Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Mediazione familiare: i figli al centro rispetto alle esigenze degli adulti


I figli hanno il diritto di essere informati e accompagnati dai genitori a comprendere la separazione dei genitori
Mediazione familiare: i figli al centro rispetto alle esigenze degli adulti

Il film commedia intitolato “Mamma o Papà?” uscito al cinema nel febbraio del 2017 e recentemente riproposto alla televisione può rappresentare lo spunto per affrontare una questione tipica che riguarda la coppia quando decide di porre fine alla propria relazione con una separazione e/o un divorzio.

Il film racconta la storia di una coppia formata da Valeria (Paola Cortellesi) e Nicola (Antonio Albanese) che dopo 15 anni di matrimonio decidono di divorziare in maniera civile. Sono d’accordo su tutto, alimenti, case, affidamento congiunto dei figli, senonché capita ad entrambi un’opportunità lavorativa all’estero che rappresenta l’occasione della vita. Tra i due sorgerà il problema della custodia dei figli e, dal momento che non riusciranno a decidere chi di loro si prenderà cura degli stessi, decideranno che a stabilirlo dovranno essere i propri figli. I due coniugi, decisi a non rinunciare alla loro occasione lavorativa, daranno vita tra di loro ad una lotta per far sì che i figli decidano per l’altro genitore.

Una storia alquanto surreale, comica, che fa sorridere, che ci mostra una coppia diversa dalle normali coppie che si divorziano, ma che non diversamente dalle stesse si trovano a dover affrontare la questione di come dare la notizia della separazione ai figli e a compiere una serie di errori. I genitori del film si sentono impreparati, cercano di corrompere il giudice con una cena pur di essere aiutati nel difficile compito d'informare i figli.

Quando bisogna farlo? Chi lo deve dire? Cosa bisogna dire? Qual è il momento migliore per farlo? Quanto tempo deve passare dalla notizia agli effettivi cambiamenti?

Sono spesso anche queste le domande che i genitori che si separano si pongono.

Sicuramente una cosa è certa: prima di dirlo bisogna essere sicuri che la scelta del divorzio sia quella definitiva, non pretendere che i cambiamenti avvengano dalla sera alla mattina e cercare, poi, di rispettare la sensibilità dei bambini e dei ragazzi che non dovrebbero mai sapere della separazione da terze persone.

Ci sono genitori che pensano che i bambini non siano in grado di capire o, peggio ancora, che siano in grado di capirlo da soli che mamma e papà si stanno separando e, perciò, non danno spiegazioni, prendono tempo per fargli accettare passivamente la situazione, credendo che prima o poi arriverà la comprensione, il tempo che aggiusta tutto, ma così facendo vanno ad alimentare dubbi ed equivoci.

I genitori non devono avere paura di dire ai figli la verità; è sufficiente che usino un linguaggio semplice e adeguato all’età senza entrare nei dettagli specie se molto piccoli, che facciano fronte comune su ciò che dev’essere detto, naturalmente evitando d’incolparsi l’uno con l’altro e, infine, che li rassicurino del fatto che potranno sempre fare affidamento su di loro.

Certo, tutto questo può sembrare impossibile d’affrontare se tra i due manca una vera comunicazione! Ma in questo i genitori possono essere supportati da un Mediatore Familiare.

I figli vengono prima di tutto e vanno salvaguardati, “messi sempre al centro rispetto alle esigenze degli adulti”, queste sono le parole della Garante per l’infanzia e l’Adolescenza, Filomena Albano.

"Quando si parla di separazione non si può fare riferimento ai soli aspetti giuridici perché questa rappresenta un momento di cambiamento e di difficoltà non solo per gli adulti, ma anche per i figli che inevitabilmente la subiscono. I figli hanno il diritto di essere informati e accompagnati dai genitori a comprendere la separazione dei genitori in modo adeguato all’età e alla maturità e a vivere il passaggio ad una nuova fase familiare senza che ciò avvenga come un fulmine a ciel sereno". Un principio chiaro, contenuto nell’art. 3 della Carta dei diritti dei figli nella separazione, finalizzato a rendere consapevoli i figli dei diritti di cui sono portatori, ma anche volto a contribuire alla crescita culturale e sociale dei genitori e della società.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Gestire l'emotività con la mediazione familiare

Una buona Mediazione potrebbe aiutare la coppia a separare il canale affettivo- emotivo da quello economico del danaro

Continua

Mediazione familiare: il conflitto latente

La Mediazione familiare come strumento di prevenzione della degenerazione del conflitto

Continua

I conflitti di coppia e le differenze di genere

Molti dei problemi di comunicazione all’interno della coppia possono derivare da una mancata comprensione delle differenze uomo-donna

Continua

La crisi di coppia: le parole sono come pallottole

Come afferma John Wittgenstein “le parole sono come pallottole” possono ferire ed è per questo che diventa fondamentale usarle diligentemente

Continua

Mediazione familiare cos'è?

Mediazione familiare come una “opportunità”, per le coppie e per le famiglie, per trasformare una situazione da critica in una esperienza positiva

Continua

L'importanza della presenza di un padre

L’assenza del padre, sia fisica che psicologica, crea notevoli difficoltà nello sviluppo della personalità dei figli. La madre dovrebbe impedirla

Continua

I figli ci guardano, ci ascoltano, ci imitano

I figli imparano dai loro genitori a gestire lo stress, per cui tutte le volte che i genitori danno ascolto alla propria emotività loro l'assorbono

Continua

Lo sviluppo della resilienza in mediazione

La Mediazione può aiutare a sviluppare la resilienza, cioè la capacità di resistere alle circostanze difficili della vita e di reagire positivamente

Continua

I suoceri invadenti sono la causa della crisi?

Una situazione scomoda per la coppia sone le interferenze dei suoceri, ma sono proprio loro la fonte del problema?

Continua

Il Mediatore familiare, una figura specializzata

Il Mediatore familiare, un professionista che svolge una professione complessa che richiede un’adeguata formazione e preparazione

Continua

Il senso della Mediazione Familiare

La Mediazione familiare ha un senso solo se si è protagonisti, se ci si assume la propria parte di responsabilità, se si ha a cuore il bene dei figli

Continua

Educare fa rima con mediare

La Mediazione familiare come strumento di gestione dei conflitti educativi potrebbe rappresentare un'opportunità non solo per i genitori separati

Continua

Il progetto della mediazione scolastica

La Mediazione tra pari: progetto volto a responsabilizzare i ragazzi così come previsto dalla Peer Mediation americana

Continua

La filosofia della comunicazione virtuale

Una civiltà, la nostra, definita tecnologicamente avanzata ma poco più che primitiva sul piano dell’uso degli strumenti della comunicazione

Continua

La comunicazione nel divorzio

E' mera utopia pensare che quella coppia che non abbia costruito una comunicazione possa poi rispettare gli accordi presi

Continua

La mediazione dei conflitti di coppia

Non è necessario ricorrere a percorsi terapeutici per risolvere problemi o questioni quotidiane

Continua

Il progetto educativo

Costruire un progetto educativo insieme al Mediatore familiare può essere la soluzione

Continua

Gli obblighi morali del "genitore sociale o terzo genitore"

Il fenomeno della genitorialità sociale è ormai un fenomeno europeo ed extra europeo

Continua

Come nella favola di Cenerentola?

La favola di Cenerentola come esempio di conflitti familiari

Continua

I conflitti inevitabili nella coppia

E’ praticamente impossibile pensare che con il tempo non si creino conflitti nella coppia convivente

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (1^ parte)

Entrambi i partner possono agire dentro una logica del “ Io vinco e tu perdi”, una logica di potere

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (2^ parte)

Entrambi i partner possono agire con la logica del “io vinco e tu vinci”, logica di collaborazione

Continua

Dal conflitto di coppia alla violenza nella coppia

Identificare il conflitto e distinguerlo dalla violenza al fine di prevenire la violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (1^ parte)

Qualunque veste assuma la violenza domestica non deve avere ad oggetto sporadici episodi ma deve costituire una modalità quotidiana d’interazione della coppia

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (2^ parte)

Ecco quali sono le varie tipologie di violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione Familiare (3^ parte)

Le diverse forme di violenza e la differente gravità della stessa ha indotto gli studiosi a compiere un esame sull'opportunità del ricorso alla Mediazione familiare

Continua