Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Divieto di licenziamento a causa di matrimonio


La Cassazione ha avuto modo di ritornare sul tema del divieto di licenziamento a causa di matrimonio
Divieto di licenziamento a causa di matrimonio
La Cassazione ha avuto modo di ritornare a distanza di anni sul tema del divieto di licenziamento a causa di matrimonio.

E infatti, ha affermato che la presunzione legale di cui all'art. 35, comma 3, del d.lgs. n. 198 del 2006 è collegata ad una tipica forma legale di pubblicità- notizia costituita dal compimento delle formalità preliminari al matrimonio previste dagli artt. 93 e segg. c.c., alle quali non sono equipollenti le pubblicazioni per il matrimonio canonico, atteso che quelle civili sono prescritte anche per il matrimonio concordatario.

Tale interpretazione della disciplina in materia non è in contrasto con il principio costituzionale di eguaglianza, non operando essa alcuna discriminazione per motivi di religione limitandosi a stabilire che la presunzione di conoscenza, derivante dall'attuazione di una forma di pubblicità legale, scaturisce soltanto dall'attuazione di tale pubblicità secondo le norme dell'ordinamento che la prevede e che tale pubblicazione costituisce elemento necessario perché sia operativa la presunzione prevista nella norma.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La nuova disciplina delle mansioni

Il datore può assegnare il lavoratore a mansioni riconducibili allo stesso livello e alla stessa categoria legale di inquadramento

Continua

Il licenziamento del dirigente

Le garanzie procedimentali in tema di sanzioni disciplinari, di cui all’art. 7 della l. 300, si applicano a tutti i dirigenti (apicali o non)

Continua

Appello: modificabilità della domanda

E' possibile modificare in appello i fatti che la parte ha posto inizialmente a base della propria domanda?

Continua

Adozione del figlio del partner omosessuale

La Consulta dichiara inammissibile la questione sollevata dal Tribunale per i minorenni di Bologna in materia di adozione del figlio del partner gay

Continua