Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Debito pubblico, record storico in Italia: quali effetti sul Pil?


Corre il debito pubblico in Italia. E schizza anche quello globale. Ma cosa si intende per debito pubblico? Quali possibili soluzioni all'indebitamento dello Stato?
Debito pubblico, record storico in Italia: quali effetti sul Pil?

Torna a salire il debito pubblico: è massimo storico in Italia.

L’allarme è lanciato da Bankitalia nella pubblicazione statistica “Finanza pubblica: fabbisogno e debito” diffusa lo scorso agosto.

A luglio 2020, il debito pubblico italiano raggiunge i 2.560,5 miliardi di euro: l’asticella sale e fa registrare un aumento di quasi 30 miliardi rispetto al mese precedente. E ancora. Con uno scatto in avanti di 20,5 miliardi di euro rispetto a maggio 2020, nel mese di giugno il debito pubblico italiano tocca quota 2.530,6 miliardi di euro.

A determinare questo balzo senza precedenti sono soprattutto la crisi economica e sociale causata dalla pandemia da coronavirus e le ingenti risorse stanziate per affrontarla.


Cos’è il debito pubblico?

Corre, dunque, il debito pubblico e resta il principale sorvegliato speciale delle maggiori agenzie di rating. 

Ma cosa si intende per debito pubblico? Perché il rapporto tra debito pubblico e Pil è così determinante e quali conseguenze effettive ha sull’economia reale?

Facciamo chiarezza. In estrema sintesi, l’espressione debito pubblico si riferisce all’ammontare complessivo del debito contratto da uno Stato per far fronte ai propri bisogni e necessità.

Tra le opzioni finanziarie più utilizzate dallo Stato per procurarsi la liquidità necessaria e rifinanziare il debito c’è l’emissione di obbligazioni a breve, media o lunga scadenza: i cosiddetti titoli di Stato.


Titoli di debito irredimibili, possibile soluzione?

Il debito pubblico, dunque, è un elemento fondamentale per comprendere lo stato di salute di un Paese, soprattutto in connessione con il Pil: un dato che fa capire qual è il tasso di produzione di uno Stato e quali, invece, le sue passività.

Quali gli scenari futuri in Italia? Quali le possibili soluzioni all’indebitamento dello Stato italiano?

La riduzione del debito pubblico dovrebbe essere uno dei grandi temi della politica italiana. Ma qualcosa, finora, non ha funzionato.

L’ipotesi della classe dirigente di ridurre il debito pubblico con un aumento consistente del Pil (mai visto da anni) sembra non portare da nessuna parte.

Sarebbe forse più opportuna una riduzione drastica di 20-30 punti percentuale del debito pubblico tramite il conferimento in un “fondo degli italiani” di una parte del patrimonio pubblico con un contemporaneo annullamento dei titoli di debito? Oppure sarebbe più indicata, soprattutto in questo periodo di emergenza Covid, l’emissione di titoli di debito irredimibili, che tecnicamente non avrebbe gravato sul debito pubblico? 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Fare testamento: un tabù da sdoganare

In Italia il testamento viene utilizzato soltanto dal 5% delle persone. Eppure grazie al testamento si eviterebbero le liti tra gli eredi

Continua

Perchè fare testamento? Facciamo chiarezza...

Testamento: quale forma scegliere? Il nostro ordinamento giuridico prevede tre forme ordinarie di testamento, a cui si aggiungono i cosiddetti testamenti speciali

Continua

Come gestire il rischio degli investimenti

In ambito finanziario, ogni investimento implica un rischio. Bisogna farci i conti. Ciò che conta è sempre un'utile pianificazione finanziaria e patrimoniale

Continua

Come investire in maniera efficace? Meglio diversificare

Investire in un mercato composto da diversi titoli comporta un rischio minore rispetto al concentrare tutte le risorse disponibili in un solo titolo

Continua

Obbligazioni o azioni? Cosa sono e come funzionano

Obbligazioni e azioni: come funzionano? Quali differenze? Per investire i risparmi in sicurezza occorre conoscere le differenze tra i principali strumenti finanziari

Continua

Obbligazioni a tasso fisso o variabile: quale scegliere?

Serve una bussola oggi per navigare nei mercati obbligazionari? Conta la cedola? O meglio valutare solo il rendimento?

Continua

Investimenti e coronavirus: niente panico, la storia insegna!

Risparmi e gestione patrimoniale ai tempi del coronavirus? Evitiamo il panico e le soluzioni fai da te, meglio affidarsi a professionisti...

Continua

Mes, Eurobond, Coronabond: serve un piano di ripresa strutturale

Eurobond, Coronabond, Mes. Che fare? Interpellare la solidarietà europea per rispondere alla crisi del momento oppure intervenire sul fronte interno dei singoli Stati?

Continua

Investimenti, fase 2? Ripartire da meno rischio e finanza sostenibile

Post Covid-19: investimenti sostenibili e meno rischio. Inizia la fase 2 anche per gli investimenti. Non improvvisarsi trader dell'ultima ora ma affidarsi ad esperti

Continua

Effetto Covid: peggio del 2008? No, se riadattiamo modelli di business

Paragonare l’impatto economico legato al Covid allo shock del 2008 causato dalla crisi dei mutui subprime e seguito al crollo della Lehman Brothers? È inopportuno...

Continua

Criptovalute, futuro o rischio per il sistema bancario di deposito?

La diffusione sempre più massiccia della blockchain diventerà un vero e proprio metodo di pagamento? Andrà rivisitato il ruolo del sistema bancario di deposito?

Continua

Coronavirus, come fare testamento in situazioni di emergenza?

Non ci sono ancora cifre ufficiali, ma la tendenza sembra confermata da più fronti: la paura dell’epidemia da Covid-19 ha portato molti italiani a redigere testamento

Continua

Euro digitale, sì o no? La Bce lancia sondaggio online tra i cittadini

La BCE è pronta al lancio dell’euro digitale, visto come lo strumento più adeguato per competere nell’arena internazionale. Opportunità? Rischi?

Continua