Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Emergenza Covid-19. Quale futuro per le micro imprese?


Occorre un cambio di approccio gestionale dal "vivere alla giornata" a quello dell'analisi e della pianificazione, in primis finanziaria
Emergenza Covid-19. Quale futuro per le micro imprese?

Le difficoltà finanziarie lamentate da tantissime micro imprese in conseguenza della crisi da Covid-19 dimostrano che, anche ai livelli dimensionali minimi, le imprese dovranno (per la loro futura sopravvivenza) imparare ad implementare (anche in forma approssimata, ma efficace) strumenti di controllo di gestione della liquidità, necessari per aiutare il piccolo imprenditore a comprendere se l'attività viene gestita in condizioni di efficienza ed è in grado di generare liquidità necessaria per fronteggiare gli impegni finanziari di ogni natura, compreso il cosiddetto "stipendio dell'imprenditore" che spesso viene determinato e prelevato in misura del tutto non coerente con la potenzialità produttiva dell'azienda condotta.

Al di là delle affermazioni di 'pancia" dettate (comprensibilmente) dalla disperazione del momento, bisogna razionalmente prendere atto del fatto che le risorse statali sono limitate e i possibili aiuti a fondo perso non possono assumere - in prima battuta - forme differenti da quelle di "sussistenza".

Dobbiamo prenderne atto ed adottare decisioni immediate sulla gestione delle nostre micro aziende.

La decisione più importante deve essere quella di un cambio di approccio gestionale. Si deve passare dal "vivere alla giornata" a quello dell'analisi e della pianificazione (in condizioni di normalità) delle nostre attività, delle nostre entrate ed uscite finanziarie, delle loro scadenze, della eventuale necessità di supportarle con Il ricorso al credito (soprattutto per le attività condizionate dalla stagionalità) perseguendo l'equilibrio finanziario.

Bisogna affrontare questa fase "straordinaria" con decisione ed obiettività e senza isterismi, utilizzando e combinando tutti gli strumenti offerti dal sistema in alternativa all'apporto (se disponibili) di risorse proprie.

Pensiamo al ricorso al credito. Ma pensiamo ragionevolmente – in ultima ratio – anche alle altre forme offerte dal sistema tributario per il versamento dei tributi oltre i normali termini di scadenza. Con riferimento, ad esempio, al versamento delle imposte e dei contributi sospesi (e il cui versamento dovrà essere effettuato a partire dai mesi di maggio e giugno)  una ipotetica soluzione alternativa al ricorso all'indebitamento (le cui risorse finanziarie  potrebbero altresì essere destinate a sostenere la ripresa) potrebbe essere quella dell'eventuale ricorso al ravvedimento operoso per i versamenti dovuti all'erario, con ragionevole differimento  dell'inizio delle somme sospese a partire  dalla fine del 2020 (anche se in questa fase straordinaria sarebbe auspicabile l'introduzione di piani di rateizzo straordinari potenziati rispetto a quelli ordinari). 

È, quindi, necessario acquisire al più presto questa consapevolezza e adottare quanto prima questo cambio di mentalità.

Questa volta è veramente in gioco il futuro di molte micro aziende.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Accordi di separazione fra coniugi e “agevolazioni prima casa”

Agevolazioni prima casa: benefici confermati se la cessione entro il quinquennio avviene nell’ambito di accordi di separazione omologati dal giudice

Continua

Emergenza COVID 19, il credito d'imposta sulle locazioni commerciali

Requisiti soggettivi ed oggettivi richiesti per il riconoscimento del credito di imposta sulle locazioni commerciali per le attività chiuse

Continua

Contributo a fondo perduto del Dl Ristori bis: quale rideterminazione?

Il contributo a fondo perduto di cui all’art. 1 del Decreto Ristori 1 e la “problematica” rideterminazione operata ai sensi dell’art. 1 del Decreto Ristori 2

Continua