Richiedi una consulenza in studio gratuita!

DTA per banche in liquidazione


Trasformazione delle DTA in credito d’imposta per le banche in liquidazione a seguito della cessione delle attività e passività
DTA per banche in liquidazione
A seguito dell’innalzamento dei requisiti patrimoniali minimi delle banche, operato dall’Organo di Vigilanza, diversi istituti di credito dovranno provvedere a porre in essere delle operazioni straordinarie di fusione con altri istituti di credito ovvero cedere i propri asset a banche di maggiori dimensioni o comunque che abbiano un’adeguata consistenza patrimoniale.
In siffatta situazione, diverse banche, soprattutto di piccole dimensioni, sono impegnate in questi mesi nella ricerca di partner con i quali porre in essere operazioni di fusione o cessione dei propri sportelli.
Ad avvenuta cessione degli sportelli bancari la cedente dovrà avviare la liquidazione volontaria della stessa nominando conseguentemente un liquidatore per il compimento delle operazioni necessarie all’estinzione del soggetto giuridico.
Durante la procedura della liquidazione, come noto, il liquidatore dovrà appunto adoperarsi per liquidare l’attivo e ad estinguere il passivo patrimoniale della società al fine di determinare l’eventuale attivo da distribuire ai soci.
Considerando lo specifico settore (bancario) nel quale operava la società ante liquidazione è necessario porre una particolare attenzione al rimborso/cessione di eventuali crediti d’imposta maturati.
Si tratta nello specifico di crediti tributari per acconti versati relativi all’imposta di bollo, imposte sostitutive, IRES e IRAP nonché il credito d’imposta per imposte anticipate (DTA Deffered Tax Asset).
Il DL 225/2010 ha concesso la possibilità agli istituti di credito di trasformare in credito d’imposta le attività per imposte anticipate relative a:
- Svalutazione di crediti non ancora dedotte;
- Valore dell’avviamento e delle altre attività immateriali i cui componenti negativi saranno deducibili fiscalmente in più periodi.
La trasformazione delle DTA in credito d’imposta può avvenire in caso di conseguimento di una perdita fiscale, civilistica o in caso di liquidazione volontaria o di assoggettamento ad una delle procedure concorsuali.
In caso di liquidazione volontaria della Banca, la trasformazione delle DTA in credito d’imposta è possibile soltanto per le poste relative alla svalutazione dei crediti o ammortamenti e svalutazioni dell’avviamento e altre attività immateriali, iscritte nell’ultimo bilancio approvato relativo all’esercizio nel quale la società svolgeva l’attività creditizia.
Il credito d’imposta per DTA si consolida, e quindi diviene utilizzabile, soltanto nel momento in cui viene presentata la dichiarazione dei redditi relativa alla chiusura della liquidazione o della procedura; quindi, in sostanza, dopo lo scioglimento della società.

Accade di frequente che in caso di liquidazione conseguente alla cessione degli asset ad altri istituti di credito, questi ultimi si impegnano ad acquistare i crediti d’imposta della società cedente. In tal caso, il trasferimento del credito può avvenire mediante l’erogazione di un finanziamento da parte della banca cessionaria alla società in liquidazione (cedente) dell’importo pari al credito per DTA teorico che viene poi estinto nel momento in cui avviene l’acquisto del credito ormai consolidato a seguito della presentazione della dichiarazione dei redditi relativa alla chiusura della liquidazione.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Per alcune imprese arriva la tassazione per cassa?

Sarà concessa ad alcune imprese di piccole dimensioni la possibilità di determinare il reddito col sistema ENTRATE meno USCITE

Continua

Rottamazione delle cartelle di Equitalia

Concessa l'opportunità a tutti i contribuenti di sanare la propria esposizione nei confronti di Equitalia

Continua

Notifiche dell`Agenzia delle Entrate tramite pec

L'agenzia delle Entrate ha attivato un servizio per le notifiche tramite pec anche ai soggetti non obbligati al possesso della PEC

Continua

F24: novità per i titolari di partita Iva

Dal primo giugno 2017 per gli F24 a credito dei titolari di partita Iva scatta l'obbligo del canale telematico Agenzia delle Entrate

Continua

Liti fiscali pendenti, un flop annunciato

Il 2 ottobre 2017 scade il termine per la domanda di definizione agevolata delle controversie tributarie con l'Agenzia delle Entrate.

Continua

Enti associativi: rivoluzione in vista

Istituito il codice del Terzo settore

Continua

In arrivo "avvisi bonari" Iva

Stanno arrivando, via PEC, gli inviti alla regolarizzazione degli omessi versamenti IVA 2017

Continua

Bonus digitalizzazione

In arrivo per piccole e medie imprese un voucher da spendere in tecnologia

Continua

Credito d'imposta per investimenti in pubblicità

Introdotto dalla Manovra Correttiva, concede la possibilità a lavoratori autonomi, professionisti ed imprese di poterne fruire a partire dal 2018

Continua

Dalla Legge di bilancio 2018

Dalla Legge di bilancio per il 2018 tante opportunità per i contribuenti

Continua