Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Enti No Profit: i controlli del revisore


Con la riforma del Terzo Settore compare sempre piu' spesso per un ente non commerciale la necessità o anche la volontà di affidarsi a un organo di revisione
Enti No Profit: i controlli del revisore

 

Enti no profit e organo di revisione: un binomio non molto presente nell'ordinamento giuridico italiano ad eccezione degli enti di dimensioni più grandi, aventi natura di ente nazionale o con personalità giuridica.

La riforma del Terzo Settore, in corso di attuazione, allarga i confini entro cui questo binomio andrà a concretizzarsi.

E', quindi, importante sapere per un ente no profit o anche ETS di dimensioni non rilevanti cosa l'organo di revisione può o deve verificare.

 

Accertamenti preliminari

In via preliminare il revisore dovrebbe inquadrare l'ente da sei punti di vista:

1.    assetto organizzativo (organigramma);

2.    patrimonio netto (crediti e debiti, beni durevoli con un valore di mercato, garanzie e fidejussioni, le fonti di finanziamento dell'ente);

3.    attività svolte (progetti, utenti, risultato di tutte le gestioni interne);

4.    assetto del personale (collaboratori e dipendenti);

5.    dettaglio dei progetti in corso e conclusi;

6.    assetto istituzionale (verifica delle riunioni degli associati e del direttivo, relazioni con i portatori di interessi nell'ente).

In merito alle gestioni interne suddividiamo le seguenti:

1.    istituzionale tipica;

2.    commerciale (deve rimanere minoritaria in termini di entrate eccetto ASD);

3.    patrimoniale;

4.    finanziaria;

5.    raccolta fondi;

6.    straordinaria.

 

Verifiche principali

La prima verifica attiene al rispetto delle norme tipiche di ogni ente e in particolare il rispetto di quelle che consentono le agevolazioni di carattere tributario, ovvero il rispetto dello svolgimento primario di attività non commerciali.

A tal fine ci si documenta con la Relazione di Missione contenuta nel bilancio e, soprattutto, con il Bilancio sociale ove presente (ad esempio coop sociali).

La seconda macro verifica che va fatta è sulle prospettive di continuità dell'ente.
Valutare:

1.    natura, significatività e ricorrenza delle fonti di finanziamento;

2.    caratteristiche della gestione operativa.

Nei piccoli enti il rendiconto della gestione operativa è spesso redatto con criteri di cassa, ma la valutazione del revisore dovrebbe tenere conto anche di elementi "economici" quali ammortamenti ed oneri figurativi per il personale volontario impiegato.

L'analisi della gestione operativa va affiancata da gestione di attività non caratteristiche quali la gestione dei beni durevoli (investimenti e disinvestimenti), gestione dei prestiti e debiti non ricorrenti ecc...

Come in qualsiasi attività di revisione vanno verificati gli equilibri economici e finanziari sia in termini a consuntivo che a preventivo.

Infine, suggerisco due tipologie di verifiche specifiche per i nuovi ETS: il rispetto della gratuità delle cariche amministrative e il rispetto delle norme di gestione volontari (registro, assicurazione).

Rimane saldo per tutti gli enti il rispetto della democraticità della struttura interna.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Le nuove norme sulle funzioni di controllo e revisione nelle società

Entro il 16 dicembre 2019 le SRL devono verificare il necessario adeguamento del proprio statuto alle disposizioni del nuovo articolo 2477 del Codice Civile

Continua

Commerciabilità o meno degli incassi di associazioni non ETS

Non tutte le associazioni si iscrivono al nuovo Registro Unico del Terzo Settore: cosa accade per loro in merito agli incassi dai soci o partecipanti?

Continua

I soci lavoratori e i soci volontari nelle cooperative sociali

I soci lavoratori e i soci volontari nelle cooperative sociali, tra la normativa in vigore, la nuova disciplina dell'Impresa Sociale e la Riforma del Terzo Settore

Continua

SRL unipersonali: i rapporti tra socio unico e società. Chi rischia?

SRL unipersonali: una forma giuridica scelta molto spesso nelle micro imprese. Quali rapporti tra la società e il socio unico? Responsabilità verso i terzi e il fisco

Continua

Fare l'amministratore di SRL: diritti, doveri e responsabilità

Ecco quali sono i principali doveri e le principali responsabilità di chi fa l'amministratore unico o in collegio di una SRL, società a responsabilità limitata

Continua

La mutualità prevalente nelle società cooperative

Quando le società cooperative possono accedere a diversi benefici di legge: il requisito della "mutualità prevalente"

Continua

Le società sportive dilettantistiche a responsabilità limitata

Le societa' sportive dilettantistiche: fare attivita' sportiva con una società di capitali. Le caratteristiche, la tassazione, la contabilità

Continua

Auto fatturazione di beni e servizi per imprenditori e professionisti

Dobbiamo far "uscire" dalla nostra attività d'impresa o professionale un'auto o un altro bene? Stiamo chiudendo l'attività e dobbiamo fare l'autofattura? Ecco come fare

Continua

Il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore ai nastri di partenza

E' ormai pronto al decollo il nuovo Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS). Vediamone le principali caratteristiche e modalità operative

Continua

La gestione dei bar nei circoli privati e nelle associazioni

La normativa tributaria e gli orientamenti dei giudici sulla gestione di bar nei circoli privati. La normativa di favore delle APS e la riforma del Terzo Settore

Continua

La società a responsabilità limitata semplificata (SRLS)

Cosa differenzia una SRL semplificata da una ordinaria? Quali sono i costi di avvio e di mantenimento? Cosa non può fare una SRLS? Conviene costituirla?

Continua

Associazioni e legge di Bilancio 2021: obbligatoria la partita IVA?

Il disegno di legge di Bilancio 2021 prevede una modifica normativa per la disciplina tributaria dei rapporti tra associazioni e soci. Sarà obbligatoria la partita IVA?

Continua