Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Distruzione e occultamento di contabilità, quando è insussistente?


Assoluzione per assenza degli elementi costitutivi del reato dell'art. 10 D.Lgs. 74/00: condotta e impossibilità di ricostruire il volume d'affari
Distruzione e occultamento di contabilità, quando è insussistente?

Il Decreto legislativo n. 74 del 2000 punisce una serie di reati fiscali più o meno severamente tra cui l'art. 10: il reato di occultamento o distruzione della contabilità.

Tale norma prevede che “Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, ovvero di consentire l'evasione a terzi, occulta o distrugge in tutto o in parte le scritture contabili o i documenti di cui è obbligatoria la conservazione, in modo da non consentire la ricostruzione dei redditi o del volume di affari”.

Le condotte punite dalla norma sono solo quelle relative all'occultamento o alla distruzione, sono quindi condotte attive; in altre parole la condotta punita non ha natura omissiva e non consiste nel non aver tenuto le scritture in modo tale da rendere obiettivamente difficoltosa la ricostruzione della situazione contabile ai fini fiscali; una diversa interpretazione sarebbe contraria al principio di tassatività e al divieto di analogia in malam partem, quindi, per un'eventuale condanna è necessaria la prova dell'effettivo occultamento o della distruzione delle scritture contabili obbligatorie effettivamente istituite.

Pertanto, sarà necessario che la Procura procedente dimostri che erano state istituite le scritture perché possa contestare il suddetto reato e non sarà sufficiente la mancata esibizione delle stesse che, invece, sarà elemento valutabile per la sanzione amministrativa di cui all'art. 9 del D.Lgs. 471/97 (mancata istituzione e tenuta delle scritture contabili obbligatorie).

La Cassazione stessa ha ribadito questo sacrosanto principio con la recentissima sentenza 11464/19 pubblicato il 14 marzo 2019: Il reato di occultamento o distruzione di documenti contabili (art. 10, d.Lgs. 10 marzo 2000 n. 74) presuppone l'istituzione della documentazione contabile e la produzione di un reddito e pertanto non contempla anche la condotta di omessa tenuta delle scritture contabili, sanzionata amministrativamente dall'art. 9, comma 1, del d.Lgs. 18 dicembre 1997 n.471. Si tratta di un reato a condotta vincolata commissiva con un evento di danno, rappresentato della perdita della funzione descrittiva della documentazione contabile. Ne deriva che per l'integrazione di tale fattispecie penale occorre un quid pluris a contenuto commissivo consistente nell'occultamento ovvero nella distruzione di tali scritture.

Pertanto, qualora non vi sia una prova certa dell'esistenza delle scritture poi occultate e distrutte sarà assente l'elemento oggettivo del reato con la conseguente assoluzione perché il fatto non sussiste.

Inoltre, il reato ha anche un altro elemento oggettivo consistente nella impossibilità per la Guardia di Finanza o Agenzia delle Entrate di ricostituire il volume d'affari, con la conseguenza che tutte le volte in cui il soggetto a cui viene imputato il reato è stato attinto anche da processo di accertamento fiscale e in quest'ultimo si evidenzino tutti i volumi d'affari e le imposte evase evidentemente non si potrà sostenere che vi era un oggettiva impossibilità alla ricostruzione suddetta.

“Ai fini della configurabilità del reato di distruzione od occultamento di documenti contabili, di cui all'art. 10 del D.lgs. 10 marzo 2000 n. 74, elemento essenziale del reato, e non mera condizione di punibilità, è l'impossibilità di ricostruire l'ammontare dei redditi o il volume degli affari risultanti dalla documentazione occultata o distrutta” (Sentenza Tribunale n 708 del 2016).

In altre parole, il reato non sussiste ogni volta è stato possibile aliunde procedere alla ricostruzione del volume di affari e non è, dunque, avvenuta alcuna impossibilità di ricostruzione dei redditi o del volume di affari.

Posto che è obbligatorio che l'imprenditore tenga le scritture contabili, qualora non sia stato fatto è fondamentale farsi assistere da un avvocato penalista già nelle prime fasi dell'accertamento fiscale affinché non venga imputato un reato non commesso, evitando così un successivo procedimento penale.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Stalking, come difendersi

Cosa si può fare se si è vittima di molestie o minacce ripetute, ma si ha paura che una denuncia aggravi o non risolva la situazione?

Continua

Guida in stato di ebbrezza, come difendersi?

Inutilità del rifiuto di sottoporsi al test dell’etilometro; il lavoro di pubblica utilità come alternativa alla condanna e al decreto penale

Continua

Accusa ingiusta? Quali strade intraprendere?

Quando si è calunniati è conveniente fare immediatamente una contro denuncia?

Continua

Danni causati dall'alunno: chi ne risponde?

Responsabilità Civile della scuola e degli insegnati per danni causati e subiti dal minore durante l'orario scolastico

Continua

Droga. Cosa è cambiato.

Quali sono le modifiche della normativa sugli stupefacenti apportate dalla sentenza della Corte Costituzionale? Chi può usufruire della “nuova” norma

Continua

Facebook, attenzione a quel che si scrive

Si può incorrere nella diffamazione aggravata da motivi razziali anche tramite i soli post

Continua

Facebook, messaggi sgraditi la Cassazione dice no!

La Cassazione definisce luogo aperto al pubblico la piazza virtuale assoggettandone i messaggi o post alle molestie di cui all`art. 660 del codice penale

Continua

Diritto di difesa e reato di calunnia

L'imputato può mentire incolpando implicitamente di falsa testimonianza purchè sia in relazione alla propria difesa.

Continua

Divorzio breve e negoziazione assistita: cosa sono?

Cosa cambia e cosa resta nelle procedure di separazione? Quando sono applicabili le nuove norme procedurali? Cosa conviene?

Continua

Coltivazione di marijuana, quando non è punibile?

Quali sono gli sviluppi in giurisprudenza? Quando è punibile? Quando si può sostenere l’uso personale? Quando la condotta può risultare inoffensiva?

Continua

Dichiarazione fraudolenta o Frode Fiscale

Il reato di Frode Fiscale è destinato a diventare sempre più di moda nei Tribunali del Bel Paese?

Continua

Finanziamenti europei anche per i professionisti

Da gennaio 2016 i professionisti italiani potranno accedere, come i colleghi europei, ai bandi di finanziamento europei

Continua

Accusa ingiusta? Una nuova arma contro la calunnia

Una recente sentenza della Corte di Cassazione potrà proteggerci dalle calunnie? I Giudici di merito valuteranno le testimonianze esagerate?

Continua

In quanto si prescrivono le cartelle di Equitalia?

Sanzioni Tributarie, cartelle definitive non impugnate, prescrizione quinquennale

Continua

Appropriazione indebita. Momento consumativo

Il momento consumativo del reato si manifesta nel momento in cui viene compiuto un atto di dominio sulla cosa appropriata

Continua

L'avviso di fine indagini è sempre dovuto

La mancanza di avviso di conclusione delle indagini 415 bis all'indagato emesso dalla Procura competente per luogo comporta la nullità del processo?

Continua

Pubblicità e spam via mail. Tuteliamoci

Cos'è lo spam? Quale tutela esiste? Esistono profili risarcitori per il danno da spamming?

Continua

Bloccare la strada ad un auto è violenza privata?

Il conducente che ostacola l'uscita da un parcheggio di una vettura durante un diverbio commette il reato di violenza privata ex art. 610 c.p.

Continua

Omesso versamento Iva e contrabbando

Il trasporto di aerei dalla Repubblica di San Marino sul suolo nazionale configura il reato di contrabbando? Quando l'Iva all'importazione è dovuta?

Continua

Il peculato, limiti e requisiti

Costituisce reato di peculato o peculato d'uso l'utilizzo per fini personali di internet e telefono della pubblica amministrazione?

Continua

Furto in abitazione o privata dimora

Quando è configurabile il reato di cui all'art. 624 bis (furto in appartamento o privata dimora)?

Continua

Cittadinanza dei Robot e A.I. profili giuridici

L'umanizzazione della macchina che conseguenze potrebbe avere? I robot potrebbero esercitare diritti e doveri in uno Stato?

Continua

Associazione in partecipazione per fare impresa

Cos'è? Come funziona? A chi può convenire?

Continua

Come si può provare l'esistenza di un prestito?

E' sufficiente la copia dell'assegno come prova? È valido l'accordo orale? Come si può ottenere la restituzione della somma?

Continua

Il Trust e la protezione dei patrimoni

Funzionamento e disciplina del Trust riconosciuto in Italia

Continua

Stalking, remissione della querela

La querela per il reato di atti persecutori è sempre rimettibile?

Continua

Legittima difesa, cosa cambia?

È sempre riconosciuta? Vediamo a quali condizioni

Continua

Si può estinguere il reato mediante il risarcimento?

Le condotte riparatorie dell'art. 162 ter c.p. come istituto deflattivo del processo penale

Continua

I lavori di pubblica utilità

Sanzione sostitutiva o strumento deflattivo?

Continua

Peculato, truffa aggravata e abuso d'ufficio. Distinzioni tra i tre reati?

Quando si parla di pubblica amministrazione, pubblici ufficiali o incaricati di pubblici servizi?

Continua

Occultamento delle scritture contabili o evasione fiscale

L’art. 10 del D.Lgs. 74/2000 quando si perfeziona? Come si determina il termine della prescrizione?

Continua

Quando è reato la mancata esecuzione dolosa del provvedimento del giudice?

Il semplice inadempimento della sentenza non può essere condotta sufficiente se non sono stati commessi atti fraudolenti

Continua

Cannabis light: un caos giudiziario

Vendita legittima trasformata in reato che forse i singoli tribunali potranno ritenere tenue?

Continua