Dal Benefit al Welfare Aziendale


Come cambia la gestione delle risorse nelle PMI, passando da una logica di benefit ad una di Welfare
Dal Benefit al Welfare Aziendale
E’ assodato che ormai la produttività del dipendente o del manager non può essere sostenuta solamente dal concetto di "paga", che rimane comunque la componente principale, oggi si aggiunge qualcos’altro, il welfare aziendale.
Uno degli scogli è quello legato alla competitività, produrre di più, con una qualità maggiore ad un costo minore.
Per aumentare la produttività sia in termini quantitativi che qualitativi occorrerebbe, a mio avviso, lavorare sulla motivazione (aspetti emotivi) sulla capacità di creare (e mantenere) relazioni umane, generare connessioni (continue) fra le persone che lavorano nella tua azienda.
Tutti coloro che lavorano con te, hanno un disperato bisogno di sentirsi considerati come persone, in una logica non solo retributiva, bensì crescita, di mansioni responsabilizzanti, di gratificazione per il lavoro svolto.
E’ meglio un riconoscimento intangibile ogni giorno, che grandi discorsi istituzionali fini a se stessi, con le medesime parole vuote, figlie della comunicazione aziendale anni 70/80. In parole povere meglio un "ciao" ogni giorno che freddi momenti di valutazione aziendale.
Non sto parlando soltanto di benessere sul luogo di lavoro, che sicuramente è già un primo importante passo, igiene e sicurezza sono punti indispensabili ma non sufficienti, il welfare aziendale si sposta fuori della tua azienda andando a coinvolgere anche gli aspetti famigliari, l’immagine che la tua azienda possiede nel territorio, l’immagine che offre nei confronti di clienti e fornitori, l’immagine che offre ai famigliari e conoscenti di coloro che lavorano con te.
La separazione lavoro/famiglia non è certo di aiuto alla tua azienda, si è soliti pensare che i problemi del lavoro quando portati a casa rendano complicati i rapporti famigliari, ma più sovente accade invece il contrario, che proprio i problemi famigliari influenzino negativamente la produttività del dipendente.
Bisogna a mio avviso abbattere questo tabù, la distinzione fra vita privata e vita lavorativa, il welfare aziendale si occupa soprattutto di permettere la conciliazione fra gli impegni lavorativi con la vita privata, pensiamo per un attimo a soluzioni di orari modulabili per andare incontro alle esigenze delle donne, conciliare gli orari di lavoro con quelli scolastici per chi ha figli più piccoli ad esempio, l’utilizzo del maggiordomo aziendale per sopperire a mille piccole faccende che distolgono l’attenzione dall’attività lavorativa in particolar modo del management ecc.
Lo stato sociale si sta sbriciolando, è un fatto, da molto tempo ormai non è più in grado di garantire i livelli di assistenza e tutela degli anni passati, un esempio tipico è rappresentato dall’aspetto pensionistico.
Un altro punto su cui bisognerebbe lavorare è che il welfare aziendale non dovrebbe essere soltanto frutto di una scelta unilaterale e spontanea dell’imprenditore, bensì andrebbe fatto rientrare a pieno diritto nella trattativa sindacale.
Non si tratta di iniziative spot, bensì di parte integrante e strutturale della strategia complessiva dell’impresa che coinvolge tutti, dipendenti, sindacati, management, imprenditore.
Primo passo essenziale sarebbe la creazione di un gruppo di lavoro, il cui compito sarà quello di creare il clima ed occuparsi della comunicazione, della pianificazione, misurazione e messa in atto di un piano strategico di welfare aziendale.
La relazione capo, gruppo di lavoro, o se vogliamo usare l’inglesismo Leader e Team sono essenziali a questo punto per cominciare a creare quel terreno fertile che conduca ad un vero welfare aziendale.
Fondamentale la relazione one to one con i colleghi e qui la figura del leader diventa fondamentale. Essenziale per un buon leader indipendentemente dallo stile di leadership adottato chi ricopre questo ruolo deve essere in grado di gestire con efficacia le relazioni nel team.
Il line manager è l’interfaccia dell’azienda nei confronti del lavoratore ma la Direzione lo deve mettere nelle condizioni di poter svolgere in maniera efficace il proprio ruolo.
Anzitutto non si possono gestire le persone allo stesso modo, le sensibilità e relative leve differiscono da persona a persona, possiamo essere simili ma sicuramente siamo tutti diversi, pertanto la comunicazione dovrà necessariamente essere personalizzata.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Successione quello che (FORSE) non sai

Il ricambio generazionale in azienda richiede sempre un'attenta pianificazione a tavolino per evitare conseguenze negative

Continua

Consulenti nel welfare, collaborare per crescere!

Consulente del lavoro e consulente finanziario, due figure chiave nel welfare aziendale. Come poter crescere collaborando

Continua

Più competitivo? Usa il WELFARE AZIENDALE!

Come il welfare aziendale porterà benefici importanti alla tua azienda

Continua

Progettare il welfare aziendale le basi

Come si progetta un piano di welfare aziendale? Primo di una serie di articoli dedicati, oggi partiamo dai fondamentali

Continua

Welfare aziendale fra cliente e lavoratore

Il welfare aziendale non si esaurisce solo all'interno dell'azienda ma coinvolge fornitori e clienti attuali, ma soprattutto quelli futuri.

Continua

Progettare un Welfare Aziendale il questionario

Un piano di welfare aziendale passa dall'analisi dei reali bisogni dei lavoratori, dell'ambiente di lavoro dalla percezione stessa del lavoro.

Continua

Progettare il welfare aziendale: IL CLIMA

Il primo passo nella creazione di un piano di welfare aziendale è senza dubbio quello di creare un clima interno all'azienda che sia adeguato

Continua

Welfare in azienda? Fra emozioni e comunicazione!

Il welfare aziendale non può prescindere dalle emozioni, la formazione unita ad una comunicazione interna ed esterna ne garantiranno il successo

Continua

Welfare aziendale un fatto di comunicazione

Il welfare aziendale in italia muove i primi passi ma i gap da colmare sono ancora molti qui troverai qualche soluzione

Continua

MIFID2, la vera difesa del risparmiatore

MIFID2: le nuove normative a difesa del risparmiatore, quali sono i tuoi diritti nei confronti delle banche

Continua

Investire con successo? Certo ma con metodo!

Investire con successo è certamente possibile, a patto però, che lo si faccia con metodo e rispettando determinate condizioni.

Continua

MIFID2 Tutela del Risparmio 3 cose che DEVI sapere

Le 3 cose che DEVI assolutamente conoscere delle MIFID2 le nuove normative europee a tutela del risparmio.

Continua

Previdenza tutti ciò che (DOVRESTI) Sapere

Se ti stai chiedendo in che modo, una polizza di previdenza integrativa possa esserti utile, qui troverai la risposta.

Continua

TFR al Fondo pensione? Vantaggi per l'azienda

Generalmente il trattamento di fine rapporto viene utilizzato dalle aziende come “forma di autofinanziamento”, come “liquidità di cassa”

Continua

I Titoli di Stato sono sicuri?

Con l'introduzione delle CACs (Clausole Azione Collettiva) viene de facto ridimensionata la figura dello Stato come garante assoluto

Continua

Prima d'investire, valuta l'Orizzonte Temporale!

Quando ci si approccia ad un investimento bisogna avere ben chiaro in mente per quanto tempo potrai ragionevolmente tenere investiti i tuoi soldi

Continua

Assicurazioni viaggio, proteggiti PRIMA di partire

Prima che la vacanza dei tuoi sogni diventi incubo, prendi precauzioni...è facile!

Continua

Liquidità sul conto corrente ma Conviene davvero?

Detenere i propri risparmi sul conto corrente o strumenti di liquidità pensi davvero che sia la scelta più conveniente?

Continua

Welfare aziendale si può ma con la rete d'impresa!

Il welfare aziendale coniuga la necessità di protezione del potere di acquisto da parte dei lavoratori con l’esigenza di rendimento aziendale

Continua

Sesa SpA, il Welfare si fa Territoriale!

Il welfare oggi da aziendale si fa territoriale, vediamo come in un esempio concreto

Continua

Welfare Aziendale? Ascolta i tuoi Dipendenti!

Comprendere i bisogni reali dei dipendenti, primo passo verso il successo del piano di Welfare

Continua

Millenials, un Welfare da (Ri)pensare?

Il welfare preconfezionato ai millenials va stretto e l'aumento salariale non è una priorità

Continua