Diritto dell'erede alla richiesta di documenti presso Banche o Poste


Diritto di accesso art. 119, comma 4 TUB; D.Lgs. 196/2003, art 7
Diritto dell'erede alla richiesta di documenti presso Banche o Poste

Il cliente ha il diritto di chiedere ed ottenere presso la Banca o la Posta, dove ha acceso un conto corrente, la documentazione delle operazioni poste in essere negli ultimi 10 anni. Legittimato alla richiesta è anche il suo successore a qualunque titolo ed a chi subentra nell’amministrazione dei suoi beni (es. il curatore fallimentare).

In particolare, l’erede che ha la necessità di ricostruire l'asse ereditario così da tutelare i propri diritti successori, può chiedere ed ottenere dalla banca/posta, informazioni sulla consistenza patrimoniale del defunto, ai sensi dell'art. 9, comma 3 del T.U. sulla Privacy, che riconosce il diritto di accesso ai dati personali riferiti a persone decedute, a chi ha un interesse proprio o agisce a tutela dell'interessato o per ragioni familiari meritevoli di protezione.

Il termine di 10 anni si applica alla richiesta degli estratti conto e le altre comunicazioni periodiche, non ai contratti bancari, che al contrario devono essere conservati dall'istituto anche oltre il termine di dieci anni dalla loro sottoscrizione.

Il diritto di accesso alla documentazione bancaria/postale da parte del cliente è riconosciuto ai sensi dell'art. 119, 4 comma, del TUB: “Il cliente, colui che gli succede a qualunque titolo e colui che subentra nell’amministrazione dei suoi beni hanno diritto di ottenere, a proprie spese, entro un congruo termine e comunque non oltre novanta giorni, copia della documentazione inerente a singole operazioni poste in essere negli ultimi dieci anni”; nonché dall'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 - Codice della Privacy (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti): "L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile".

Inoltrando un’apposita istanza, si può chiedere all’istituto che vengano indicati, entro un congruo termine e comunque non oltre novanta giorni, movimentazioni bancarie, saldi, libretti a risparmio, conto titoli, cassette di sicurezza e ogni altro rapporto intestato a se stesso o al de cuius.

Se la banca/posta si rifiuta o consegna in ritardo la documentazione, oltre i termini di 90 giorni, il cliente può agire a tutela dei propri diritti e chiedere all'istituto il risarcimento del danno, che va naturalmente provato.

In questi casi prima di rivolgersi al Giudice è preferibile tentare la strada della risoluzione stragiudiziale della controversia attraverso il ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario.

Sulle spese.

Con riguardo alle spese, le banche non possono chiedere ai loro clienti compensi per la consegna di documenti contenenti informazioni personali che li riguardano. L'art. 119, 4 comma, del TUB, sancisce che la banca può chiedere al cliente un contributo spese che non può comunque eccedere i costi effettivamente sostenuti e documentabili per la riproduzione della documentazione (stampa, fotocopie, spedizione, ecc.).

Sulla base di una valutazione ponderata delle principali situazioni verificabili (ad es. quando la documentazione viene consegnata tramite cd-rom o altro supporto), il Garante della Privacy ha stabilito che una somma di € 20,00 possa essere ritenuta congrua.

Anche l'Arbitro Bancario Finanziario è intervenuto sull'argomento con la Decisione N. 2609 del 10 marzo 2017, chiarendo, che per una mera riproduzione dei documenti cartacei, la richiesta può essere di 10 euro per ogni documento e non per singola pagina.

L'ABF ha anche chiarito che relativamente ai costi di spedizione, essi non potranno essere addebitati nel caso in cui i documenti vengano ritirati direttamente in filiale dal cliente e che gli istituti di credito non possono neanche subordinare la consegna delle copie degli estratti conto (o dei contratti) richieste dal cliente all'effettivo pagamento delle relative spese, in quanto "ha un diritto pieno all’informazione bancaria, con la conseguenza che i documenti devono essere rilasciati previa la sola richiesta da parte dell’interessato".

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Decorrenza termini iscrizione a ruolo:art. 521cpc

pignoramento mobiliare autoveicoli. termini di iscrizione a ruolo.

Continua

Decorrenza dei termini dell`iscrizione a ruolo

Pignoramento mobiliare di autoveicoli e termini di iscrizione a ruolo, art. 521cpc

Continua

Notifica al terzo dell`ordinanza di assegnazione

Ordinanza di assegnazione: notifica al terzo prima del precetto

Continua

Illegittima segnalazione al CRIF

Provvedimento d'urgenza per l'illegittimità della segnalazione al CRIF

Continua

Azione di manutenzione e decadenza

Chi subisce molestie nel possesso di un immobile può agire con l`azione di manutenzione entro un anno dalla turbativa

Continua

Minore straniero e permesso di soggiorno

Art. 31 d.lg. 286/98; minore straniero e permesso di soggiorno dei genitori; procedura

Continua

Il valore probatorio del modulo C.A.I.

Le dichiarazioni contenute nel modulo C.A.I. non assurgono a piena prova, ma sono idonee a fondare una presunzione semplice

Continua

Riduzione di ipoteca

Ipoteca iscritta per una somma eccedente o quantità eccessiva di beni; art. 2872 c.c. e ss

Continua

Vendita della casa affidata all'ex moglie

separazione; casa affidata alla moglie e possibilità della vendita; il terzo acquirente

Continua

Estinzione anticipata del finanziamento. Rimborsi

Finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e/o con delegazione irrevocabile di pagamento; rimborso commissioni, oneri e premio assicurativo

Continua

ABF: risoluzione alternativa delle controversie

L'ABF: sistema di risoluzione alternativa delle controversie; procedura; termini e condizioni

Continua

Fondo di garanzia dell'inps

Intervento dell'inps quale fondo di garanzia nel caso di fallimento; art. 102 legge fallimentare; previsione di insufficiente realizzo

Continua

Disconoscimento della paternità

Presupposti, termini di prescrizione e legittimati

Continua

Volo cancellato, in ritardo? Diritto a risarcimento

Regolamento comunitario; diritto alla compensazione pecuniaria in caso di voli in ritardo, cancellati o overbooking

Continua

Separazione e assegni familiari

In caso di separazione e divorzio gli assegni familiari spettano al genitore cui sono affidati i figli

Continua

Indennità disoccupazione, Naspi: posso lavorare?

Naspi e lavoro nero; naspi e lavoro autonomo o parasubordinato; naspi e lavoro occasionale; naspi e professionisti

Continua

Lavoro nero: quali sono le conseguenze?

Lavoro nero, conseguenze per il datore di lavoro e conseguenze per il lavoratore

Continua