Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Diversity & Inclusion: i vantaggi per la tua azienda


I concetti di Diversità e Inclusione sono molto estesi e variegati e fanno riferimento a tutti quegli elementi che differenziano un individuo dagli altri
Diversity & Inclusion: i vantaggi per la tua azienda

Diversità si riferisce a tutte le differenze tra le persone: sesso, età, genere, etnia, aspetto fisico, orientamento sessuale, disabilità, credo politico, livello culturale, religione, status socio-economico, modi di pensare e di vivere.

Inclusione comporta accogliere collaboratori e stakeholders di diversi gruppi, dando loro l’opportunità di far sentire la propria voce e sviluppare un senso di appartenenza.

Negli ultimi anni la capacità inclusiva delle aziende è sotto i riflettori per motivi etici, organizzativi e di crescita economica. Infatti, ‘Inclusione’ è una parola chiave per il posizionamento delle aziende agli occhi dei consumatori.

I dati derivanti dal Diversity Brand Index 2022 indicano che il 77,5% della popolazione è maggiormente propenso verso i marchi più inclusivi.

È dimostrato che quando le persone operano in maniera inclusiva e gli stakeholders sono accolti e rispettati, ciò può facilmente tradursi in un vantaggio competitivo per l’organizzazione. Infatti, secondo le analisi del Diversity Brand Index 2022, le aziende che investono nelle politiche di inclusione registrano incrementi del 23% dei ricavi rispetto ai marchi non inclusivi. Inoltre, registrano un aumento dell’86,5% nel passaparola positivo.

È, infine, dimostrato che la valenza strategica dei contesti inclusivi all’interno delle organizzazioni sia in grado di massimizzare una serie di valori fondamentali, quali:

– una maggiore capacità creativa e di innovazione;
– un maggiore benessere dei dipendenti e quindi più lunghi rapporti lavorativi;
– una più elevata attrattività verso gli investitori;
– la capacità di produrre un maggior valore economico.

Il tema della Diversity & Inclusion è affrontato anche dal PNRR italiano; difatti, è previsto lo stanziamento di 19,81 miliardi di euro per lo sviluppo di politiche di inclusione e coesione sociale. In particolare, 6,66 miliardi di euro sono destinati allo sviluppo di una certificazione della parità di genere.

Dal secondo trimestre del 2022, il sistema di certificazione è aperto a tutte le imprese che siano grandi, medie, piccole o microimprese.

Le imprese che sceglieranno di certificarsi saranno incentivate tramite un sistema di sgravi e agevolazioni: la certificazione fornirà dati comparabili sul grado di gender equality delle aziende e permetterà di riconoscere le realtà più virtuose e di provvedere eventualmente a specifiche forme di premialità, di natura fiscale ma anche in termini di qualificazione nell’accesso a bandi e fondi.

Per l’anno 2022, alle aziende private che siano in possesso della certificazione della Parità di Genere è concesso, nel limite di 50 milioni di euro, un esonero dal versamento dei complessivi contributi previdenziali a carico del datore di lavoro.

Alle aziende private che, alla data del 31 dicembre dell’anno precedente a quello di riferimento, siano in possesso della certificazione sulla parità di genere è riconosciuto un punteggio premiante per la valutazione, da parte di autorità titolari di fondi europei nazionali e regionali, di proposte progettuali ai fini della concessione di aiuti di Stato a cofinanziamento degli investimenti sostenuti.

L’attuazione di un sistema di gestione per la parità di genere, volta a promuovere la parità di genere nelle aziende italiane, coinvolge in particolare l’attivazione delle seguenti aree:

– opportunità di crescita in azienda e parità di retribuzioni;
– politiche per la gestione della genitorialità e della conciliazione vita-lavoro;
– politiche di gestione dei processi aziendali.

Il sistema di certificazione ai sensi della UNI/PDR 125:2022 sarà aperto a tutte le imprese
indipendentemente dal requisito dimensionale. Nella fase sperimentale – che durerà fino al secondo quadrimestre del 2026 – la certificazione sarà agevolata per le imprese di medie, piccole e micro-dimensioni, e accompagnata da servizi di accompagnamento e assistenza.

Esiste un legame positivo dimostrabile tra uguaglianza di genere e sviluppo economico e sociale; per questo motivo l'uguaglianza di genere è uno degli Obiettivi di sviluppo del millennio.

Vi.Si.Consult è a disposizione per servizi di  consulenza sulle principali norme di riferimento, sugli adempimenti legislativi e sulle certificazioni di prodotto e/o servizio, in particolare per quanto concerne la UNI/PDR 125:2022.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Ergonomia: le novità della nuova UNI ISO 11228-1:2022

UNI ISO 11228-1:2022 "Ergonomia - Movimentazione manuale - Parte 1: Sollevamento, abbassamento e trasporto"

Continua

Superbonus 110% e bonus edilizi, certificazione SOA: come si ottiene

Superbonus 110% e bonus edilizi, cos’è la certificazione SOA e come si ottiene

Continua

Cybersecurity e sostenibilità possono collaborare?

L’Agenda 2030 dice sì! Il percorso iniziato dall'ONU al cui centro c’è lo sviluppo sostenibile passa anche e soprattutto attraverso la connessione di idee e dati

Continua

Sistemi di gestione di salute e sicurezza sul lavoro

Bilanci e prospettive dei sistemi di gestione di salute e sicurezza sul lavoro

Continua

I modelli ESG cambiano le relazioni delle imprese con gli stakeholder

L’approccio Enviromental Social and Governance - ESG e le relazioni delle imprese con gli stakeholders

Continua

Norma UNI EN ISO 7010:2022, segnali di sicurezza

UNI EN ISO 7010:2022 dal titolo “Segno grafici – Colori e segnali di sicurezza – Segnali di sicurezza registrati”

Continua

Certificazioni Aziendali: i 4 pilastri per il successo

Ci sono 4 pilastri fondamentali in base ai quali avere ottime certificazioni spiana la strada verso il successo

Continua

Informativa UNI/PdR 125:2022 per la Parità di Genere

"Linee guida sul sistema di gestione per la parità di genere che prevede l'adozione di specifici KPI inerenti alle Politiche di parità di genere nelle organizzazioni"

Continua

High Level Structure: il nucleo degli standard internazionali

Pubblicata ad aprile la versione della struttura di alto livello, il framework comune per tutte le norme ISO relative ai sistemi di gestione.

Continua

Istituti di Vigilanza Privata: servizi di qualità con la UNI 10891

La UNI 10891:2022 fissa i requisiti minimi obbligatori per gli Istituti di Vigilanza Privata che hanno l’obbligo di ottenere la certificazione accreditata

Continua

ISO 50001: approfondimento sui Sistemi di Gestione dell’Energia

UNI CEI EN ISO 50001:2018 - Sistema di Gestione dell'Energia

Continua

ISO 14001: lo Standard dei Sistemi di Gestione Ambientale

Perché certificarsi ISO 14001? Ecco quali sono i vantaggi

Continua

SA 8000, responsabilità sociale ed etica

La norma SA8000 mira a coniugare criteri di gestione aziendali e principi di responsabilità sociale

Continua