Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Diritto di superficie per impianti fotovoltaici


Non risolta la tassazione dei redditi percepiti per la costituzione del diritto di superficie per l’installazione di impianti fotovoltaici
Diritto di superficie per impianti fotovoltaici
Il dibattito giurisprudenziale e dottrinario sulla tassazione delle plusvalenze realizzate a seguito della costituzione del diritto di superficie su terreni agricoli al fine della successiva installazione di impianti fotovoltaici non ha ancora trovato un giusto punto di incontro, alternandosi tra posizioni che ne prevedono l’applicazione della lettera l) del primo comma dell’art. 67 del TUIR e quelle che, invece, ritengono applicabile la lettera b) del medesimo comma.
In particolare l’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 36 del 19.12.2013, ha ritenuto applicabile la lettera l) considerando che si tratta di " assunzioni di obblighi di fare, non fare o permettere", e non ritenendo valida la tesi di chi ritiene applicabile la lettera b), in quanto mancherebbe l’omogeneità dei titoli (di acquisto e di costituzione del diritto di superficie), essendo il primo relativo alla piena proprietà ed il secondo riferito al diritto reale.
La Corte di Cassazione, invece, con sentenza n. 15333 del 4.7.2014, ha ritenuto applicabile agli atti de quo la disposizione del comma 5 dell’art. 9 del TUIR che parifica gli atti di costituzione di diritti reali a quelli di trasferimento a titolo oneroso della piena proprietà con la conseguenza che scatta la plusvalenza solo se l’atto costitutivo del diritto di superficie è posto in essere entro cinque anni dall’acquisto precedente, a norma della citata lettera b). Inoltre la sentenza ritiene non applicabile la lettera l) come previsto dall’Agenzia delle Entrare, essendo tale norma prevista solo per gli atti di natura obbligatoria, mentre per gli atti in argomento si versa nell’ipotesi dei diritti reali.
Nonostante tali precise specificazioni il comportamento degli uffici si è allineato alla interpretazione precedente della Circolare n.36/2013 e la giurisprudenza di merito ha assunto determinazioni non uniformi. Infatti, per quanto consta allo scrivente, la Commissione Tributaria Provinciale di Bari ha confermato gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate, anche se, a sua volta, con una sentenza a sorpresa[1] ( la n. 2098/2015), ha ritenuto applicabile la lettera e) dello stesso comma, riferito alle ipotesi di affitto di suoli. Invece la Commissione Tributaria Provinciale di L’Aquila con due sentenze[2], nonché la Commissione Tributaria Regionale dell’Abruzzo[3], condividendo in pieno la tesi della Corte di Cassazione, hanno accolto i ricorsi dei contribuenti, non considerando alcuna plusvalenza trattandosi di atti di costituzione del diritto di superficie posti in essere oltre il quinquennio dall’acquisto della piena proprietà.
Recentemente qualche autore[4] ha ritenuto di avvalorare la tesi dell’Agenzia delle Entrate, considerando che il riferimento all’art. 9 comma 5 del TUIR possa ritenersi valido solo se la costituzione del diritto reale ha durata indeterminata, essendo parificabile al diritto di proprietà solo in tale caso.
In realtà a tali autori ed all’Agenzia delle Entrate sfugge un particolare di non poco conto ovvero che l’art. 23 Cost. sancisce il principio della riserva di legge: "Nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge".In proposito anche la Suprema Corte (sentenza 21 ottobre 2004, n. 20584) ha affermato che "Poiché nessun principio dell’ordinamento né alcuna specifica disposizione di legge prescrivono l’applicazione estensiva di disposizioni e criteri dettati nella disciplina di un determinato rapporto a fattispecie diverse, le norme di natura tributaria, che costituiscono un sistema di diritto speciale, non sono suscettibili di applicazione analogica".
Da tanto discende che non possono essere ammesse interpretazioni analogiche per giustificare una tassazione che non trovi il suo fondamento nella norma.

[1] D. Montemurno- Una sentenza "a sorpresa" per le plusvalenze da costituzione del diritto di superficie in Il Tributario 3.11.2015
[2] N. 642 del 16.11.2015 della Sez 3 e n.211 del 18 maggio 2015 della Sez. 1
[3] N. 350/I/16 del 17.3.2016 della Sez.1
[4] G. Andreani e A. Tubelli - Il trattamento del diritto di superficie ai fini delle imposte sui redditi segue il bilancio in Il Fisco n. 15/2016

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La tassazione degli atti istitutivi dei Trust

Una riflessione sull’applicazione dell’imposta per la costituzione di trust dopo la sentenza della Corte di Cassazione n. 4482 del 7 marzo 2016

Continua

Proposte di modifica per l'imposta di successione

La proposta di legge n.2830 prevede la modifica delle aliquote dell'imposta sulle successioni e donazioni

Continua

Impianti fotovoltaici, ancora in tema di diritto di superficie

Probabile un ripensamento dell’Agenzia delle Entrate sulla tassazione dei redditi percepiti per la costituzione del diritto di superficie

Continua

“Codice commentato dell’imposta di successione”

Il libro di Domenico Montemurno è un’utile guida in materia di imposta di successione dopo le modifiche introdotte dal Legislatore

Continua

Rottamazione delle cartelle: pendenza di giudizio?

Nella legge di conversione del D.L. 193/2016, ancora in corso, non è ancora chiara la pendenza di giudizio

Continua

Invio telematico delle dichiarazioni di successione

L’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bari ha organizzato un corso sull’invio telematico delle dichiarazioni di successione

Continua

Il nuovo modello di dichiarazione di successione

Annotazioni sul nuovo modello per la dichiarazione di successione in vigore dal 23.1.2017, giusto Provvedimento del 27.12.2016 dell'Agenzia Entrate

Continua

Ancora sull`invio telematico delle successioni

In sede di istruzioni per l’invio telematico delle dichiarazioni di successione l’Agenzia delle Entrate si sostituisce al legislatore

Continua

Non più coacervo delle donazioni per l’imposta di successione

La Corte di Cassazione con la sent. n. 24940 del 6.12 2016 ha affermato la tacita abrogazione della disposizione prevista dall'art.8 4 c. del TUS

Continua

La plusvalenza nelle permute immobiliari

Una recente Ordinanza della Cassazione fissa il momento impositivo ai fini dell’applicazione della plusvalenza prevista dall'art. 67 del TUIR

Continua

Plusvalenza e diritto di superficie

Adeguamento dell’Agenzia delle Entrate alla giurisprudenza della Corte di Cassazione per le plusvalenze da costituzione del diritto di superficie

Continua

Accertamento d’ufficio per omessa presentazione della successione

Come avviene l’accertamento d’ufficio nelle ipotesi di omessa presentazione della dichiarazione di successione da parte dei soggetti obbligati

Continua

Agevolazioni sull'imposta di registro per il settore edilizio

Nel Decreto crescita 2019 è stata inserita la concessione dell’imposta fissa di registro per l’acquisto dei fabbricati da demolire

Continua

Imposta di registro, la tassazione degli atti di divisione

Ecco le modalità di calcolo dell'imposta di registro per gli atti di divisione immobiliare

Continua

Nuove istruzioni per la dichiarazione di successione telematica

Aumentati i dubbi applicativi dopo le modifiche alle istruzioni per l'invio telematico delle dichiarazioni di successione

Continua

Collazione per imputazione delle donazioni e atti di divisione

Trattamento fiscale degli atti di divisione di comunioni ereditarie in presenza di collazione di donazioni per imputazione

Continua

La sospensione dei termini per le agevolazioni prima casa

Con la risposta ad interpello n. 345 l'Agenzia delle Entrate chiarisce l'applicabilità della sospensione dei termini per le agevolazioni sulla prima casa

Continua