Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Fondi Comuni, come (dovresti) usarli


Come e quando usare un Fondo Comune? Quali sono i rischi? Qui troverai le risposte
Fondi Comuni, come (dovresti) usarli

Come andrebbero usati i fondi comuni d’investimento? Quali sono quelli più idonei alle tue necessità? A quali rischi ti potresti esporre? Quanto dovrebbe durare l'investimento? Queste sono le domande a cui ti darò oggi una risposta.

Riflessioni:

Se da un lato è innegabile che l’utilizzo di fondi comuni ti consentirà di accedere, per il tramite di una gestione professionale a quei mercati, altrimenti preclusi ai piccoli e medi risparmiatori dall'altro, dovresti fare a monte delle profonde riflessioni sull'opportunità o meno di utilizzare questo strumento, mi spiego meglio con un esempio:

Se la tua idea è quella di tinteggiare un muro, compri un pennello oppure un decespugliatore atomico?

Pertanto, prima di tutto dovresti avere le idee molto chiare su quali sono i tuoi personali progetti di vita, quanto tempo pensi di avere a disposizione perché si concretizzino e soprattutto, quanto rischio ritieni di essere in grado di sopportare senza andare in difficoltà.

Approfondisci qui il concetto di Orizzonte Temporale:

Un solo consiglio, non fare mai da solo, rivolgiti sempre ad un consulente professionista, il quale anzitutto ti ascolterà attentamente per cogliere con chiarezza quali sono le tue necessità, dopodiché procederà alla selezione degli strumenti più indicati per consentirti il raggiungimento dei tuoi obiettivi possibilmente senza danni.

I fondi comuni sono uno strumento molto utilizzato nel mondo del risparmio, pertanto al crescere delle tipologie si sono andati via via a suddividere in diverse categorie, le quali si prestano ad utilizzi diversi con differenti caratteristiche, adesso ti elenco le principali nel dettaglio:

- Fondi di liquidità:

I fondi di liquidità sono strumenti che investono in titoli di liquidità, particolarmente indicati per chi possiede orizzonti temporali di 3 o 6 mesi ed una bassa propensione al rischio.

I fondi di liquidità non possono investire in titoli azionari ma solo su Titoli di Stato (Bond) o strumenti similari, caratterizzati da una duration (vita finanziaria) molto breve, in genere intorno ai 6 mesi appunto.

Sono caratterizzati da una bassa volatilità (sensibilità alle oscillazioni di mercato) e basso rendimento, con un rischio specifico molto limitato, i titoli in portafoglio generalmente sono dotati di un alto Rating.

I fondi di liquidità sono strumenti ideali per parcheggiare del denaro in attesa di eventuali spese già preventivate, oppure per costituire una riserva di protezione per fronteggiare spese impreviste, un buon sistema inoltre per non lasciare i soldi sul conto corrente che, in tempi come questi, potrebbe essere interessato da procedure su Bail In o eventuali (ipotesi estrema) patrimoniali, la loro funzione è quella di offrire al risparmiatore una rivalutazione del capitale che possa recuperare efficacemente l’inflazione.

Approfondisci leggendo anche: Proteggi davvero i tuoi risparmi usa i fondi comuni

- Fondi Obbligazionari

 Caratterizzati da un paniere diversificato di obbligazioni, in genere Corporate (societarie), nella stragrande maggioranza dei casi, sono caratterizzati da una volatilità media o medio-bassa.

Tramite la compravendita dei titoli, giocando sulla loro duration (la vita finanziaria) e sulla loro attenta selezione l’idea è quella di offrire rendimenti superiori rispetto ad un parametro di riferimento (Benchmark) solitamente un indice borsistico, coerente con la natura dei titoli presenti in portafoglio, ad esempio, un Fondo Obbligazionario USA avrà come Benchmark un indice borsistico Americano.

Si possono acquistare anche fondi espressi in valuta locale, tipo Dollari, Yen, Sterline ecc. ma poni particolare attenzione al rischio cambio!

 Uno dei grandi vantaggi di questo strumento, risiede nell'ampia diversificazione dei titoli, quindi la possibilità di diluire il rischio specifico, lo trovo personalmente indicato in coloro che hanno come orizzonte temporale un periodo di 5 o 7 anni mediamente, con una sopportazione del rischio di media entità.

- Fondi Azionari

Sono fondi al cui interno trovano posto quote di titoli azionari, per natura questo tipo di investimento possiede generalmente una volatilità nettamente superiore rispetto ai precedenti, anche qui con qualche eccezione, ma che al contempo possono generare rendimenti anche di molto superiori alla media.

La famiglia dei fondi azionari è a dir poco immensa, pertanto si è pensato di suddividerli in sottocategorie a seconda delle loro caratteristiche peculiari in termini di tipologia di investimento e stile di gestione.

Fondi azionari settoriali: Che investono in diversa percentuale in differenti settori economici, ad esempio in telecomunicazioni, servizi, biotecnologie, materie prime ecc.

Fondi azionari Internazionali: Investono in azioni delle borse in tutto il mondo detti anche fondi globali.

Fondi area Euro: Investono in titoli dei paesi aderenti al circuito Euro.

Fondi azionari pacifico: Investono nei paesi area pacifico, compresi solitamente Giappone ed Australia

Fondi azionari Paese: Investono in titoli rappresentativi degli indici borsistici dei singoli paesi, Italia, Francia, Cina, Giappone ecc.

Fondi Azionari paesi Emergenti: Investono nelle borse dei paesi in forte sviluppo economico ad esempio America Latina, Est Europa, Sud Est Asiatico ecc.

I fondi azionari si possono anche suddividere in differenti valute, Dollari, Sterline, Yen ecc. Ottimo metodo per acquisire una diversificazione valutaria all'interno del tuo portafoglio, attenzione al rischio cambio, a meno che non siano previste opportune politiche di protezione (Hedging) previste dal regolamento del fondo, che dovresti sempre leggere con estrema attenzione.

  • Le politiche di investimento

Nella gestione dei fondi azionari, un particolare rilievo assumono le politiche di investimento, perseguite per poter ottenere i rendimenti attesi che si dividono sostanzialmente in due tipologie:

  1. Gestione attiva: Chiamata in gergo Bottom up, che punta ad una selezione e relativa gestione dei titoli in modo da ottenere rendimenti superiori al benchmark di riferimento
  2. Gestione passiva: Denominata Botton down, che al contrario si accontenta di replicare l’andamento dell’indice di riferimento (Benchmark)

I fondi azionari, sono quelli che meglio si prestano per sviluppare maggiori potenzialità di guadagno, ma non dimenticare che quando si parla di fondi azionari, l’orizzonte temporale d’investimento è necessariamente di lungo periodo, sto parlando di almeno 10 anni, affinché tu possa avere maggiori chance di ottenere ottimi risultati.

Resta inteso che questa tipologia di fondo, a meno che non si vada ad inserire all'interno di un portafoglio difensivo, composto da altri fondi con volatilità molto più bassa ed in percentuale minima, si considera indicata per coloro che possiedono un'alta predisposizione al rischio.

Fermo restando che di garantito non esiste nulla e che nessuno di noi conosce il futuro, per offrirti maggiori chance di successo dovrai ricorrere ad una corretta diversificazione che sia la più ampia possibile, per poter cogliere tutte le opportunità e diluire per quanto possibile i rischi.

- Fondi Flessibili

A metà strada fra i fondi obbligazionari e quelli azionari, il portafoglio del fondo flessibile potrà essere riempito con obbligazioni ed azioni la cui percentuale può variare da 0% al 100% il gestore quindi potrà variare le componenti azionaria ed obbligazionaria a sua discrezione, consentendogli di poter approfittare dei rialzi di mercato, oppure per difendersi nelle fasi di calo.

Questa tipologia di fondo è da considerarsi non solo di lungo periodo (7-10 anni), ma vista anche la sua volatilità ed i costi, che non sono indifferenti, direi che non è consigliabile a chi non abbia un'alta tolleranza al rischio oltre ad avere già di per sé un portafoglio ben diversificato.

In realtà i diversi gradi di rischio si possono combinare, sfruttando la frontiera efficiente, in un portafoglio fondi ben diversificato, ottenendo così rendimenti più alti con rischi più contenuti, ma di questo te ne parlerò la prossima settimana...

 

- Fondi Bilanciati

Anche in questo caso nel portafoglio troveremo la compresenza sia di obbligazioni che di azioni, con la differenza rispetto ai fondi flessibili che la componente di rischio, ovvero quella azionaria potrà variare da un minimo del 10% ad un massimo del 90%.

Pertanto questa tipologia di fondi porterà sempre con sé una certa componente di rischio, a differenza di quelli flessibili dove la componente azionaria in caso di necessità potrà essere azzerata, su questo strumento il gestore, con tutta la buona volontà di questo mondo, non potrà intervenire per proteggere il patrimonio da crolli improvvisi dei mercati.

In passato molti fondi bilanciati hanno offerto performance decisamente anomale, subendo flessioni sovente significative, anche in questo caso parliamo come orizzonte temporale di un periodo medio-lungo, personalmente mi sento di consigliarlo a chi ha un’ottima tolleranza al rischio, possiede un portafoglio ben diversificato e sia assolutamente consapevole dei meccanismi che regolano lo strumento.

- Conclusioni

I fondi comuni sono un valido strumento per gestire al meglio i tuoi risparmi, per ottenere la giusta diversificazione, controllare il rischio, ottenere una gestione professionale ed accedere a mercati altrimenti irraggiungibili per i piccoli e medi risparmiatori.

Allo stesso tempo però, i fondi comuni d’investimento andrebbero utilizzati con cognizione di causa, dovresti avere le idee molto chiare su quali sono gli obiettivi di vita che vorresti veder concretizzati, quanto tempo avrai di fronte, qual’è la sopportabilità massima di rischio al quale ti potrai esporre senza andare in difficoltà.

Per questo prima di procedere ad un acquisto di fondi, non farti incantare dalle belle parole o dalla promessa di rendimenti mirabolanti,

Leggi SEMPRE con estrema attenzione il prospetto informativo!

 E nel farlo, fatti aiutare da un consulente esperto che ti conosca bene e ti metta in condizione di prendere decisioni in maniera consapevole.

Bene hai letto fino a qui, spero di essere stato esaustivo nella mia digressione, adesso tocca a te, hai mai utilizzato, dei fondi comuni d’investimento per gestire i tuoi risparmi?

Fammi conoscere il tuo pensiero nei commenti, sarò lieto di poter conversare con te.

A presto

Dott. Mauro Valentino

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Successione quello che (FORSE) non sai

Il ricambio generazionale in azienda richiede sempre un'attenta pianificazione a tavolino per evitare conseguenze negative

Continua

Consulenti nel welfare, collaborare per crescere!

Consulente del lavoro e consulente finanziario, due figure chiave nel welfare aziendale. Come poter crescere collaborando

Continua

Più competitivo? Usa il WELFARE AZIENDALE!

Come il welfare aziendale porterà benefici importanti alla tua azienda

Continua

Progettare il welfare aziendale le basi

Come si progetta un piano di welfare aziendale? Primo di una serie di articoli dedicati, oggi partiamo dai fondamentali

Continua

Welfare aziendale fra cliente e lavoratore

Il welfare aziendale non si esaurisce solo all'interno dell'azienda ma coinvolge fornitori e clienti attuali, ma soprattutto quelli futuri.

Continua

Progettare un Welfare Aziendale il questionario

Un piano di welfare aziendale passa dall'analisi dei reali bisogni dei lavoratori, dell'ambiente di lavoro dalla percezione stessa del lavoro.

Continua

Progettare il welfare aziendale: IL CLIMA

Il primo passo nella creazione di un piano di welfare aziendale è senza dubbio quello di creare un clima interno all'azienda che sia adeguato

Continua

Welfare in azienda? Fra emozioni e comunicazione!

Il welfare aziendale non può prescindere dalle emozioni, la formazione unita ad una comunicazione interna ed esterna ne garantiranno il successo

Continua

Welfare aziendale un fatto di comunicazione

Il welfare aziendale in italia muove i primi passi ma i gap da colmare sono ancora molti qui troverai qualche soluzione

Continua

Dal Benefit al Welfare Aziendale

Come cambia la gestione delle risorse nelle PMI, passando da una logica di benefit ad una di Welfare

Continua

MIFID2, la vera difesa del risparmiatore

MIFID2: le nuove normative a difesa del risparmiatore, quali sono i tuoi diritti nei confronti delle banche

Continua

Investire con successo? Certo ma con metodo!

Investire con successo è certamente possibile, a patto però, che lo si faccia con metodo e rispettando determinate condizioni.

Continua

MIFID2 Tutela del Risparmio 3 cose che DEVI sapere

Le 3 cose che DEVI assolutamente conoscere delle MIFID2 le nuove normative europee a tutela del risparmio.

Continua

Previdenza tutti ciò che (DOVRESTI) Sapere

Se ti stai chiedendo in che modo, una polizza di previdenza integrativa possa esserti utile, qui troverai la risposta.

Continua

TFR al Fondo pensione? Vantaggi per l'azienda

Generalmente il trattamento di fine rapporto viene utilizzato dalle aziende come “forma di autofinanziamento”, come “liquidità di cassa”

Continua

I Titoli di Stato sono sicuri?

Con l'introduzione delle CACs (Clausole Azione Collettiva) viene de facto ridimensionata la figura dello Stato come garante assoluto

Continua

Prima d'investire, valuta l'Orizzonte Temporale!

Quando ci si approccia ad un investimento bisogna avere ben chiaro in mente per quanto tempo potrai ragionevolmente tenere investiti i tuoi soldi

Continua

Assicurazioni viaggio, proteggiti PRIMA di partire

Prima che la vacanza dei tuoi sogni diventi incubo, prendi precauzioni...è facile!

Continua

Liquidità sul conto corrente ma Conviene davvero?

Detenere i propri risparmi sul conto corrente o strumenti di liquidità pensi davvero che sia la scelta più conveniente?

Continua

Welfare aziendale si può ma con la rete d'impresa!

Il welfare aziendale coniuga la necessità di protezione del potere di acquisto da parte dei lavoratori con l’esigenza di rendimento aziendale

Continua

Sesa SpA, il Welfare si fa Territoriale!

Il welfare oggi da aziendale si fa territoriale, vediamo come in un esempio concreto

Continua

Welfare Aziendale? Ascolta i tuoi Dipendenti!

Comprendere i bisogni reali dei dipendenti, primo passo verso il successo del piano di Welfare

Continua

Millenials, un Welfare da (Ri)pensare?

Il welfare preconfezionato ai millenials va stretto e l'aumento salariale non è una priorità

Continua

La chiave per Proteggere i TUOI risparmi!

Che fine potrebbero fare i tuoi risparmi? Oggi ti offro la soluzione

Continua

Mercati e Risparmio la regola d'oro che TI RIGUARDA!

Esiste una regola d'oro in finanza che se disattesa comporta danni seri ai tuoi risparmi

Continua

Proteggere i risparmi? Usa una Unit Linked!

Una sola domanda, come proteggo i miei risparmi? Io ti offro una possibile soluzione!

Continua

Proteggi (davvero) i risparmi, usa il Fondo Comune!

Come proteggere i propri risparmi usando i Fondi Comuni d'investimento

Continua

Proteggi (davvero) i tuoi risparmi, usa un Fondo Comune!

Come proteggere i propri risparmi usando un fondo comune d'investimento.

Continua

Strumenti Finanziari, quali sono e quando usarli!

Ogni strumento finanziario ha uno scopo che dovrebbe coincidere con i tuoi obiettivi di rendimento

Continua

Le 4 Fasi del ricambio generazionale in azienda

Quando si diventa consapevoli della necessità di pianificare il ricambio generazionale in azienda?

Continua

I 5 requisiti per un ricambio generazionale di successo!

La quasi totalità delle PMI Italiane hanno in comune il fatto di essere a conduzione famigliare

Continua