Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Fine anno: prove di rimbalzo


Le elezioni di Mid Term in America potrebbero aiutare il rimbalzo delle borse
Fine anno: prove di rimbalzo

Dopo la correzione pesante di ottobre si pensava ad un rimbalzo per il mese di novembre, sostenuto da valutazioni ormai diventate basse, rispetto agli utili maturati e alla crescita globale che sfiora il 4% del PIL.

Curiosamente, ma non troppo, la correzione è stata innescata fondamentalmente dai dati eccessivamente positivi della crescita americana e conseguentemente dalla paura che la lite tra Il presidente degli USA e quello della FED potesse sfociare in una perdita dell’indipendenza della stessa Fed rispetto alle scelte di politica economica programmate dalla presidenza.

In effetti, il Presidente Trump si era detto pentito di aver scelto l’attuale presidente della Fed perché, a suo dire, con i continui rialzi dei tassi aveva messo un bastone tra le ruote al progetto “American First” in quanto aveva causato l’aumento del valore del dollaro e, in definitiva, un rallentamento non desiderato dell’economia, la cui velocità nel III trimestre è scesa dal 4.2 al 3.5%.

I mercati, quindi, considerato il dato della crescita americana che porterà il Pil americano a salire almeno al 3.5%, per il 2018, considerato che non c’è un calo dell’economia dal 2008, considerando che la FED sarebbe costretta ad alzare ulteriormente i tassi per evitare balzi inflattivi, hanno quindi reagito alla paura di una recessione dietro l’angolo, azzerando i guadagni maturati nei precedenti 9 mesi dell’anno.

Cosa è cambiato oggi?

Intanto Powell, il presidente della FED, ha dichiarato che a questo punto i tassi sono equilibrati rispetto al valore della crescita economica e dell’inflazione e, quindi, che non vede la necessità di alzare il ritmo di crescita dei tassi.

In secondo luogo, per le elezioni di Mid Term la maggior parte delle case di investimento tifava affinché almeno una Camera andasse ai democratici, ipotizzando, quindi, un nulla di fatto sulle ingerenze della Presidenza sulla FED che sarebbe quindi libera di raffreddare appena la crescita, allontanando di almeno un anno la recessione e conseguentemente, lasciando altri 12 mesi tranquilli alle Borse. Quindi, a questi prezzi le Borse appaiono a buon mercato e con una prospettiva più lunga davanti a sé.

Dovremmo quindi assistere ad una chiusura dell’anno decisamente positiva con parecchi mercati che quest’anno sono stati penalizzati in deciso recupero, anche dal punto di vista obbligazionario, soprattutto nei Paesi emergenti.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Piani Individuali di Risparmio - PIR

Piani individuali di Risparmio. Cosa sono? Quali sono i vantaggi?

Continua

Macrotrend

Andamento dei mercati e consigli su come orientarsi in momenti di nervosismo come quello che stiamo vivendo in questo inizio 2018

Continua

Asset Allocation: strategie di allocazione

Asset Allocation significa diversificare per limitare i rischi; come e perchè?

Continua

ESG - Enviromental, social and governance

ESG - Enviromental, social and governance: l’acronimo che è diventato uno standard per definire l’approccio sostenibile agli investimenti

Continua

Salone del Risparmio 2018

Idee e strategie per il 2018

Continua

Mercato italiano e Pir

Analisi del primo quadrimestre della Borsa italiana e dei fondi Pir

Continua

Sell in may and go away?

Mercati in ripresa e previsioni più ottimistiche per l'estate finanziaria

Continua

Le incognite politiche e la volatilità della borsa

Caos politico e borse nervose: Italia e Spagna sull'otto volante

Continua

Long Term Care: assicurazione cure a lungo termine

Per chi ha la necessità di una assistenza h 24 per tutto quello che concerne le funzioni di base come mangiare, muoversi o lavarsi

Continua

1° Semestre in borsa: ritorna la volatilità

Il primo semestre 2018 si caratterizza per la volatilità dei mercati

Continua

Ultimo quarter dell'anno: la ripresa ci sarà?

Un'estate altalenante sui mercati: la politica degli "annunci" non paga!

Continua

Disruption, la rivoluzione digitale

Nel mondo della Finanza si sta assistendo ad una vera e propria rivoluzione digitale

Continua