono chiedere il risarcimento dei danni alla Scuola e ai genitori del danneggiante
Cosa fare se vostro figlio provoca o subisce un incidente a scuola

Un bambino, di anni 6, durante la lezione, spintona un compagno che, cadendo al suolo, si rompe un braccio. Ne deriva un danno fisico e un disagio psicologico al minore infortunato. Dell’accaduto, chi risponde? Dinnanzi a questa domanda, la maggioranza degli interpellati, risponderebbe: “La colpa è senz’altro dei maestri che non hanno diligentemente vigilato sugli alunni”. La risposta è corretta, ma solo in parte e ora vediamo insieme il perché.

Nel nostro ordinamento, ai sensi dell’art. 2 codice civile, è solo con il conseguimento della maggiore età che il soggetto acquista la cd. capacità di agire e diventa responsabile dei propri atti e, nello specifico, responsabile nei confronti dei terzi per il danno conseguente ad un atto illecito, ai sensi degli artt. 2043 e ss. codice civile.

Prima del raggiungimento della maggiore età, è un altro soggetto a rispondere degli atti illeciti compiuti dai minori. L’art. 2048 del codice civile disciplina, ad esempio, la responsabilità dei genitori e dei maestri nei confronti dei terzi danneggiati dai minori.

Nello specifico, l’articolo prevede che i precettori ed i maestri di un’arte siano responsabili per i propri allievi ed apprendisti per il tempo in cui essi sono sotto la loro vigilanza. Perciò i primi dovranno rispondere dei fatti illeciti compiuti da essi nei confronti dei terzi danneggiati, tranne nell’ipotesi in cui dimostrino di non aver potuto impedire il fatto. Trattasi della cosiddetta culpa in vigilando dei maestri.

Accanto a tale responsabilità, tuttavia, potrebbe esservi anche quella dei genitori del minore che ha cagionato il fatto, purché con essi convivente. Trattasi della cosiddetta culpa in educando. Pertanto la prova liberatoria per tali genitori sarà quella di dimostrare di aver impartito al figlio una buona educazione, in conformità a ciò che è ritenuto dovuto secondo l’età, il carattere e l’indole del minore, nonché delle condizioni sociali e familiari dello stesso.

Quanto ai genitori di un minore, infatti, ai sensi dell’art. 147 c.c. essi hanno il dovere di educarlo e di correggere i comportamenti scorretti dello stesso, in modo che possa sviluppare la propria personalità all’interno di un certo ambiente, secondo una vita di relazione con gli altri, senza nuocere a terzi. In ragione della cd. culpa in educando, pertanto, il genitore risponderà anche per gli eventi lesivi verificatisi lontano dalla propria diretta sfera di controllo.

In conseguenza dell’art. 2048 codice civile, il presupposto per la responsabilità del genitore e del maestro è, rispettivamente, l’inadeguatezza dell’educazione impartita al minore (quanto ai genitori) ovvero della vigilanza esercitata sullo stesso (quanto ai maestri) che, in mancanza di altra prova, potrà essere desunta dal fatto illecito stesso, dal quale potrà infatti ricavarsi il grado di maturità e di educazione del minore, conseguente al mancato adempimento del preciso dovere allo stesso richiesto.

Per la specifica responsabilità degli insegnanti, invece, in capo al maestro opera la presunzione di responsabilità posta a carico dei precettori di cui all’art. 2048, comma 2, c.c., salvo che abbia adottato tutte le misure idonee ad evitare la situazione di pericolo dalla quale ha avuto origine il danno. La Scuola, certamente, deve vigilare sulla sicurezza ed incolumità di ogni alunno durante il tempo in cui questi fruisce della prestazione scolastica contrattuale in tutte le sue espressioni. L’insegnante, da parte sua, in quanto dipendente dell’istituto scolastico, assume, nel quadro del complessivo obbligo di istruire ed educare, anche uno specifico obbligo di protezione e vigilanza, onde evitare che l’allievo si procuri un danno alla persona.

Si dovrà, altresì, tenere presente che alcune pronunce giurisprudenziali della Corte di Cassazione hanno chiaramente specificato che l’obbligazione di vigilanza determina l’onere in capo alla Scuola di predisporre tutti gli accorgimenti necessari ad evitare che gli alunni si procurino un danno sia all’interno dell’edificio sia nelle pertinenze scolastiche di cui abbia la custodia, ivi compreso il cortile antistante l’edificio scolastico, ove è consentito l’acceso e lo stazionamento degli alunni, con l’apertura del cancello (cfr. Cass. Civ., n. 22752/2013).

Quindi, tornando al caso sopra accennato, accanto alla responsabilità della scuola e del maestro (che, nell’occasione, si era allontanato dall’aula per prendersi in tutta tranquillità un caffè), è stata ravvisata altresì una responsabilità dei genitori del minore danneggiante. Dall’istruzione del caso, infatti, era emerso che i genitori erano soliti incentivare il minore a reagire con la forza fisica dinnanzi a qualsiasi espressione del pensiero che lo trovava dissenziente. 

Lo Studio Legale DMLex offre assistenza in materia, puntando a definire le vertenze in fase stragiudiziale, con risparmi di tempo e di spese. 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Separazione di fatto e separazione legale: quale differenza?

Solo la separazione legale - consensuale o giudiziale - ha efficacia giuridica e ciò la distingue dalla separazione di fatto

Continua

I vantaggi di una separazione e di un divorzio congiunto

Procedura più snella, spese contenute, mantenimento dei rapporti interfamiliari: ecco le ragioni per preferire un accordo di separazione e di divorzio

Continua

Come quantificare il mantenimento pro (ex) coniuge e figli?

Tra gli elementi che influiscono sulla misura del mantenimento v'è l'assegnazione della casa familiare. Esempi pratici per comprendere meglio l'istituto

Continua

Convivenza e unione civile, differenze e tutele

Accanto alla famiglia tradizionale fondata sul matrimonio, si affermano sempre più le convivenze e le unioni civili. Il ruolo fondamentale del legale in questo ambito

Continua

Ai diritti dei bambini corrispondono i doveri dei genitori

Tutelare il superiore interesse del minore significa anche non esporlo ai conflitti tra genitori

Continua

Il fondo patrimoniale: cassaforte del patrimonio della famiglia

Il fondo patrimoniale, se usato propriamente, può assicurare risorse ai bisogni della famiglia

Continua

Tutti possono guardare al futuro con più ottimismo!

La legge sul dopo di noi, mediante la regolamentazione del trust, ha introdotto tutele a favore dei disabili

Continua

Il testamento: tutela dell’individuo e della sua volontà

Il testamento è l’atto che contiene le disposizioni di ultima volontà. Per questo va redatto come prescrive la legge

Continua

Infortuni sul lavoro e inosservanza delle misure di sicurezza

La mancata attuazione delle misure di sicurezza e il conseguente infortunio sul lavoro espongono il datore di lavoro inadempiente a una responsabilità civile e penale

Continua

Fondo di Garanzia Inps, recupero dei crediti nei rapporti di lavoro

Tra gli istituti a tutela del lavoratore, il Fondo di Garanzia Inps ha un ruolo decisivo in caso di fallimento del datore di lavoro

Continua

Licenziamento, conoscere l'istituto per una maggiore tutela

Il licenziamento per giusta causa e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Quali tutele per il datore di lavoro e per il lavoratore

Continua

Il mobbing: caratteristiche, risvolti procedurali e risarcitori

Il mobbing, nelle sue varie accezioni (verticale/orizzontale, straining), implica un comportamento, reiterato, che incide sulla salute psichica del lavoratore

Continua

Il procedimento disciplinare per lavoratore e datore di lavoro

Il procedimento disciplinare: dalla contestazione all'(eventuale) irrogazione della sanzione

Continua

Il Coronavirus e gli effetti sui contratti già stipulati

Le limitazioni imposte dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covit-19 quali causa di risoluzione dei contratti per impossibilità sopravvenuta

Continua

Covid-19: tutela del diritto di visita di genitori separati/divorziati

Resta inalterato il diritto di visita dei figli, trattandosi di spostamento necessario rientrante tra le situazioni di necessità

Continua

Gli effetti del Coronavirus sui contratti di locazione

Sospensione/riduzione dei canoni di locazione per immobili sia ad uso abitativo sia ad uso commerciale. Cenni agli studenti universitari, lavoratori emigrati e negozi.

Continua

Coronavirus, asili e scuole private: sono dovute le rette?

Scuole e asili chiusi a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: linee guida se le scuole private chiedono il pagamento delle rette

Continua

Smart working, lavorare ai tempi del Coronavirus

Lo smart - working, oggi largamente imposto a tutela della salute pubblica, se usato in modo intelligente, può inaugurare un nuovo rapporto tra lavoratori e datori

Continua

No al licenziamento per il lavoratore assente che assiste il disabile

Con la chiusura dei centri residenziali per i provvedimenti restrittivi da Covid-19, molti lavoratori si trovano licenziati per aver assistito il familiare disabile

Continua

Apertura e gestione del conto o del libretto pupillare: serve il giudice tutelare?

Trattasi di operazioni rientranti negli atti di ordinaria amministrazione, ragion per cui è superflua l'autorizzazione del Giudice Tutelare

Continua

Minori in conflitto di interesse con i genitori. Il curatore speciale

Tra i casi in cui è opportuna la nomina del Curatore Speciale v'è la sussistenza di un conflitto di interessi tra figlio e genitori: ruolo e funzioni

Continua

Coronavirus: mantenimento dei figli nelle separazioni e nei divorzi

La crisi economica da Coronavirus ha inevitabilmente effetti nelle famiglie di genitori separati e divorziati con riguardo al quantum del mantenimento pro figli

Continua

Family Act in arrivo: ecco cosa prevede

Il Family Act prevede una serie di misure per il sostegno economico delle famiglie con figli a carico. Illustriamone il contenuto

Continua

L'amministrazione di sostegno: funzioni e ruolo

L'amministrazione di sostegno è quell'istituto flessibile che ha il nobile obiettivo di valorizzare l'autodeterminazione del singolo, affiancandolo nel quotidiano

Continua

Bigenitorialità e tutela del minore

Perché è importante per il minore mantenere il rapporto con entrambi i genitori anche in fase di separazione e divorzio. Il pernottamento presso il padre

Continua

I diritti relazionali nell'infanzia e il ruolo dei nonni

Quanto i nonni e i parenti sono importanti per la crescita dei minori. Vivere in armonia è possibile se tutti si danno da fare!

Continua

Covid-19 e locazione commerciale: riconosciuta la riduzione del canone

Riconosciuta anche dal Giudice la opportunità di rinegoziare i canoni di locazione relativi a immobili non utilizzabili in ragione delle misure limitative per Covid-19

Continua

Il mantenimento del figlio maggiorenne: nuove prospettive

Una recente pronuncia giurisprudenziale in materia definisce i principi fondamentali dell’istituto

Continua

Revoca dell'assegno divorzile se l'ex coniuge ha stabile relazione

La Corte di Cassazione ha confermato l'orientamento secondo cui la stabile relazione sentimentale instaurata dall'ex coniuge fa venire meno il diritto all'assegno.

Continua

Amministratore di sostegno e vaccinazione anti Covid

Tra i compiti di cura dell'amministratore di sostegno rientra anche organizzare la vaccinazione anti covid-19

Continua