Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Entro il 3 aprile il Mod. EAS per enti associativi


Gli Enti associativi devono comunicare all'Agenzia delle Entrate i dati di variazione del 2017 per poter fruire dei benefici fiscali
Entro il 3 aprile il Mod. EAS per enti associativi
Gli enti associativi devono indicare all’Agenzia delle entrate, mediante il modello Eas, le modifiche, intervenute nel corso del 2017, su dati e notizie rilevanti ai fini fiscali in precedenza già comunicati.
Il modello deve essere nuovamente presentato entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui si è verificata la variazione.
L’appuntamento riguarda i seguenti enti, ciascuno identificato nel modello Eas con un codice: associazioni politiche, associazioni sindacali, associazioni di categoria, associazioni religiose, associazioni assistenziali, associazioni culturali, associazioni sportive dilettantistiche, associazioni di promozione sociale, associazioni di formazione extra-scolastica della persona, società sportive dilettantistiche, associazioni pro-loco organizzazioni, altri enti...

L’adempimento deve essere effettuato soltanto se si tratta di variazioni determinanti per la fruizione delle agevolazioni fiscali concesse agli enti interessati. L’obiettivo primario è contrastare eventuali frodi e tutelare le vere forme associazionistiche.

Di conseguenza, non occorre inviare il modello se le novità hanno riguardato: i proventi per attività di sponsorizzazione e pubblicità, i messaggi pubblicitari, l’ammontare medio delle entrate complessive, il numero degli associati dell’ente nell’ultimo esercizio, l’ammontare di erogazioni liberali ricevute, l’ammontare di contributi pubblici ricevuti il numero e giorni delle manifestazioni di raccolta pubblica di fondi. Altra ipotesi di ripresentazione del modello è quella relativa alla perdita dei requisiti qualificanti (previsti dalla normativa tributaria): in tal caso, infatti, il modello deve essere ripresentato entro 60 giorni, compilando la sezione "Perdita dei requisiti".

In generale, gli enti di nuova creazione sono tenuti alla trasmissione del modello Eas entro 60 giorni dalla data di costituzione.

Modalità di invio
La trasmissione deve essere effettuata in via telematica e può essere eseguita direttamente dal contribuente (attraverso Fisconline o Entratel) oppure tramite un intermediario abilitato (sul sito delle Entrate sono disponibili i software di compilazione e di controllo).

Ravvedimento
L’associazione che non rispetta la scadenza del 3 aprile può regolarizzare la propria posizione (sempre che la violazione non sia stata constatata o non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento delle quali si abbia avuto formale conoscenza), presentando il modello entro il termine della prima dichiarazione utile, e versando, contestualmente, senza possibilità di compensazione, la sanzione di 258 euro, tramite il modello F24 con il codice tributo "8114" (remissione in bonis).

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La governance delle coop dopo la legge di bilancio

La legge di bilancio 2018 ha vietato l'amministratore unico a tempo indeterminato nelle cooperative

Continua

Il credito d'imposta per investimenti pubblicitari

Il Bonus pubblicità 2017 è riservato solo per gli investimenti incrementali effettuati sulla stampa, anche online

Continua

Super e iper ammortamento nel modello SC 2018

Le proroghe delle agevolazioni che riguardano il super ammortamento e l’iper ammortamento impattano sul modello SC 2018

Continua

L’impresa sociale nel modello SC2018

L’impresa sociale entra per la prima volta nel modello SC 2018.

Continua

L’impresa sociale nel modello SC2018

L’impresa sociale entra per la prima volta nel modello SC 2018.

Continua

Erogazioni liberali agevolate dopo la Riforma

Non profit: anche gli enti commerciali possono rientrare nel sistema di agevolazioni fiscali previsto dalla riforma del terzo settore

Continua

Il periodo transitorio nell’attuazione del CTS

Doppio binario per il controllo dei requisiti necessari all’iscrizione nei registri degli enti del terzo settore

Continua

Le regole del CTS applicabili da subito

Secondo il Codice del Terzo settore ci sono alcune regole applicabili da subito, in attesa dell'operatività del Rubts

Continua

Statuto standardizzato delle start-up innovative

Il Mise ha chiarito quando è utilizzabile il modello standard per le modifiche allo statuto delle start-up innovative

Continua

Il tax credit alberghi e le strutture termali

La legge di Bilancio 2018 ha esteso alle strutture termali il credito d’imposta per alberghi e agriturismi

Continua

Il Voucher per l'internazionalizzazione

Le assegnatarie del voucher internazionalizzazione dovranno trasmettere i contratti di servizio con le società fornitrici del Temporary export manager

Continua

La Riforma degli Enti del Terzo Settore

La Riforma del Terzo settore e dell’Impresa Sociale ha introdotto importanti misure per la promozione e il sostegno del complesso mondo "non profit"

Continua

Regime forfetario per gli enti del terzo settore

Per il non profit è previsto un regime contabile e fiscale semplificato per le attività i cui ricavi non superino i 130 mila euro

Continua

Il regime fiscale per enti non commerciali

La Riforma ha introdotto nuovo regime per la determinazione forfetaria del reddito degli enti non commerciali appartenenti al mondo del “non profit”

Continua

Cancellazione dal Runts e devoluzione patrimonio

La cancellazione dal Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) dell’ente non profit comporta l’obbligo di devoluzione del suo patrimonio.

Continua

La Riforma degli enti del terzo settore

La Riforma del Terzo settore e dell’Impresa Sociale ha introdotto misure per favorire la promozione e il sostegno del complesso mondo non profit

Continua

Il nuovo modello per la successione telematica

Dal 15 marzo è utilizzabile da oggi la nuova versione del modello di `Dichiarazione di successione e domanda di volture catastali`

Continua

Le ristrutturazioni edilizie secondo le Entrate.

Bonus ristrutturazioni: prorogata la maggiore detrazione Irpef del 50%, con il limite massimo di spesa di 96 mila euro

Continua

Imprese del Terzo Settore: modifiche in arrivo

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame preliminare, norme integrative e correttive del Codice del Terzo settore e dell'impresa sociale

Continua

Personalità giuridica per Enti del Terzo Settore

Alle associazioni e fondazioni la personalità giuridica la conferisce il notaio al quale spetta l’onere del controllo dei requisiti

Continua

Le agevolazioni fiscali e contributive per le SSDL

La Legge di Bilancio 2018 ha riservato alla società sportiva dilettantistica lucrativa agevolazioni sul piano fiscale e del lavoro

Continua

I finanziamenti per l'economia sociale

I limiti e gli adempimenti che le imprese sociali devono rispettare per ottenere i finanziamenti finalizzati al rafforzamento dell'economia sociale

Continua

Incentivi fiscali per chi si trasferisce in Italia

L'Agenzia delle Entrate ha indicato i benefici di carattere fiscale previsti per favorire l'attrazione di "capitale umano" in Italia

Continua

Correttivi anticrisi per studi di settore 2017

Il decreto tiene conto della riduzione delle tariffe professionali e della redditività in altri ambiti economici (servizi, commercio, manifatture)

Continua