Richiedi una consulenza in studio gratuita!

D.P.C.M. 3 novembre 2020: faq e assemblee in presenza


Il Dpcm 3 novembre 2020 impone delle restrizioni, ma le Faq governative risultano essere contraddittorie con i divieti imposti
D.P.C.M. 3 novembre 2020: faq e assemblee in presenza

 

Il nuovo DPCM 3 novembre 2020 divide l’Italia in 3 aree di rischio con colori differenti e diverse misure volte al contenimento del virus.

A seguito del DPCM arrivano le FAQ governative che sebbene non abbiano alcun valore normativo/giuridico riportano per tutte le aree di rischio (gialla, arancione e rossa) il seguente quesito:

«È consentito svolgere assemblee condominiali in presenza?

Sì. E' fortemente consigliato svolgere la riunione dell'assemblea in modalità a distanza. Laddove ciò non sia possibile, per lo svolgimento in presenza occorre rispettare le disposizioni in materia di distanziamento sociale e uso dei dispositivi di protezione individuale».

Nessun cenno in relazione al divieto, per le aree rosse, di uscire dalla propria abitazione. Eppure, in un'altra FAQ, il Governo specifica che «non è consentito far visita o incontrarsi con parenti o amici non conviventi, in qualsiasi luogo, aperto o chiuso».

O è una svista del legislatore o il governo vuole sostenere che l’assemblea condominiale è una comprovata necessità per uscire di casa, dal proprio comune o addirittura dalla propria regione a seconda dei divieti vigenti?

Abbiamo ragione per sostenere che di fronte ad un controllo delle forze dell’ordine, una FAQ abbia pochissimo valore e che sicuramente un’assemblea non sia una comprovata esigenza.

Considerando che è proprio nei condomini che abitano le persone positive e ammalate, il rischio per gli amministratori di propagare il virus con le assemblee è altissimo.

Attualmente, inoltre, è molto difficile che vi siano le condizioni per la sicura gestione delle assemblee in presenza e ciò soprattutto per quelle che vedono coinvolti molti condomini.

Gli spazi per mantenere adeguate separazioni tra persone sono difficili da trovare (anche perché molte strutture afferiscono ad attività che sono state chiuse) e quando si trovano locali potenzialmente idonei sono estremamente costosi, i momenti di contatto - soprattutto all'ingresso ed all'uscita - sono inevitabili, ampi spazi richiedono l'utilizzo di sistemi di amplificazione della voce con tutte le difficoltà per le precauzioni per il passaggio del microfono.

La ratio che dovrebbe prevalere per i condomini è di uscire di casa il meno possibile e per motivi essenziali e per gli amministratori di limitare allo stretto essenziale le assemblee in quanto responsabili civilmente e penalmente in caso di contagio.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Super Ecobonus 110 e le assemblee condominiali in emergenza Covid-19

Come si può conciliare la possibilità per il condominio di ottenere il bonus 110% e l'impossibilità oggettiva di tenere una assemblea condominiale immune da rischi

Continua

Condominio: è davvero scaduto il termine dei 180 giorni per il rendiconto in epoca Covid-19?

I provvedimenti anti Covid-19 si configurano come impossibilità sopravvenuta in merito all'obbligo di tenere le assemblee entro 180 giorni dalla chiusura dell'esercizio

Continua

Perchè è meglio evitare l'uso del contante in condominio?

Il contante in condominio e i suoi rischi, sia negli incassi delle quote condominiali sia nel pagamento dei fornitori

Continua

Condominio: il diritto di visione della documentazione condominiale

I condomini possono prendere visione dei documenti giustificativi di spesa in ogni tempo ed estrarne copia a proprie spese

Continua

L'avviso di convocazione dell'assemblea condominiale

Dal 2014 la giurisprudenza afferma la sussistenza della tassatività delle forme dell'avviso di convocazione. Ecco quali sono

Continua

L’assemblea indica come impiegare gli attivi di gestione per compensa

L'assemblea indica come impiegare gli attivi di gestione derivanti da rendite

Continua

E' legittimo convocare l'assemblea alle due di notte?

Si può convocare l'assemblea in orari notturni per favorire la partecipazione alla seconda assemblea?

Continua

La prorogatio imperii e le attività dell'amministratore

Focus sulle attività che l'amministratore può svolgere in prorogatio imperii

Continua

Nomina giudiziale dell'amministratore di condominio se il precedente è in prorogatio

La nomina di un amministratore giudiziale quando l'amministratore attuale è in prorogatio imperii

Continua

Avviso di convocazione e registro di contabilità

Quali documenti allegare insieme all'avviso di convocazione per l'approvazione dei bilanci?

Continua

Il condominio parziale e le sue delibere

Le delibere, i partecipanti delle delibere e la divisione delle spese nel condominio parziale

Continua

La messa in mora è indispensabile nel recupero crediti

L'utilità della messa in mora del condomino moroso ai fini del recupero del credito condominiale

Continua

Condominio, il recupero giudiziario del credito

Il codice civile impone all’amministratore di condominio il preciso obbligo di attivarsi per il recupero forzoso delle somme dovute dai condomini morosi

Continua

Nei condomini residenziali è prevista l’IVA al 10% per l’elettricità

Iva agevolata al 10% per l'energia elettrica nei condomini residenziali

Continua

Superbonus 110%: l'Agenzia Entrate ammette i compensi dei professionisti

L'Agenzia delle Entrate chiarisce la detrazione dei compensi dei professionisti

Continua

Cause di nullità e di annullabilità delle delibere condominiali

Nuova sentenza delle Sezioni Unite sull'annullabilità o la nullità delle delibere condominiali

Continua