Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Fondo Perduto DL Sostegni


Nell'articolo viene trattato il contributo a fondo perduto previsto dal DL Sostegni
Fondo Perduto DL Sostegni

Contributo a fondo perduto DL Sostegni

Il DL 22 marzo 2021 n. 41 (c.d. decreto “Sostegni”), tra le altre cose prevede un contributo a fondo perduto, per imprese e professionisti. L’ammontare del contributo a fondo perduto del DL “Sostegni” è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2019.

Tale percentuale è prevista nelle seguenti misure:

  • 60%, per i soggetti con ricavi o compensi 2019 non superiori a 100.000 euro;

  • 50%, con ricavi o compensi tra 100.000 euro e 400.000 euro;

  • 40%, con ricavi o compensi tra 400.000 e fino a 1 milione;

  • 30%, con ricavi o compensi tra 1 e 5 milioni;

  • 20% tra 5 e 10 milioni.

Il contributo è quindi calcolato:

- partendo da fatturato e corrispettivi dell’anno 2020 e dell’anno 2019;

- dividendo per 12 (mesi) il fatturato del 2020 e quello del 2019, ottenendo così l’ammontare medio mensile del fatturato dell’anno;

- calcolando la differenza tra i suddetti importi;

- applicando a tale differenza la percentuale prevista a seconda della fascia di reddito 2019 in cui si trova il soggetto che intende fruire dell’agevolazione.

Facciamo un esempio

A titolo esemplificativo, si consideri un professionista – soggetto ammesso al nuovo contributo a fondo perduto in assenza di specifiche esclusioni come in passato – con un fatturato 2019 pari a 70.000 euro e un fatturato 2020 pari a 40.000 euro. In tal caso, il fatturato medio mensile del 2019 è pari a 5.833 (70.000/12) e quello del 2020 è pari a 3.333 (40.000/12). La differenza tra i suddetti importi è quindi pari a 2.500 euro. A tale differenza andrà applicata la percentuale del 60% (soggetto con ricavi/compensi 2019 inferiori a 100.000), ottenendo quindi un contributo a fondo perduto spettante pari a 1.500 euro (60% di 2.500 euro).

Soggetti in regine forfettario

Per i soggetti in regime forfetario, nonostante la norma non lo disponga espressamente, stando a quanto precisato nell’ambito della relazione tecnica al DL sostegni, occorre fare riferimento all’importo medio mensile dei componenti positivi di reddito dichiarati.

Il contributo a fondo perduto spetta a condizione che l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 sia inferiore almeno del 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019 (tale requisito non è richiesto per i soggetti che hanno attivato la partita IVA dal 1 ° gennaio 2019).

Alternativamente l’agevolazione può essere richiesta sottoforma di credito di imposta.

 

Fonte:

DL Sostegni

Eutekne

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Fondo Perduto Aziende Artigiane: cos'è e come funziona

Ecco gli aspetti principali del credito agevolato per gli artigiani con le ultime novità che riguardano il contributo in conto capitale

Continua

Rimborsi IVA Trimestrali: come finanziarsi con l'IVA

Se l’eccedenza detraibile IVA è superiore a € 2.582,28 i soggetti passivi possono chiederla a rimborso anche prima della dichiarazione annuale con il modello IVA TR

Continua

Credito di imposta per le locazioni

Credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo.

Continua