Richiedi una consulenza in studio gratuita!

E-commerce: che cos'è'?


Definizione e principali adempimenti amministrativi e fiscali per avviare l'attività
E-commerce: che cos'è'?
L'e-Commerce può essere definita l'attività del futuro, una grande potenzialità di business. La direttiva 2000/31/Ce, recepita in Italia dal Decreto Legislativo n. 70 del 9/4/2003, stabilisce che l'attività possa essere svolta senza preventiva autorizzazione, ad eccezione di quelle attività per le quali sono richiesti requisiti professionali.
L'e-Commerce è comunque un'attività commerciale e come tale necessita per essere svolta di una serie di adempimenti amministrativi e fiscali; sono esonerati coloro che svolgono l'attività in modo occasionale con ricavi inferiori a euro 5000,00.
Tramite ComUnica è possibile con un unico invio telematico aprire Partita Iva, l'iscrizione alla Camera di Commercio, l'iscrizione alla gestione commercianti Inps e la presentazione della Scia (segnalazioe inizio attività) al Comune nel quale si intende avviare l'attività. Sarà inoltre necessario comunicare all'Agenzia delle Entrate l'indirizzo del sito Web, i dati identificativi dell'Internet Service Provider, l'indirizzo mail, il numero di telefono e di fax. Infine, se s'interderà effettuare vendite a operatori economici di un altro paese Ue, bisognerà richiedere l'iscrizione nella banca dati Vies.
La vendita avviene attraverso una piattaforma Web all'interno della quale l'acquirente può consultare il catalogo on-line.
Si definisce Business to Consumer (B2C) la vendita effettuata a consumatori finali; tali vendite sono esonerate dall'obbligo di emissione di fattura, scontrino e ricevuta fiscale, salvo richiesta del cliente. Il venditore ha comunque l'obbligo di annotare i corrispettivi delle vendite, comprensivi di iva, nel registro dei corrispettivi.
Si definisce, invece, Business to Business (B2B) la vendita effettuata ad un'altra azienda; in tal caso è sempre obbligatorio emettere fattura.
Da ultimo, in base alla normativa ad oggi vigente, nel sito Web deve essere indicate le seguenti informazioni:
nome, denominazione o ragione sociale; domicilio e sede legale; contatto telefonico ed e-mail; numero di iscrizione al repertorio delle attività economiche, REA o registro imprese; nel caso di attività soggetta ad autorizzazione, licenza o concessione, gli estremi di tali autorizzazioni; numero di Partita IVA; indicazione chiara e inequivocabile di prezzi e tariffe applicate; cookie policy.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Dropshipping

Particolare tipologia di E-commerce: caratteristiche e vantaggi

Continua

Fatturazione elettronica

Nuovi obblighi a partire dal 1° gennaio 2019 per tutte le società

Continua

Le novità del Decreto Dignità

Contratti a tempo determinato, voucher turismo, sgravi contributivi e licenziamenti

Continua

Rottamazione-ter, al via le domande fino al 30 aprile 2019

Può aderire anche chi lo ha fatto alle precedenti Definizioni agevolate rispettando alcuni requisiti

Continua

Pace fiscale, arriva la proroga al 31 luglio 2019

E’ possibile ancora aderire alla rottamazione ter e al saldo e stralcio delle cartelle esattoriali

Continua