Richiedi una consulenza in studio gratuita!

“E’ più forte di me”: il potere dell’Ego


Tra stimolo e risposta c’è uno spazio. In questo spazio si trovano la nostra libertà e potere
“E’ più forte di me”: il potere dell’Ego

E’ più forte di me…cosa è più forte? Quando pronunciamo questa frase è per giustificarci rispetto ad un potere che pensiamo di non avere. In realtà stiamo dando potere al nostro Ego togliendolo alla parte più bella di noi.


C’è un racconto di Liliana Segre che leggo ai ragazzi a scuola da molti anni e non smette mai di risuonarmi dentro con una forza straordinaria.


"Ci fu un momento importante nella mia vita, un episodio incastonato nell’evento epocale che stavo vivendo. Il comandante di quell’ultimo campo, crudele assassino, camminava vicino a me, si spogliò, rimase in mutande, si rivestì da civile…Quando buttò la pistola ai miei piedi, con tutto l’odio che avevo dentro di me e la violenza subita che mi invadeva il corpo, io pensai per un istante: “Adesso mi chino, prendo la pistola e in questa confusione assoluta lo ammazzo”. Mi ero nutrita a lungo solo di malvagità e di vendetta. Pensai che sparargli fosse l’azione giusta nel momento giusto, il giusto finale di quella storia di cui ero stata protagonista e testimone. Ma fu un attimo.


Un attimo importantissimo, definitivo nella mia vita, che mi fece capire che io mai, per nessun motivo al mondo avrei potuto uccidere. Che nella debolezza estrema che mi vinceva, la mia etica e l’amore che avevo ricevuto da bambina mi impedivano di diventare uguale a quell’uomo.


Non avrei mai potuto raccogliere la pistola e sparare al comandante di Malcow.


Io avevo scelto la vita. Quando si fa questa scelta non si può togliere la vita a nessuno.


E da quel momento sono stata libera
" (sopravvissuta ad Auschwitz, Liliana Segre fra le ultime testimoni della Shoah, di Emanuela Zuccalà, p. 63-64).


Nutrita di malvagità e di vendetta eppure capace di un gesto che trasforma la vita in maniera così radicale da poter proclamare la propria libertà. E’ qualcosa che tocca il cuore, lo dilata e apre all’ammirazione e alla speranza.
Liliana Segre ha vissuto in quell’istante la decisione della vita, si è trovata nel cosiddetto “punto di biforcazione”, un bivio in cui DEVI scegliere. Forse hai pochi minuti per poter scegliere, ma sai che la tua scelta condizionerà la vita futura e anche se non vedi chiaramente tutti gli elementi, ti muovi in base a ciò che più conta per te. Liliana Segre ha risposto SI alla vita.
Nel linguaggio di oggi si potrebbe dire che ha fatto il “salto quantico”: nel suo atto di volontà di abbracciare l’amore per la vita ha cambiato il suo livello di coscienza.


Esistono più livelli di coscienza:


•    Quella automatica, condizionata dal nostro passato, dalle ferite, dalle questioni non risolte, dalle storie del nostro albero genealogico, quella dell’assenza di consapevolezza di se stessi. Qualcuno lo chiama inconscio inferiore, altri coscienza inferiore. Qui governa chi “è più forte di me”.


•    Quella intermedia dove oscilliamo tra la consapevolezza di ciò che siamo e il desiderio di essere altro, di avere e ricevere amore e sentirci degni di… di malessere e benessere. Questo è il livello medio in cui vorremmo togliere il potere a chi “è più forte di me”, ma ancora non ci riusciamo del tutto.


•    Quella superiore, quella della coerenza tra cuore e mente, della serenità interiore, quella della pace di cui parlano i grandi Maestri spirituali in cui ci si sente liberi. Quella in cui è la vera coscienza che governa: il Sé superiore, la Coscienza superiore, il Cuore, il Maestro interiore…


La domanda allora è: solo chi arriva in un bivio simile può fare quel salto?
No, noi abbiamo la possibilità di farlo ogni volta che decidiamo di abbandonare il rancore, di lasciar andare ciò che ci avvolge nella tristezza e smettiamo di credere che la frase “è più forte di me” sia una giustificazione valida.  La forza di rompere il potere di quella frase è dentro di noi e non aspetta altro che essere usata per entrare in azione e renderci capaci di elevare la nostra dignità di esseri umani.


Tra stimolo e risposta c’è uno spazio. In questo spazio si trovano la nostra libertà e il nostro potere di scegliere la risposta. In questa risposta si trovano la nostra crescita e la nostra libertà. (Victor Frankl)


Per chi vuole c’è la testimonianza diretta di Liliana Segre in questo video.
 

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Puntare il dito nel conflitto di coppia

Nel conflitto di coppia è facile cadere nell'accusa reciproca. Nell'articolo analizziamo come questo possa essere un "autogoal"

Continua

La rabbia nell'adolescente

Uno dei problemi principali degli adolescenti è quello di fare i conti con le proprie emozioni, soprattutto con la rabbia

Continua

Cos'è la Mediazione Familiare?

Un articolo per chiarire l'ambito professionale del Mediatore Familiare

Continua

Costellazioni familiari: desiderio di conoscersi

Poche righe per trasmettere la passione e la curiosità per il metodo delle Costellazioni Familiari

Continua

Prima della separazione: insieme ma lontani

Descrizione della fase che precede la decisione di separazione nella coppia.

Continua

Il regno della paura

Il potere che la paura ha su di noi molto dipende dal tipo di visione che abbiamo del mondo

Continua

Mediatore Familiare: criteri per una scelta consapevole

Il Mediatore Familiare: un professionista ancora sconosciuto nella sua reale competenza

Continua

Costellazioni Familiari: una cultura di pace

Le Costellazioni Familiari sono un percorso che costruisce una cultura di pace a partire da noi

Continua

Affrontare il tema della rabbia con le Costellazioni Familiari

Il tema della rabbia si può affrontare con il metodo delle Costellazioni Familiari?

Continua

Coscienza superiore, Ego e Costellazioni Familiari

Dalla formazione dell'Ego al lavoro delle Costellazioni Familiari

Continua

Le Costellazioni Familiari a servizio della Mediazione Familiare

La vita la si comprende guardando all'indietro, la si vive guardando in avanti (Soren Kierkegaard)

Continua