Richiedi una consulenza in studio gratuita!

COVID19 - Sappiamo davvero la differenza tra isolamento e quarantena?


E' importante declinare questa distinzione anche all'interno delle aziende, per permettere ai datori di lavoro di gestire al meglio eventuali casi di contatto.
COVID19 - Sappiamo davvero la differenza tra isolamento e quarantena?

 

Risultare positivi al Coronavirus o aver avuto contatti diretti con soggetti positivi porta a dover gestire la propria situazione in maniera diversa a seconda, appunto, del risultato del tampone effettuato, in molti casi, però, non si sa perfettamente come si debba gestire l’isolamento o la quarantena.

Per questo oggi proponiamo le indicazioni per la durate ed il termine dell’isolamento e della quarantena che il Ministro della Salute ha deliberato il 12 ottobre scorso.

Esistono quattro differenti modalità di gestione a seconda dei seguenti casi:

  1. Positivo asintomatico: è previsto un isolamento di almeno 10 giorni di calendario fino al presentarsi di un test molecolare negativo.
  2. Positivo sintomatico: è previsto un isolamento di 10 giorni e un test molecolare negativo dopo almeno 3 giorni senza sintomi
  3. Positivo a lungo termine: "in caso di assenza di sintomatologia (eccezione per ageusia / disgeusia e anosmia che possono perdurare per diverso tempo dopo la guarigione) da almeno una settimana, terminerà l'isolamento dopo 21 giorni dalla comparsa dei sintomi. Questo criterio potrà essere modulato dalle autorità sanitarie d'intesa con esperti clinici e microbiologi / virologi, tenendo conto dello stato immunitario delle persone interessate (nei pazienti immunodepressi il periodo di contagiosità può essere prolungato ");
  4. Contatti stretti asintomatici: è prevista una quarantena di 14 giorni oppure una quarantena di 10 giorni e un test antigenico o molecolare negativo finale.

Ma qual è la differenza tra quarantena e isolamento?

Sempre il Ministero della Salute evidenzia che l’isolamento dei casi di documentata infezione da SARS-CoV-2 si riferisce alla separazione delle persone infette dal resto della comunità per la durata del periodo di contagiosità. Questo deve avvenire in un ambiente e in condizioni tali da prevenire la trasmissione dell’infezione.

Per quanto riguarda la quarantena, invece, questa si riferisce alla restrizione dei movimenti di persone sane per la durata del periodo di incubazione del virus. Queste persone potrebbero essere state esposte ad un agente infettivo o alla malattia; l’obiettivo è quello di monitorare l’eventuale comparsa di sintomi e identificare repentinamente i nuovi casi.

Lo schema seguente esemplifica le varie possibilità e può essere uno strumento utile a datori di lavoro o RSPP delle aziende per la gestione efficace di eventuali casi di positività o di contatto stresso con potenziali positivi. Questi aspetto sono fondamentali infatti per garantire la continuità di impresa in queste situazioni, mantenendo alta l'attenzione sulla salute e sicurezza dei propri collaboratori.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Guida all'allestimento della postazione con videoterminale

Lavorare in ufficio può apparentemente sembrare un'attività che non comporta alcun rischio per la salute del lavoratore, in realtà è importante valutare questo rischio

Continua

Un passo avanti nella UNI ISO 45001

La UNI ISO 45001 diventa uno degli strumenti chiave per la gestione della salute e sicurezza sul lavoro

Continua

Il problema multidimensionale del mal di schiena

La lombalgia è una malattia multifattoriale e debilitante, che esercita un enorme onere socioeconomico sugli individui e sui sistemi di assistenza sanitaria

Continua

ATEX - L’importanza della gestione del rischio esplosione

Due incidenti, seppur con finali diversi, ricordano l'importanza che ricopre la valutazione del rischio esplosione (ATEX) all'interno di stabilimenti a rischio

Continua

Idoneità alla mansione: obblighi e provvedimenti del datore di lavoro

A valle del rilascio da parte del medico competente del giudizio di idoneità alla mansione, il datore di lavoro può dover gestire diverse casistiche anche delicate

Continua

Novità del Codice di Prevenzione Incendi

A breve verrà pubblicato un nuovo Decreto Ministeriale ai più noto come “Codice di prevenzione incendi”

Continua

Il comportamento abnorme del lavoratore

Nelle Sentenze relative ad infortuni sul lavoro si sente parlare spesso di “comportamento abnorme del lavoratore” come motivazione di ricorso da parte dell'imputato

Continua

PED - Uno strumento per il calcolo delle attrezzature a pressione

Si tratta di un utile strumento per verificare l'idoneità rispetto agli obblighi previsti dalla normativa delle proprie attrezzature a pressione

Continua

Documento sulle procedure di utilizzo del Transpallet Elettrico

Uno dei più comuni strumenti di lavoro all'interno delle aziende è sicuramente il Transpallet Elettrico, un'attrezzatura utilizzata per la movimentazione dei carichi

Continua

La responsabilità del datore di lavoro in tema di sicurezza

Cassazione: la formazione del dipendente non esime il datore di lavoro dal predisporre misure cautelari

Continua

Sicurezza lavoro, il ruolo di garanzia del CDA nel caso di società di capitali

Nel caso di società di capitali, gli obblighi di prevenzione degli infortuni gravano in maniera paritetica, fatto salvo il caso di delega, su tutti i membri del CDA

Continua

INAIL, proroga della scadenza delle richieste di incentivo

INAIL - Proroga della scadenza delle richieste di incentivo alle imprese virtuose

Continua

Affidare a terzi la redazione del DVR non esclude la responsabilità del datore di lavoro

Molte realtà decidono di affidare a terzi la redazione del DVR, strumento obbligatorio come stabilito dal D.lgs. 81/08 per la gestione della sicurezza in azienda

Continua

La videoconferenza è l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Ciò che risulta importante è porsi una domanda fondamentale: la videoconferenza è davvero l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Continua

L'infortunio sul lavoro per COVID-19 e la responsabilità del datore di lavoro

L'infortunio sul lavoro per Covid-19 non è collegato alla responsabilità penale e civile del datore di lavoro

Continua

Sicurezza sul lavoro: come è cambiata la formazione ai tempi Covid-19

Durante tutto il periodo di emergenza, uno dei settori della sicurezza nei luoghi di lavoro più colpiti è stato senza dubbio la formazione

Continua

Testo Unico: si va verso un aggiornamento?

Il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha sottolineato la necessità di porre una maggior attenzione sui temi legati proprio alla salute e sicurezza sul lavoro

Continua

COVID-19: proroga dell’emergenza, D.L. 7 ottobre e D.lgs. 81/2008

Prorogato lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 e introdotte modifiche al D.lgs. 81/2008

Continua