Determinazione dell’assegno di divorzio


Cassazione, cambiano i criteri per la determinazione dell’assegno di divorzio
Determinazione dell’assegno di divorzio
Con la Sentenza della Corte di Cassazione del 10.5.2017 n. 11504 si stabiliscono nuovi parametri per la determinazione dell’assegno di divorzio ed il tenore di vita mantenuto in costanza di matrimonio assume un ruolo marginale rispetto al criterio dell’indipendenza o autosufficienza economica.
Di conseguenza, il richiedente l’assegno deve dimostrare di non essere in grado, con mezzi propri, di mantenersi.
Il Supremo Collegio, individua anche i criteri per valutare l’indipendenza economica dell’ex coniuge, che sono:
- il possesso di redditi di qualsiasi specie;
- il possesso di cespiti patrimoniali mobiliari ed immobiliari;
- le capacità e le possibilità effettive di lavoro personale, in relazione alla salute, all’età, al sesso ed al mercato del lavoro dipendente o autonomo;
- la stabile disponibilità di una casa di abitazione.
La ratio della decisione risiede nella circostanza che il rapporto matrimoniale, con il divorzio, "si estingue sul piano non solo personale ma anche economico-patrimoniale, a differenza di quanto avviene con la separazione personale che lascia ancora in vigore gli obblighi coniugali anche se attenuati".
Giuseppe LIBUTTI
Avvocato in Roma
Per consulenze
http://www.studiolegalelibutti.com/contatti-2/

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Nullità del contratto di locazione

Le Sezioni Unite riconducono ad unità la disciplina relativa alla nullità dei contratti di locazione abitativa e non abitativa

Continua

Infedeltà e separazione

Addebito della separazione per violazione dell’obbligo di fedeltà

Continua

Danno da occupazione senza titolo

Cass. Civ., Sez. III, 25 maggio 2018, n. 13071

Continua

Cassazione civile, preliminare del preliminare

Cass. Civ., Sez. II, 21 maggio 2018, n. 12527

Continua

Poteri dell’amministratore di condominio

E` legittimato ad agire senza alcuna specifica autorizzazione nei confronti dei singoli condòmini morosi

Continua

Studio legale aperto ad agosto

Lo studio legale Libutti non chiude neanche ad agosto e resta al servizio dei propri assistiti

Continua

Successione legittima e necessaria. Azione di riduzione. Riunione fittizia. Quota di legittima

Cass. Civ., Sez. II, 7.3.2016, n. 4445; SUCCESSIONE LEGITTIMA E NECESSARIA

Continua