Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Esenzione imposta di registro per trasferimenti immobiliari tra coniugi separati


Se i coniugi, dopo molti anni dalla separazione, effettuano un trasferimento immobiliare in base agli accordi di separazione, devono pagare l'imposta di registro?
Esenzione imposta di registro per trasferimenti immobiliari tra coniugi separati

Affrontiamo un caso pratico di grande interesse sociale quale quello relativo al pagamento dell'imposta di registro nell'ipotesi in cui i coniugi effettuino un trasferimento immobiliare dando seguito a quanto pattuito nelle condizioni di separazione dopo anni dall'avvenuta separazione personale.

L'imposta che ci richiede il fisco è dovuta?

Il caso è stato recentemente trattato dalla Commissione Tributaria Regionale genovese, sentenza 437/19, la quale è stata chiamata a pronunciarsi su una vicenda i cui i coniugi, dopo ben 22 anni dalla separazione, provvedevano a trasferirsi delle quote di un immobile, applicando l'esenzione di cui all'art. 19 L 74/87.

Il Fisco, però, provvedeva a richiedere il pagamento dell'imposta di registro ritenendo che dopo tutto questo lasso temporale fosse evidente il fine elusivo.

La vicenda arriva all'attenzione della Commissione Regionale che ha ribaltato la precedente decisione, secondo cui il lasso temporale, pari a 22 anni, impedisse di considerare la compravendita come attuazione delle obbligazioni assunte in sede di separazione, con  conseguente obbligo di corrispondere l'imposta di registro dovuta, ritenendo che l'esenzione dell'imposta di registro è stata concepita dal legislatore allo scopo di agevolare la composizione della crisi coniugale che, spesso, necessita di divisioni o trasferimenti immobiliari all'interno della coppia.

Se questa è la ratio della norma, non si vede il motivo per il quale un differimento di un accordo dovrebbe essere rilevatore di un indice elusivo.

In conclusione, nell'ipotesi di una richiesta inviata dal Fisco relativa al pagamento di tale tassa, anche se è trascorso molto tempo da quando vi siete separati,  è necessario opporsi  nelle competenti sedi a tutela dei propri diritti ed interessi.

 

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Quando il Fisco viene condannato?

Cosa accade se l'Agenzia della Riscossione non provvede alla sospensione dell'atto esattoriale

Continua

Assemblea condominiale convocata a mezzo mail

La prassi di alcuni amministratori di convocare l'assemblea a mezzo e-mail ordinaria è valida?

Continua

L'eccezione di prescrizione nell'impugnazione dell'estratto di ruolo

E' possibile eccepire la prescrizione di impugnazione dell'estratto di ruolo nel giudiziario ordinario?

Continua

La nullità dell'ingiunzione fiscale per mancata notifica

L'omissione della notificazione di un atto presupposto costituisce vizio procedurale che comporta la nullità dell'atto consequenziale notificato

Continua

Cartella esattoriale notificata a persona diversa dal destinatario

Quando la notifica della cartella esattoriale a soggetto diverso dal destinatario è valida?

Continua