Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Detrazioni fiscali Start Up: come sfruttarle al massimo


E' opportuno che gli investitori valutino attentamente se ricorrere all’incentivo del 30% o all’incentivo del 50%
Detrazioni fiscali Start Up: come sfruttarle al massimo

Come anticipato in un nostro precedente contributo su www.studiobrega.it, gli investimenti in start up innovative permettono di beneficiare di interessantissime detrazioni fiscali. In certi casi si può addirittura praticamente azzerare l’Irpef dovuta allo Stato. Ma a quanto ammontano queste detrazioni fiscali? Innanzitutto dipende se il soggetto investitore è una persona fisica o una persona giuridica. Andiamo per gradi.

 

DETRAZIONI FISCALI START UP. A QUANTO AMMONTANO?

L’articolo 38 del Dl Rilancio (DL 34/2020) ha apparentemente potenziato le agevolazioni per gli investimenti in start up innovative applicabili alle persone fisiche. Tali nuove agevolazioni, infatti, hanno le simili disposizioni già in vigore disciplinate dall’articolo 29 del Dl 179/2012. L’articolo 38 prevede che, in alternativa a quanto previsto dall’art. 29 (ovvero detrazioni fiscali del 30%), dalle tasse sulle persone fisiche si detrae un importo pari al 50% della somma investita nel capitale sociale di una start up. L’investimento può avvenire in due modi. Il primo prevede che venga effettuato dalla persona fisica direttamente nel capitale sociale della start up. Il secondo metodo che permette di sfruttare tutte le detrazioni fiscali possibili prevede che l’investimento avvenga indirettamente; il metodo indiretto concede infatti l’intervento di un terzo soggetto, ovvero un organismo di investimento collettivo del risparmio.

L’investimento massimo in start up innovative “offre” una detrazione fiscale pari al 50% dell’importo investito. L’investimento però non può eccedere, in ciascun periodo d’imposta, l’importo di 100.000 euro, e deve essere mantenuto per almeno tre anni.

L’agevolazione “maggiorata” inoltre (a differenza di quella “ordinaria) deve rispettare il regime de minimis. Cosa si intende per regime de minimis? In parole povere le detrazioni fiscali pari al 50% sono consentite se la somma degli aiuti fruiti dalla start up non supera la soglia di 200.000 euro nell’arco di tre anni, da calcolarsi sull’ammontare effettivamente detratto dall’investitore. In sostanza, la detrazione maggiorata consente un risparmio massimo di imposta pari a 50mila euro su 100mila euro di investimento consentito per periodo di imposta. Le detrazioni fiscali ordinarie al 30% prevedono un risparmio massimo di 300.000 € su 1 milione di euro di investimento consentito per periodo di imposta (30 mila euro a parità di investimento di 100 mila euro).

 

DETRAZIONI FISCALI START UP: A COSA È BENE FARE ATTENZIONE

L’apparente più favorevole detrazione al 50% prevede, quindi, limiti di investimento ben inferiori rispetto alla “ordinaria” detrazione al 30%; parliamo rispettivamente di 100.000 € vs 1 milione €.
E’ possibile, quindi, sfruttare entrambe le detrazioni, ovvero quella del 50% per un primo “scaglione” e quella del 30% per l’eccedenza? Dal tenore della norma l’opzione del contribuente per le detrazioni fiscali del 50% escluderebbe la possibilità di fruizione del 30% per la parte eccedente.
A conferma di questa ipotesi è intervenuto il DM del 28/12/20, secondo cui le due detrazioni non sarebbero cumulabili «per la medesima operazione finanziaria».

In conclusione, risulta opportuno che gli investitori valutino attentamente se ricorrere all’incentivo del 30% o all’incentivo del 50%. Sulla base delle caratteristiche dell’impresa e del soggetto investitore è opportuno valutare attentamente l’intenzione di effettuare successivi investimenti, per non perdere le detrazioni fiscali che con una pianificazione oculata si sarebbe potuto sfruttare.

Per qualsiasi chiarimento in merito all’argomento detrazioni fiscali, oppure per una consulenza senza impegno, visitate il sito www.studiobrega.it per visionare tutti i modi che avete per mettervi in contatto con il nostro studio.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus 2021: credito d'imposta al 50% per i beni strumentali

Tra i bonus 2021 inseriti nella neo nata Legge di Bilancio 2021, troviamo il potenziamento del credito di imposta per i beni strumentali, la cosiddetta "Industria 4.0"

Continua

Auto aziendale assegnata ai dipendenti: le ultime novità

Ecco quali sono le novità relative alla fiscalità dell'auto aziendale assegnata ai dipendenti

Continua

Assumere dipendenti 2021: risparmio fino a 6 mila euro annui

La neo nata Legge di Bilancio 2021 ha introdotto esoneri contributivi a carico dei datori di lavoro. Vediamo di cosa si tratta

Continua

Superbonus 110%: conviene cedere il credito alle banche?

E' una delle domande che ci pongono più spesso i nostri clienti: conviene cedere il credito alla banche? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Superbonus 110% e cessione del credito: 3 esempi per capire quando conviene

La cessione del credito da superbonus è sempre convenente? E a che condizioni? Abbiamo ipotizzato 3 differenti casi per comprendere al meglio

Continua

Start up innovativa: come si costituisce con pochi euro

Cos'è una start up? Come posso crearne una? La mia azienda può essere definita una start up? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

L'investimento in ricerca e sviluppo permette di ottenere un cospicuo credito di imposta. Un'opportunità molto interessante per gli imprenditori.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Uno degli ultimi strumenti utili ad ottenere finanziamenti agevolati. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

La legge di bilancio 2021 proroga fino al 31/12/22 e potenzia il bonus ricerca e sviluppo.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Nello Studio Brega abbiamo sempre dedicato ampio spazio alla finanza agevolata, tematica diventata sempre più centrale per tutti gli imprenditori

Continua

Superbonus e sconto in fattura: è possibile fare i lavori gratis?

Superbonus 110%, tre vie per il recupero. Dichiarazione dei redditi, cessione del credito o sconto in fattura

Continua

Regime forfettario, addio definitivo alla Flat Tax?

Nel 2020 oltre 215 mila persone hanno aderito al regime forfettario. Quale sarà il futuro per questo particolare regime agevolato?

Continua

Beni strumentali e industria 4.0: tax planning fondamentale

La Legge di Bilancio 2021 ha potenziato il premio fiscale per gli acquisti di beni strumentali. Vediamo nel dettaglio a quanto ammonta l'agevolazione.

Continua

Comprare bitcoin: come comportarsi con il fisco?

Abbiamo appurato come il mondo di internet abbia rivoluzionato i mercati finanziari. Oggi comprare bitcoin è diventata un’operazione quasi ordinaria. Vediamo però come

Continua

Bonus 110%: è possibile cedere il credito a parenti e amici?

In merito alla cessione del bonus 110 %, l’A.E. chiarisce una questione di non poca importanza. E’ possibile cedere il credito d’imposta ad amici e parenti?

Continua

Smart working e zero tasse? Si può, ma non in Italia

Diversi Stati si stanno organizzando per attirare nel proprio territorio tutti i lavoratori in smart working a colpi di agevolazioni fiscali

Continua

Cessione credito 110: cosa fare prima di scegliere la banca

Nell'ambito della cessione credito 110 vediamo cosa fare prima di scegliere la banca

Continua

18app: come ottenere il bonus cultura di 500 euro

In questo articolo vediamo come ottenere il bonus cultura di 500 euro attraverso 18app

Continua

Contributo a fondo perduto per imprese al femminile

Arriva il contributo a fondo perduto per incentivare la creazione di imprese a partecipazione giovanile o femminile

Continua

Bonus 110% con abusi edilizi, è possibile sfruttarlo?

In questo articolo analizziamo gli abusi edlizi in relazione al bonus 110%

Continua

Riscatto laurea: conviene veramente?

Un 30enne, che inizia a lavorare oggi nel settore privato, cosa deve aspettarsi in termini di trattamento pensionistico? Lo rivela uno studio di Moneyfarm

Continua

730, allarme pagamenti in contanti: quali sono le novità?

In questo articolo analizziamo le novità relative al modello 730

Continua

Mutuo prima casa giovani e Sostegni bis: le novità

Vediamo quali sono tutte le novità previste dal Decreto Sostegni Bis in cui rientrano anche gli aiuti per consentire ai giovani under 36 di acquistare la prima casa

Continua

Start up: ecco gli ultimi incentivi e contributi a fondo perduto

Parliamo oggi degli ultimi incentivi e contributi a fondo perduto dedicati al mondo delle start up

Continua

IRPEF, è possibile azzerarla? Sì, investendo in start up

Investendo in start up innovative è possibile ottenere una detrazione di imposta, oltre a realizzare una plusvalenza esente da tassazione

Continua

Commissioni pagamenti POS: come recuperare il 100%

Per le commissioni addebitate agli esercenti in relazione ai pagamenti elettronici ricevuti dai privati spetta un credito d’imposta del 100%

Continua

Agevolazioni prima casa under 36: quali sono le trappole?

Alcuni punti del bonus casa under 36 sono ancora da chiarire e potrebbero causare non poche perplessità

Continua

Agevolazioni start up: quando posso detrarre il 50% dell'investimento?

Ma come è possibile investire e sfruttare al massimo le agevolazioni previste per le start up? A quanto ammontano le agevolazioni?

Continua