Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Sicurezza sul lavoro: come è cambiata la formazione ai tempi Covid-19


Durante tutto il periodo di emergenza, uno dei settori della sicurezza nei luoghi di lavoro più colpiti è stato senza dubbio la formazione
Sicurezza sul lavoro: come è cambiata la formazione ai tempi Covid-19

 

Durante tutto il periodo di emergenza, uno dei settori della sicurezza nei luoghi di lavoro più colpiti è stato, senza dubbio, la formazione.

Oggi, che per fortuna anche la formazione aziendale ha ricominciato ad essere erogabile e fruibile nella sua totalità, vogliamo proporvi un approfondimento, sotto forma di intervista, per far luce su come, in questo periodo, si sia evoluto il concetto di formazione all'interno delle aziende.


Cos'ha significato per QUIDEM il poter essere in grado di erogare la formazione anche durante il periodo di lockdown?

È stato uno degli aspetti più importanti nella continuità aziendale. Poter dire “noi ci siamo” è stato fondamentale per continuare ad offrire un servizio completo a tutti i nostri clienti anche in questa fase di emergenza.

Accanto alla conosciuta campagna #Lasicurezzanonsiferma il nostro gruppo ha anche lanciato l'hashtag #LaFORMAZIONEnonsiferma, per sottolineare una volta di più l'importanza di mantenere alta l'attenzione su formazione e informazione dei lavoratori.


La domanda di corsi di formazione da parte delle aziende ha subito una variazione in questo periodo?

Sicuramente. Per quanto ci riguarda siamo riusciti a trasferire, alla maggioranza dei nostri clienti, l'importanza di dare continuità al processo formativo. Riorganizzare la formazione ed erogarla in videoconferenza ha permesso ai datori di lavoro di non fermarsi nemmeno sul tema della formazione.


Quanto è stato importante per QUIDEM essere stata velocemente in grado di offrire un nuovo servizio per erogare la formazione?

La chiusura della formazione in presenza è avvenuta in maniera repentina, ma siamo riusciti a non perderci d'animo. Assistere le aziende “a distanza”, è stato fondamentale.

Lo strumento utilizzato sta permettendo di erogare la formazione nel rispetto dei requisiti di legge e sta dando la possibilità ai nostri clienti di continuare l'erogazione della formazione usufruendo, quando possibile, dei fondi interprofessionali.


In questi mesi, quanto è cambiato il modo di fare formazione?

I contenuti non sono cambiati e nemmeno il gruppo di lavoro è cambiato. A modificarsi è stato piuttosto l'approccio e le relazioni tra docenti e discenti, ma è avvenuto in modo naturale e ha portato a risultati oltre le aspettative. Anche se a distanza, le interazioni tra i vari attori coinvolti nel processo formativo sono state molto positive e costruttive continuando ad essere una condivisione di idee, di esperienze e sensazioni.  Direi che in alcuni casi ha permesso una, per così dire, maggiore vicinanza.


Quando l'emergenza sarà definitivamente rientrata la formazione in videoconferenza sparirà?

No, assolutamente.
Sarà data la possibilità alle aziende clienti di decidere quale strumento utilizzare per effettuare la formazione, ovviamente sempre nel rispetto della normativa. Novità di oggi: sono iniziati anche i corsi in modalità “mista”.


Cosa si intende con “corsi in modalità mista”?

Si tratta di un modo nuovo di intendere la formazione, facendo una vera e propria fusione tra i corsi in presenza e i corsi in videoconferenza, con alcuni discenti collegati in videoconferenza e altri discenti in presenza; talvolta lo stesso formatore può essere collegato in videoconferenza!


Quali sono stati i feedback delle aziende, dei discenti e dei formatori rispetto alla formazione erogata da QUIDEM in questo periodo?

Passata la paura iniziale di utilizzare lo strumento digitale e passato l'imbarazzo di vedersi “dentro” uno schermo di un pc, le persone sono rimaste soddisfatte dei corsi seguiti. C'è chi ha chiesto di non abbandonare questa modalità perché seguire il corso da “casa” permette di essere più concentrati, di non avere distrazioni e di evitare lo stress per la trasferta. Poi ovviamente c'è anche chi preferisce rimanere tradizionali, ma proprio per questo abbiamo deciso di proseguire e garantire sempre una modalità “mista” di erogare la formazione.


Ora qual è la situazione della formazione erogata da QUIDEM?

Siamo a pieno regime, stiamo organizzando ed erogando corsi con continuità. Per chi, purtroppo, ha dovuto fermarsi ed ora cerca di ripartire stiamo cercando di dare tutto il supporto necessario per recuperare il tempo perso e rimettersi in regola con gli adempimenti formativi.

Per i clienti che richiedono la formazione in presenza, verificati i decreti regionali/provinciali, stiamo organizzando le aule in maniera da rispettare scrupolosamente i protocolli sicurezza per le attività di formazione in presenza.


A proposito di questo, cosa fa QUIDEM per assicurare la salubrità delle aule?

Abbiamo studiato e implementato nel dettaglio tutte le misure necessarie per applicare il protocollo anti-contagio richiesto dalla Conferenza delle Regioni e delle Provincie Autonome per la formazione in aula. Alcune delle misure sono:
•    igienizzazione delle mani prima dell'ingresso in aula,
•    registrazione su fogli individuali delle persone presenti in aula con orario di ingresso ed uscita,
•    obbligo di mascherina per tutta la durata dell'intervento per discenti e docente (quest'ultimo può eventualmente utilizzare una visiera in alternativa),
•    pause controllate e disinfezione degli ambienti a fine corso,
•    continuo ricambio d'aria negli ambienti delle aule.

 

In ultima analisi, molte aziende ritengono che sia importante una formazione/informazione dei propri dipendenti rispetto al COVID 19. Qual è il pensiero di QUIDEM in merito?

In questo periodo di emergenza sanitaria abbiamo assistito ad una trasformazione del mondo del lavoro anche in relazione all'evoluzione delle organizzazioni lavorative. Ciò può portare con sé non solo una variazione dell'esposizione ad alcuni classici rischi lavorativi, ma anche problemi quali dispercezione dei rischi/delle relazioni interpersonali e rischi nuovi come quelli legati allo smart working.

Per questo riteniamo che la semplice informazione non sia sufficiente, c'è bisogno di dare di più, anche per ottemperare agli obblighi previsti dal D.lgs. 81/08 e s.m.i. in tema di rischi specifici.

Diamo la possibilità ai nostri clienti di formare i lavoratori con idonei corsi di formazione (protocollo anti-contagio, benessere, ergonomia…), personalizzando il più possibile gli interventi e scegliendo le modalità più consone per l'erogazione.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Guida all'allestimento della postazione con videoterminale

Lavorare in ufficio può apparentemente sembrare un'attività che non comporta alcun rischio per la salute del lavoratore, in realtà è importante valutare questo rischio

Continua

Un passo avanti nella UNI ISO 45001

La UNI ISO 45001 diventa uno degli strumenti chiave per la gestione della salute e sicurezza sul lavoro

Continua

Il problema multidimensionale del mal di schiena

La lombalgia è una malattia multifattoriale e debilitante, che esercita un enorme onere socioeconomico sugli individui e sui sistemi di assistenza sanitaria

Continua

ATEX - L’importanza della gestione del rischio esplosione

Due incidenti, seppur con finali diversi, ricordano l'importanza che ricopre la valutazione del rischio esplosione (ATEX) all'interno di stabilimenti a rischio

Continua

Idoneità alla mansione: obblighi e provvedimenti del datore di lavoro

A valle del rilascio da parte del medico competente del giudizio di idoneità alla mansione, il datore di lavoro può dover gestire diverse casistiche anche delicate

Continua

Novità del Codice di Prevenzione Incendi

A breve verrà pubblicato un nuovo Decreto Ministeriale ai più noto come “Codice di prevenzione incendi”

Continua

Il comportamento abnorme del lavoratore

Nelle Sentenze relative ad infortuni sul lavoro si sente parlare spesso di “comportamento abnorme del lavoratore” come motivazione di ricorso da parte dell'imputato

Continua

PED - Uno strumento per il calcolo delle attrezzature a pressione

Si tratta di un utile strumento per verificare l'idoneità rispetto agli obblighi previsti dalla normativa delle proprie attrezzature a pressione

Continua

Documento sulle procedure di utilizzo del Transpallet Elettrico

Uno dei più comuni strumenti di lavoro all'interno delle aziende è sicuramente il Transpallet Elettrico, un'attrezzatura utilizzata per la movimentazione dei carichi

Continua

La responsabilità del datore di lavoro in tema di sicurezza

Cassazione: la formazione del dipendente non esime il datore di lavoro dal predisporre misure cautelari

Continua

Sicurezza lavoro, il ruolo di garanzia del CDA nel caso di società di capitali

Nel caso di società di capitali, gli obblighi di prevenzione degli infortuni gravano in maniera paritetica, fatto salvo il caso di delega, su tutti i membri del CDA

Continua

INAIL, proroga della scadenza delle richieste di incentivo

INAIL - Proroga della scadenza delle richieste di incentivo alle imprese virtuose

Continua

Affidare a terzi la redazione del DVR non esclude la responsabilità del datore di lavoro

Molte realtà decidono di affidare a terzi la redazione del DVR, strumento obbligatorio come stabilito dal D.lgs. 81/08 per la gestione della sicurezza in azienda

Continua

La videoconferenza è l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Ciò che risulta importante è porsi una domanda fondamentale: la videoconferenza è davvero l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Continua

L'infortunio sul lavoro per COVID-19 e la responsabilità del datore di lavoro

L'infortunio sul lavoro per Covid-19 non è collegato alla responsabilità penale e civile del datore di lavoro

Continua

Testo Unico: si va verso un aggiornamento?

Il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha sottolineato la necessità di porre una maggior attenzione sui temi legati proprio alla salute e sicurezza sul lavoro

Continua

COVID-19: proroga dell’emergenza, D.L. 7 ottobre e D.lgs. 81/2008

Prorogato lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 e introdotte modifiche al D.lgs. 81/2008

Continua

COVID19 - Sappiamo davvero la differenza tra isolamento e quarantena?

E' importante declinare questa distinzione anche all'interno delle aziende, per permettere ai datori di lavoro di gestire al meglio eventuali casi di contatto.

Continua