Dimissioni: nuovo procedimento


Sul sito internet del Ministero del Lavoro si può trovare una versione dimostrativa della nuova procedura di dimissioni volontarie
Dimissioni: nuovo procedimento
Nuova rivoluzione per la procedura di dimissioni dei lavoratori dipendenti. Dal 12.03.2016, a seguito della riforma contenuta nel "Jobs Act", le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro possono essere effettuate esclusivamente in modalità telematica. L`introduzione di questa novità ha un obiettivo ormai antico cioè il contrasto alle "dimissioni in bianco".
Il Ministero si augura, finalmente, di eliminare questa pratica molto diffusa e fortemente penalizzante soprattutto per i lavoratori più deboli.

Con la nuova procedura i lavoratori e le lavoratrici interessati hanno la possibilità di scegliere tra due opzioni: utilizzare il sito del Ministero del Lavoro oppure rivolgersi a un soggetto abilitato (patronato, organizzazione sindacale, ente bilaterale, commissioni di certificazione).

Nel primo caso bisognerà munirsi del Pin INPS Dispositivo, che può essere attenuto on-line oppure recandosi presso una sede dell`istituto. Ottenuto il codice, accedere al form online che permetterà di recuperare le informazioni concernenti il rapporto di lavoro da cui s`intende recedere e provvedere, quindi, a inviare autonomamente il modello.
Nella seconda ipotesi, è il soggetto abilitato che compila e invia i modelli attraverso la piattaforma del Ministero del Lavoro. Bisognerà porre particolare attenzione nel caso le dimissioni o la risoluzione interessi rapporti instaurati precedentemente al 2008; in questo caso il lavoratore o la lavoratrice dovrà indicare la tipologia contrattuale e i dati del datore di lavoro, soprattutto l`indirizzo email o PEC e, naturalmente, la data d`inizio del rapporto di lavoro. Per terminare la procedura sarà necessario inserire i dati relativi alle dimissioni o alla risoluzione consensuale o alla loro revoca.

Prima di procedere con le dimissioni, bisogna aver ben presente il periodo di preavviso previsto dal CCNL onde evitare che sia trattenuta la relativa indennità sostitutiva. Una volta stabilita la data delle dimissioni bisogna decidere se farsi assistere da un soggetto abilitato oppure procedere personalmente. Nel secondo caso, se non ha già provveduto, il lavoratore o la lavoratrice dovrà registrarsi al sito dell`INPS e a Cliclavoro. Effettuate le registrazioni si dovrà accedere al sito www.lavoro.gov.it alla pagina contenente il modello e procedere alla compilazione. Le sezioni riguardanti il lavoratore, il datore di lavoro e il rapporto di lavoro sono precompilate, la quarta e la quinta devono essere compilate specificando se si tratta di dimissioni, risoluzione o revoca e infine la data di decorrenza. Completato l`inserimento dei dati, con un apposito tasto le dimissioni saranno inviate all`indirizzo PEC del datore di lavoro.

Articolo del:


di Alessandro Brianza

Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse