Desidero… penso di essere ammalato: morirò?


Ipocondria: ci sono pazienti, soprattutto giovani, che hanno difficoltà a vivere con serenità la sessualità
Desidero… penso di essere ammalato: morirò?
A) M. si sente sempre debole, lamenta dolori in varie parti del corpo: si spaventa per questo e pensa di essere ammalato di cancro. In estate ha una relazione amorosa con una ragazza che non rivedrà più. Dopo qualche giorno comincia a pensare di aver contratto l’AIDS. Fa tutti gli esami diagnostici del caso, alcuni anche ripetuti e gli esiti escludono oltre ogni ragionevole dubbio la malattia. Si tranquillizza per brevi periodi, ma dopo gli incubi ricominciano...
B) G. è una giovane donna minuta e carina, ma si vede brutta e non desiderabile. Ogni tanto avverte un dolore in una parte del corpo e pensa di avere lì un cancro, il dolore si sposta in un’altra parte e anche il probabile cancro. Incontra un ragazzo, che comincia a frequentare e con il quale scambia carezze, baci, abbracci. Un giorno avverte una fiammata di calore e sensazioni intense, che partono dalla pancia e si irradiano in tutto il corpo. E’ sconvolta ed impaurita, pensa con inconsolabile dolore di essere ammalata e di stare per morire...

Questi due esempi ci dicono che i giovani pensano di avere un corpo indecente e per niente gradevole a vedersi. Lamentano, anche, sintomi dolorosi e pensano di essere ammalati: è l'ipocondria.
E’ un fenomeno diffuso tra i giovani ed evidenzia gli scontri tra la mente e il corpo diventato sessualmente maturo: la mente non riesce a pensare questo "nuovo" corpo.
Si pensa al corpo come qualcosa di innaturale e affetto da un male oscuro che può portare a sicura morte. Si fanno infiniti esami diagnostici, anche ripetuti, che non rassicurano e resta la paura.

Da dove viene la paura?
Non si è più bambini e con un corpo di bambini, bensì giovani e con un corpo sessualmente maturo, che ha sensazioni mai provate prima, forti ed incontrollabili.
E il sentire più incontrollabile è l’eccitazione sessuale, così nuova, così intensa, così strana-misteriosa-ingovernabile. Diventa facile pensare di essere gravemente ammalati, piuttosto che essere consapevoli di avere un corpo che desidera e cerca il piacere e la soddisfazione sessuale. E lasciarsi guidare da queste sensazioni nuove, capaci di dare, non gravi malattie, ma, appunto, piacere e soddisfazione sessuale.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Mi vergogno, fuggo o mi nascondo per non mostrarmi

L’educazione alla vergogna procura tanti problemi: il terrore a mostrarsi, la sensazione di intimità violata. <br />E si resta assetati di vendetta

Continua

La droga e i giovani

Tutti i ragazzi che fanno uso di droga diventano tossicodipendenti? <br />No! Qual è l'elemento che fa la differenza?

Continua