Fondo pensione: un’opportunità per i giovani


La previdenza integrativa una necessità per i giovani lavoratori
Fondo pensione: un’opportunità per i giovani
Quota 100, il numero che accende il dibattito sul sistema pensionistico italiano.
Numerose le perplessità, "Può funzionare per i lavoratori che hanno un numero rilevante di anni di contributi - osserva Barbagallo (Segretario generale Uil) -. Rischia invece di essere una beffa per i giovani che, entrando tardi nel mondo del lavoro a tempo pieno e costante, vedrebbero paradossalmente aumentare la loro soglia per l'età pensionabile".
Tutti sembrano invece d’accordo sul fatto che il nostro Paese stia affrontando un vero e propria rivoluzione demografica. Nei prossimi cinquant’anni l’indice di dipendenza degli anziani (rapporto tra over 65 enni e residenti in età da lavoro 20-64enni) è destinato a raddoppiare (si passerà dal 26,7% del 2016 al 51,1% del 2066 - fonte Il Sole 24 Ore).
L’invecchiamento della popolazione è la sfida che deve affrontare il nostro sistema pensionistico pubblico in un contesto di mercato del lavoro che non riesce a crescere abbastanza, e la spesa per pensioni non può più aumentare.
A farne le spese sono i giovani, la fascia della popolazione più interessata da carriere spesso "interrotte", caratterizzata da numerosi cambi di lavoro e periodi di mancata contribuzione, con una prospettiva previdenziale non sufficiente a garantire serenità economica al termine del ciclo professionale considerando che il tasso di sostituzione della pensione rispetto all’ultimo stipendio sarà in molti casi inferiore al 50%.
Diventerà vitale quindi un’integrazione al reddito pensionistico.
Eppure sono i giovani i grandi assenti nei fondi pensione mentre invece, ad oggi, la previdenza integrativa appare essere una necessità ed un’opportunità per un giovane lavoratore.
In Italia i vantaggi fiscali, è possibile dedurre dall’Irpef fino a 5.164,57 euro l’anno, di questo investimento non sono ancora molto conosciuti. La previdenza integrativa copre in Italia il 20% della forza lavoro, con una prevalenza dei piani individuali (11,2%) sui fondi negoziali (9,2%). È troppo poco per un Paese che vanta uno dei più elevati tassi di risparmio.
Eppure, cominciare presto a spostare quote in questo serbatoio si profila, soprattutto per i giovani, la scelta migliore per un futuro più sereno.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Pir - Piani individuali di risparmio: i vantaggi

I PIR sono stati introdotti con l’ultima legge di Bilancio e come tutte le novità devono essere inquadrati mediante un’analisi delle caratteristiche

Continua

MIFID II: come cambia il sistema finanziario

Un'importante evoluzione del sistema finanziario europeo che pone sempre più al centro l'investitore rafforzandone le tutele.

Continua

Elezioni Italiane 2018: la risposta dei Mercati

Piazza Affari ha reagito meglio delle aspettative ad un risultato elettorale cosi incerto. Pressione su Euro e Spread: i mercati tengono dopo il voto

Continua

Investimento sicuro: le polizze a gestione separata

La Gestione Separata nelle assicurazioni sulla vita è uno dei prodotti più sicuri in quanto non subisce la volatilità tipica degli altri prodotti

Continua

Polizze Long Term Care (LTC)

Proteggere la propria indipendenza

Continua

Il risparmio gestito

Fondi comuni d’investimento: caratteristiche

Continua

Gestioni patrimoniali

Un servizio di investimento individuale e personalizzato

Continua

L’evoluzione della consulenza finanziaria

Mifid II: un’opportunità per rafforzare il rapporto consulente-cliente

Continua