Richiedi una consulenza in studio gratuita!

E che brexit sia!


La Gran Bretagna è ufficialmente fuori dall'Unione Europea
E che brexit sia!

Fino ad oggi non ve ne ho mai parlato perché trovavo abbastanza fuoriluogo fare il “TotoBrexit”. Adesso, invece, la scelta si è concretizzata e a breve inizieremo a vederne le conseguenze.

In realtà in Inghilterra qualcosa è già successo, la sterlina ha perso il 10% del suo valore (in parole povere hanno subito un inflazione del 10%) e quindi è diventato più costoso per gli amici di oltremanica comprare beni esteri, e il potere di acquisto ha subito un bell' arresto.

Una notizia di qualche me se fa mi aveva colpito perché raccontava che moltissimi Pub hanno dovuto chiudere nell'ultimo anno e mezzo!

Adesso comunque si apre una fase molto delicata che si concluderà a fine anno, in cui i due principali attori UK e UE dovranno stabilire le nuove regole dei rapporti tra le due controparti.

Solitamente per concludere questi accordi ci vogliono ben più di 12 mesi e quindi c'è la possibilità che, non raggiungendo un accordo entro i termini, la Gran Bretagna diventi per gli europei, come un qualsiasi paese extra UE, come il Taiwan, o la Cina per intendersi.

Questo porterebbe all'introduzione di dazi e controlli alle frontiere per tutte le merci da e verso la Gran Bretagna, scenario da non augurarsi, ne per noi ne per loro.

Questa piccola questioncella riguarda in particolar modo i rapporti tra Irlanda del Nord e Irlanda, che dovranno gestire un confine all'interno del proprio territorio.

QUANTO CONTERA' LA GRAN BREATGNA DA SOLA?

L'accordo attuale prevede che la Gran Bretagna possa contare su dazi a zero verso l'UE e che possa trattare autonomamente verso i paesi terzi. Ma la domanda è: che forza potrà avere da sola nei confronti di colossi come America e Cina?

Non dimentichiamoci che prima della costituzione della Comunità Europea questi tre paesi si contendevano l'Europa.

Nel frattempo qualche problema nasce anche nei confronti della Scozia, che sta pensando a riproporre un referendum per l'autonomia che gli consentirebbe di rimanere nell'UE.

Quindi Boris Johnson qualche pensierino di unità interna tra Irlanda del Nord e Scozia ce li ha!

Da parte nostra, la nuova Presidente della Commissione Europea, von der Leyen, ha già avvisato che senza libertà nella circolazione delle persone, non ci sarà apertura per la libertà di circolazione delle merci e soprattutto che, per far entrare le proprie merci nel mercato europeo, il più grande mercato unico del mondo, dovranno rispettare le norme riguardanti gli standard qualitativi, ambientali di diritto del lavoro, richieste dalla norme UE.

Da Presidente tra l'altro non potrà dimostrarsi molto accondiscendente perché, a causa delle spinte populistiche interne, dovrà dimostare che per uscire dall'Unione Europea la strada è dura e piena di imprevisti.

In poche parole deve dissuadere chiunque pensi di prendere la stessa strada della Gran Bretagna.

QUALI  POSSIBILI SCENARI?

Ovviamente ci sono due fazioni divise tra chi dice che le conseguenze negative di questo divorzio ricadranno sull'economia britannica come una scure e chi invece sostiene che sarà una strada che nel medio periodo aiuterà una ripresa del settore manifatturiero britannico.

Gli ottimisti dicono che ci sarà un apprezzamento della sterlina che porterà il Pil ad aumentare dell'1% già a partire dal 2020, i detrattori, che al momento sono decisamente più numerosi, prevedono che la fase di grande incertezza in cui si è entrati deprimerà le aspettative delle aziende inglesi che dipendono in modo sostanziale dalla mano d'opera straniera e da interazioni comemrciali libere.

Nel frattempo, le grandi banche mondiali stanno abbandonando la City, così come anche i Lloyd's di Londra. La Honda ha già annunciato che chiuderà il suo stabilimento lasciando a casa 3500 persone e la stessa scelta l'hanno già annunciata marchi come Panasonic, Nissan, Toyota, AXA.

Ma tutte queste cose gli inglesi le conoscevano molto bene quando hanno votato, e pur di ritornare ad avere una loro identità, come nel dopo guerra, hanno preferito un po' di povertà.

Ma dal 1989 il mondo è cambiato, e gli equilibri si sono modificati tantissimo a favore dei paesi emergenti, quali la Cina, e la domanda vera è: ce la farà da sola la Gran Bretagna? Ai posteri l'ardua sentenza, certo è che fra qualche anno i singoli paesi europei, Inghilterra compresa, non faranno più parte del G20. Solo unite le nostre economie hanno un peso a livello globale e possono contendersi il mercato in contrapposizione con giganti quali America e Cina.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Come investire oggi i propri risparmi

Cosa fare con i propri risparmi oggi che Il mondo è cambiato? Trasformiamoci da risparmiatori ad investitori con tempo, metodo e il giusto compagno di viaggio

Continua

Coppie senza figli, chi eredita?

Gli strumenti a disposizione per tutelare il patrimonio delle coppie senza figli in caso di premorienza di un coniuge

Continua

TFR, perchè averlo farà la differenza

Come poter integrare la pensione INPS per mantenere il proprio tenore di vita utilizzando il TFR

Continua

Il testamento, così importante e così poco utilizzato...

Il testamento: uno strumento che riserva importanti facoltà a chi lo redige, ma che in Italia viene utilizzato solo dal 5% delle persone

Continua

Fondo pensione, perché è così importante

Solo il 23% dei lavoratori dipendenti ha aderito a fondi pensione. I più penalizzati saranno i giovani di oggi

Continua

Investiamo più soldi per avere più soldi, ma è davvero così?

Su questa affermazione siamo sicuramente tutti d’accordo.

Continua

Come assicurarsi una vecchiaia serena

Tra i bisogni della persona, quello di assicurarsi una vecchiaia serena è il più gettonato. Ecco come fare

Continua

Conto corrente cointestato, di chi sono i soldi?

Il conto cointestato è molto diffuso, eppure le sue implicazioni sono tutt’altro che semplici

Continua

Il rendimento è un premio al rischio assunto

Quando vi chiedete come mai guadagnate poco, ricordatevi anche quanto siete disposti a rischiare

Continua

Cos'è libra, la nuova valuta di facebook?

Libra sarà utilizzabile solo dal 2020 e permetterà di scambiarsi denaro senza passare per il tramite di una banca

Continua

Come fare i conti con la longevità

E' necessario avere un progetto finanziario personalizzato per la sicurezza finanziaria nel futuro

Continua

Un obiettivo di risparmio con molteplici rendimenti: l'Università

Risparmiare per poter garantire ai propri figli un grado di istruzione di terzo livello è uno degli investimenti a più alto rendimento atteso

Continua

Come viene pagato il Consulente Finanziario

Uno dei misteri che avvolgono il mondo della consulenza finanziaria sta nelle modalità attraverso la quale viene pagato il consulente finanziario

Continua

La nostra immortalità dipende dalla luna

Come fare per rendere immortale il nostro patrimonio, in modo che produca sempre la rendita necessaria per poter mantenere il nostro tenore di vita?

Continua

Coronavirus e mercati finanziari, quali effetti?

Come e se l'allerta globale derivata dal diffondersi del Coronavirus può incidere sui vostri risparmi

Continua

Le domande al consulente: 1° Puntata

Perchè non siamo usciti 15 giorni fa dai mercati, quando c'erano i primi segnali?

Continua

Le domande al consulente: 2° Puntata

Perchè dicono che questo sia il momento giusto per investire? Come fai a dirlo con certezza?

Continua

Perché entrare e uscire dai mercati è controproducente?

Fa più danno non partecipare ai migliori giorni di crescita successivi allo storno che non beccarsi lo storno stesso

Continua