Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Enti bilaterali, tra obbligo e diritti


Iscrizione e contribuzione agli enti bilaterali, tra obbligo e corresponsione di emolumenti sostituivi della retribuzione
Enti bilaterali, tra obbligo e diritti

Il Ministero del Lavoro con circolare n. 43 del 15 dicembre 2010, si è pronunciato definitivamente circa l’obbligatorietà di adesione al sistema della bilateralità.

aziende NON aderenti all’associazione datorile firmataria del CCNL applicato

 

 aziende aderenti all’associazione   datorile firmataria del CCNL applicato

L'obbligo di iscrizione e contribuzione agli enti bilaterali sussiste solo per i datori di lavoro che aderiscono ad una delle associazioni stipulanti il contratto collettivo.

L’immediata conseguenza è che i datori di lavoro non aderenti all’associazione firmataria il C.C.N.L., in virtù della libertà associativa così come garantita dalla Costituzione Italiana, in linea teorica non risultano obbligati all’adesione.

Il caso delle aziende NON aderenti all’associazione datorile firmataria del CCNL applicato

Tuttavia, pur non risultando obbligati, anche i datori di lavoro che non aderiscono volontariamente all'ente bilaterale, in alcuni casi, sono tenuti a corrispondere emolumenti sostitutivi della retribuzione persa dal lavoratore, in particolare:

•    il contributo all'ente non versato, sulla base di quanto previsto dal C.C.N.L. o dall’ente, a titolo di indennità sostitutiva di mancata adesione [1]

•    delle equivalenti prestazioni di cui il lavoratore avrebbe potuto beneficiare attraverso il sistema della bilateralità.

Tale valutazione è dovuta al fatto che la mancata adesione nonché il mancato versamento dei contributi agli enti bilaterali, determina:

minori prestazioni per il lavoratore non iscritto

e conseguentemente

svantaggio economico per il lavoratore non iscritto

 

 

La differenza fra l’iscrizione all’ente bilaterale e il diritto alla fruizione delle prestazioni

Il lavoratore acquista il diritto, non già a ritrovarsi iscritto all'Ente Bilaterale, ma di poter fruire delle prestazioni fornite dal sistema della bilateralità, nazionale e regionale.

Da ciò deriva che le prestazioni ottenibili attraverso le tutele definite dagli enti bilaterali risultano comprese nella parte economico/normativa del contratto collettivo di lavoro, mentre l’iscrizione/contribuzione all'ente, si inquadrata nella parte "obbligatoria" del contratto.

Tuttavia, questo principio non può determinare la regola generale e non risulta sufficiente di per sé a vincolare il datore di lavoro.

Per determinare l’obbligo è necessario, infatti, che le parti stipulanti il contratto prevedano, per datori di lavoro non aderenti all’associazione datorile firmataria, di riconoscere al prestatore forme alternative di tutela anche attraverso una loro quantificazione economica.

Pertanto l'omissione del versamento all'ente bilaterale obbliga il datore di lavoro, secondo quanto espressamente previsto dal contratto collettivo, a corrispondere al lavoratore un elemento distinto della retribuzione, mediante il riconoscimento:

•    di una somma economica di natura retributiva;

•    di una prestazione equivalente a quella erogata dalla bilateralità;

Di conseguenza:

•    l'impresa che aderisce alla bilateralità assolve ogni suo obbligo nei confronti del lavoratore;

•    le imprese che invece decidono di non aderire alla bilateralità, senza versare il relativo contributo, non potranno esimersi dal versare direttamente al lavoratore un elemento aggiuntivo di retribuzione quantificato forfettariamente dallo stesso contratto collettivo e di fornire una prestazione equivalente a quella erogata dal sistema bilaterale di riferimento ai diversi livelli, nei limiti degli importi stabiliti dalla contrattazione collettiva.

Una volta riconosciuto da parte del contratto collettivo di riferimento che una determinata prestazione rappresenta un diritto contrattuale del singolo lavoratore, l'iscrizione all'ente bilaterale rappresenta una modalità per adempiere al corrispondente obbligo del datore di lavoro.

Pertanto dove espressamente previsto dai contratti collettivi, ogni singolo prestatore di lavoro matura un diritto contrattuale di natura retributiva - alla stregua di una retribuzione aggiuntiva o integrativa - nei confronti di quei datori di lavoro non aderenti al sistema bilaterale di riferimento. Tale diritto potrà essere adempiuto attraverso il riconoscimento di una somma o di una prestazione equivalenti a quella erogata dal sistema bilaterale di riferimento ai diversi livelli.


Le conseguenze della mancata adesione all’ente bilaterale

In caso di mancata adesione è necessario corrispondere l’elemento aggiuntivo della retribuzione come individuato dalla contrattazione collettiva o dal regolamento dell’ente.

L’elemento aggiuntivo è assimilato a retribuzione, con la conseguenza che sull’importo sono dovuti i contributi previdenziali ed assistenziali. L’azienda non è in ogni caso tutelata nei confronti della richiesta del lavoratore di erogazione delle provvidenze di cui avrebbe avuto diritto in caso di iscrizione all’ente.


In caso di mancata adesione e mancata corresponsione dell’elemento aggiuntivo della retribuzione le conseguenze sono molteplici e si possono così sintetizzare:

•    il lavoratore potrà richiedere la corresponsione dell’elemento aggiuntivo della retribuzione entro il termine prescrizionale dei crediti di lavoro (di norma 5 anni) e in ogni caso richiedere l'erogazione delle provvidenze di cui avrebbe avuto diritto in caso di iscrizione all’ente
            o    gli istituti previdenziali potranno richiedere la contribuzione dovuta sull’elemento aggiuntivo della retribuzione
            o    il datore di lavoro non applica integralmente la contrattazione collettiva di settore, con la conseguenza;

•    della mancata regolarità contributiva;

•    della mancata dichiarazione di DURC interno;

•    della decadenza dei benefici contributivi in corso e dell’impossibilità di beneficiarne in generale;

•    dell’impossibilità di dichiarare di essere in regola con gli adempimenti in materia di lavoro e previdenza sociale.


[1] L’indennità sostitutiva di mancata adesione assume significato di retribuzione, pertanto è dovuta per tutte le mensilità contrattuali ed è dovuta altresì la contribuzione INPS e INAIL. Non è, al contrario, retribuzione utile ai fini del calcolo del T.F.R.

 

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Autoliquidazione INAIL 2020: cos’è, come funziona, scadenze previste

L’autoliquidazione INAIL è uno degli argomenti più interessanti per tutti coloro i quali siano amministratori di un’impresa con lavoratori dipendenti a carico

Continua

Smart working e Coronavirus

Lo smart working può agevolare le aziende, consentendo di poter organizzare il lavoro da casa ai dipendenti, anzichè fermarsi a causa dell’emergenza del Coronavirus

Continua

Sintesi sulle disposizioni legislative per l'emergenza Coronavirus

Ripercorriamo sinteticamente le disposizioni che si sono succedute a decorrere dallo scorso 1° Marzo 2020 per l’emergenza sanitaria del Coronavirus

Continua

Sicurezza sul lavoro da COVID-19: nuovo protocollo sindacale

È stato firmato dalle parti sociali il 14 marzo il protocollo per la tutela dei lavoratori da Coronavirus. Ecco alcuni dei principali contenuti per datori di lavoro

Continua

DECRETO CURA ITALIA: Le principali misure per imprese e cittadini

Ecco le principali misure previste dal decreto legge “cura-Italia”, il primo provvedimento legislativo per affrontare l’emergenza per il coronavirus

Continua

Nuovo decreto del DPCM: chiusura di tutte le attività non essenziali

E’ pubblicato il testo del nuovo decreto del Presidente del Consiglio con il quale vengono introdotte ulteriori misure restrittive per arginare il contagio del Covid-19

Continua

Decreto Rilancio: le principali misure adottate

Il testo del nuovo decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed è ora in vigore. Ecco una rapida guida a bonus, misure e novità per lavoratori, famiglie, imprese

Continua