Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Divisione giudiziale della casa familiare


L'assegnazione dell'immobile al coniuge separato può determinare un aumento della quota spettante in caso di successiva divisione giudiziale
Divisione giudiziale della casa familiare
Il diritto di abitazione dell’immobile disposto in favore di uno dei coniugi in esito ad un provvedimento di separazione, analogamente al diritto vantato da terzi sull’immobile, può comportare una riduzione del valore del bene nei confronti del coniuge che, sebbene comproprietario, non ne sia assegnatario.

E’ quanto stabilito dalla Corte di Cassazione, Sezione II, con sentenza n. 8202 del 22/04/2016.

Secondo tale orientamento, già richiamato in una precedente pronuncia (la n.20319 del 15/10/2004), a meno di una modifica preesistente del provvedimento di assegnazione della casa coniugale e, fermo restando l'apporto contributivo di ciascuno dei coniugi alla conservazione del bene, il coniuge che sia titolare del diritto di godimento dell’immobile comune potrà vedersi riconosciuto un incremento della propria quota in sede di divisione giudiziale, a prescindere dall’attribuzione del bene all’uno o all’altro coniuge e anche ove ne venisse disposta la vendita a terzi.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Diritto al mantenimento della nuova famiglia

La nuova unione familiare dell'ex coniuge obbligato può ridurre l'entità del mantenimento in favore della prima famiglia.

Continua

Minori: affido paritario

Avere maggior tempo con un figlio vuol dire acquisire qualità del rapporto ed è il minore a beneficiarne: affido paritario - inversione di tendenza

Continua

Mantenimento: chi paga il mutuo?

Tra le voci di spesa ricomprese nell'assegno di mantenimento può esser previsto anche il pagamento del mutuo

Continua

Reversibilità e convivenza prematrimoniale

Nell'attribuzione della quota di reversibilità tra coniuge divorziato e coniuge superstite il criterio della convivenza prematrimoniale può incidere

Continua