Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Dal conflitto di coppia alla violenza nella coppia


Identificare il conflitto e distinguerlo dalla violenza al fine di prevenire la violenza domestica
Dal conflitto di coppia alla violenza nella coppia

I più autorevoli studiosi, sul tema “conflitto”, sono concordi nell’affermare che lo stesso sia un fenomeno che troppo spesso viene associato a fenomeni di natura violenta.  Identificare, dunque, il conflitto e tracciare un confine chiaro che possa permettere di distinguerlo dalla violenza potrebbe essere d’aiuto al fine di poter individuare e prevenire quegli elementi che danno vita ad una dinamica di violenza domestica. Siamo in una ipotesi di conflitto quando tra due o più persone si genera un contrasto o una divergenza a causa di interessi, valori, bisogni diversi e le stesse faticano a farsi delle concessioni. Un conflitto può, però, generarsi anche a causa di un fraintendimento, di una errata interpretazione o da un’incomprensione. Si tratta comunque di situazioni che hanno ad oggetto contrasti verbali di tipo relazionale che escludono l’uso della forza fisica o di forme di potere che determinano o che possono determinare dei danni, sofferenze, costrizioni o privazioni alla persona così come accade nella violenza.


La violenza, secondo il rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità, il Word Report on Violence and Health, pubblicato per la prima volta nel 2002 e annualmente aggiornato, fa riferimento: “All’utilizzo intenzionale della forza fisica o del potere, minacciato o reale, contro se stessi, un’altra persona, contro un gruppo o una comunità, che determini o che abbia un elevato grado di probabilità di determinare lesioni, morte, danno psicologico, cattivo sviluppo o privazione”.


Un’altra definizione di violenza è quella relativa alla violenza di genere che troviamo nella Dichiarazione delle Nazioni Unite sulla Eliminazione della Violenza Contro le Donne del 1993. La Dichiarazione definisce la violenza contro le donne come “qualunque atto di violenza di genere, o la minaccia di tali atti, che produca, o possa produrre, danni, sofferenze fisiche, sessuali o psicologiche, coercizione o privazione arbitraria della libertà, sia nella vita pubblica che privata delle donne”. Questa definizione mette in evidenza la violenza nella sua dimensione di rapporto di forza tra i sessi e parte dalla constatazione che: “La violenza contro le donne è uno dei principali meccanismi sociali tramite i quali le donne vengono costrette a una posizione di subordinazione rispetto agli uomini, sia in termini di dominio che di discriminazione”. Una situazione questa che avrebbe impedito un vero progresso nella condizione della donna.
Sulla base di queste definizioni, di quella presente nella Convenzione di Instambul e affinché non si generi confusione e allarme nella gestione dei conflitti nell’ambito dei rapporti di coppia distinguiamo:


- Conflitto di coppia
1.    Un contrasto, un disaccordo o una divergenza verbale tra una o più persone
2.    Difficoltà a farsi delle concessioni
3.    Esistenza di un problema
4.    La situazione e la relazione possono essere gestite
 
- Violenza nella coppia:
1) Atti intenzionali che fanno uso della forza fisica o del potere minacciati o reali contro la persona che determinano o che hanno un elevato grado di probabilità di determinare danni o sofferenze fisiche, sessuali, psicologiche ed economiche, la morte, a costringere, a sottomettere, a omettere e a privare della libertà personale.
2) Atti intenzionali aggressivi contro oggetti e animali domestici della vittima.
3) Individuazione del problema nella persona. Si pensa che il problema possa essere eliminato e risolto solo agendo alla fonte, ossia sulla persona che porta il problema.
4) Esistenza di un problema che non può essere gestito


In conclusione il conflitto di coppia si verifica ogniqualvolta lo scopo di uno dei partner è incompatibile con quello dell’altro e la situazione anche se difficile può essere gestita o direttamente o attraverso degli specialisti, mentre si verifica una situazione di violenza nella coppia quando  nella coppia si vanno ad instaurare determinati atteggiamenti e comportamenti che sconfinano nell’illegalità e che con il tempo possono assumere una certa ritualità perché tendono a ripetersi anche con le stesse modalità tanto da diventare difficili da respingere perché finiscono per rientrare nella routine quotidiana e nella normale interazione di coppia.
Quanto agli atti che sconfinano nell’illegalità e che rientrano nella violenza domestica ne parleremo più avanti.


Bibliografia:
- Convenzione di Istambul  del Consiglio d' Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, art. 3 lett. a).

- La violenza domestica contro le donne e le bambine, Unicef, N°6-giugno2000, innocenti digest.
-  Il numero delle vittime e le forme della violenza, ISTAT.IT-VIOLENZA SULLE DONNE
-  Meglio dirsele, Daniele Novara, Bur varia.
- Urlare non serve a nulla, Daniele Novara, Bur varia.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Gestire l'emotività con la mediazione familiare

Una buona Mediazione potrebbe aiutare la coppia a separare il canale affettivo- emotivo da quello economico del danaro

Continua

Mediazione familiare: il conflitto latente

La Mediazione familiare come strumento di prevenzione della degenerazione del conflitto

Continua

I conflitti di coppia e le differenze di genere

Molti dei problemi di comunicazione all’interno della coppia possono derivare da una mancata comprensione delle differenze uomo-donna

Continua

La crisi di coppia: le parole sono come pallottole

Come afferma John Wittgenstein “le parole sono come pallottole” possono ferire ed è per questo che diventa fondamentale usarle diligentemente

Continua

Mediazione familiare cos'è?

Mediazione familiare come una “opportunità”, per le coppie e per le famiglie, per trasformare una situazione da critica in una esperienza positiva

Continua

L'importanza della presenza di un padre

L’assenza del padre, sia fisica che psicologica, crea notevoli difficoltà nello sviluppo della personalità dei figli. La madre dovrebbe impedirla

Continua

I figli ci guardano, ci ascoltano, ci imitano

I figli imparano dai loro genitori a gestire lo stress, per cui tutte le volte che i genitori danno ascolto alla propria emotività loro l'assorbono

Continua

Lo sviluppo della resilienza in mediazione

La Mediazione può aiutare a sviluppare la resilienza, cioè la capacità di resistere alle circostanze difficili della vita e di reagire positivamente

Continua

I suoceri invadenti sono la causa della crisi?

Una situazione scomoda per la coppia sone le interferenze dei suoceri, ma sono proprio loro la fonte del problema?

Continua

Il Mediatore familiare, una figura specializzata

Il Mediatore familiare, un professionista che svolge una professione complessa che richiede un’adeguata formazione e preparazione

Continua

Il senso della Mediazione Familiare

La Mediazione familiare ha un senso solo se si è protagonisti, se ci si assume la propria parte di responsabilità, se si ha a cuore il bene dei figli

Continua

Educare fa rima con mediare

La Mediazione familiare come strumento di gestione dei conflitti educativi potrebbe rappresentare un'opportunità non solo per i genitori separati

Continua

Il progetto della mediazione scolastica

La Mediazione tra pari: progetto volto a responsabilizzare i ragazzi così come previsto dalla Peer Mediation americana

Continua

La filosofia della comunicazione virtuale

Una civiltà, la nostra, definita tecnologicamente avanzata ma poco più che primitiva sul piano dell’uso degli strumenti della comunicazione

Continua

La comunicazione nel divorzio

E' mera utopia pensare che quella coppia che non abbia costruito una comunicazione possa poi rispettare gli accordi presi

Continua

La mediazione dei conflitti di coppia

Non è necessario ricorrere a percorsi terapeutici per risolvere problemi o questioni quotidiane

Continua

Il progetto educativo

Costruire un progetto educativo insieme al Mediatore familiare può essere la soluzione

Continua

Gli obblighi morali del "genitore sociale o terzo genitore"

Il fenomeno della genitorialità sociale è ormai un fenomeno europeo ed extra europeo

Continua

Come nella favola di Cenerentola?

La favola di Cenerentola come esempio di conflitti familiari

Continua

I conflitti inevitabili nella coppia

E’ praticamente impossibile pensare che con il tempo non si creino conflitti nella coppia convivente

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (1^ parte)

Entrambi i partner possono agire dentro una logica del “ Io vinco e tu perdi”, una logica di potere

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (2^ parte)

Entrambi i partner possono agire con la logica del “io vinco e tu vinci”, logica di collaborazione

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (1^ parte)

Qualunque veste assuma la violenza domestica non deve avere ad oggetto sporadici episodi ma deve costituire una modalità quotidiana d’interazione della coppia

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (2^ parte)

Ecco quali sono le varie tipologie di violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione Familiare (3^ parte)

Le diverse forme di violenza e la differente gravità della stessa ha indotto gli studiosi a compiere un esame sull'opportunità del ricorso alla Mediazione familiare

Continua

Mediazione familiare: i figli al centro rispetto alle esigenze degli adulti

I figli hanno il diritto di essere informati e accompagnati dai genitori a comprendere la separazione dei genitori

Continua

“Ho bisogno di voi!”, l'urlo inascoltato di un figlio di genitori separati

La conflittualità che danneggia i figli. La mediazione familiare come valido strumento di recupero dell’alleanza genitoriale

Continua