Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Fornitura di beni non richiesta: come tutelarsi


Fornitura di beni, acqua, gas, elettricità, teleriscaldamento o contenuto digitale o servizi non richiesti. Ecco come il Codice del Consumo ci tutela
Fornitura di beni non richiesta: come tutelarsi

Non bisogna pagare nulla in caso di fornitura di beni, acqua, gas, elettricità, teleriscaldamento o contenuto digitale o di prestazioni non richieste di servizi ai sensi dell'art. 66 quinquies del Codice del Consumo.

Si tratta di una delle norme più importanti a difesa dei consumatori ed in particolare di tutte quelle persone nei confronti delle quali sono stati intestati dei contratti di fornitura di beni o servizi a loro insaputa.

Purtroppo, si tratta di una situazione nella quale si vengono a trovare molte persone, tra queste un gran numero sono gli anziani, perchè vengono carpiti illegittimamente i dati delle forniture di acqua, gas, luce ecc. (in particolare i numeri dei POD e dei PDR).

Ciò fa sì che venditori senza scrupoli li utilizzino per stipulare dei nuovi contratti.

Contro questa pratica commerciale scorretta viene in soccorso il Codice del Consumo con l'art. 66 quinquies, norma che ogni consumatore dovrebbe memorizzare e far propria.

Quindi, attraverso questa norma, qualora si fosse vittima di qualche disonesto venditore di beni che ha carpito chissà in quale modo i dati delle vostre forniture, si deve sapere che se dovesse arrivare da un gestore qualsiasi una richiesta di pagamento per un contratto mai richiesto, nulla è dovuto.

Ne discende che il consumatore, a fronte di una richiesta di pagamento non dovuta non è obbligato a rispondere, tant'è che anche se non risponde ciò non può mai essere considerato consenso.

Va sottolineato come il consumatore non solo non dovrà nulla pagare, ma potrà essere risarcito se ha subito dei danni dalla qui esaminata pratica commerciale scorretta.

Non essendo stato stipulato alcun contratto di fornitura questo va considerato inesistente. Se il gestore insistesse oltre che agire in giudizio per il risarcimento danni ci si potrà rivolgere anche alla AGCM (Autorità di Garanzia della Concorrenza e del Mercato cosiddetta Antitrust) che una volta ricevuta la segnalazione provvederà a sanzionare il comportamento scorretto.

Il professionista, in base al secondo comma dello stesso articolo 66 quinquies del Codice del Consumo, ha l'obbligo di adempiere alla prestazione pattuita, mentre non è considerato adempimento della prestazione una fornitura diversa da quella pattuita anche se quest'ultima è di valore e qualità equivalente o superiore a quella pattuita.

Questo il testo dell'art. 66 quinquies del Codice del Consumo: 

"1. Il consumatore è esonerato dall'obbligo di fornire qualsiasi prestazione corrispettiva in caso di fornitura non richiesta di beni, acqua, gas, elettricità, teleriscaldamento o contenuto digitale o di prestazione non richiesta di servizi, vietate dall'articolo 20, comma 5, e dall'articolo 26, comma 1, lettera f), del presente Codice. In tali casi, l'assenza di una risposta da parte del consumatore in seguito a tale fornitura non richiesta non costituisce consenso.

2. Salvo consenso del consumatore, da esprimersi prima o al momento della conclusione del contratto, il professionista non può adempiere eseguendo una fornitura diversa da quella pattuita, anche se di valore e qualità equivalenti o superiori".

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Spettacoli, eventi e trasporti: cosa prevede DL Rilancio su rimborsi

Biglietti e abbonamenti per spettacoli, ingresso musei, trasporti ferroviari o del trasposto locale abbonamenti a palestre piscine non utilizzati per emergenza Covid-19

Continua

Cancellazione voli a causa del Covid-19, i diritti del passeggero

Per le cancellazioni post lockdown dei voli aerei si applica il Regolamento CE 261/2004 e la Convenzione di Montreal

Continua

Compagnie aeree: si ha diritto al rimborso per il ritardo del volo?

Nel contratto delle Compagnie Aeree nessuna clausola può prevedere una esclusione di responsabilità per ritardo del volo

Continua

Pratiche commerciali ritenute in ogni caso aggressive

Ecco quali sono le ipotesi di pratiche commerciali ritenute in ogni caso aggressive previste dall'art. 26 del Codice del Consumo

Continua

Codice del Consumo: pratiche commerciali scorrette e ingannevoli

Che cosa si intende per pratiche commerciali scorrette e ingannevoli? Ecco cosa stabilisce il Codice del consumo

Continua

STRISCE BLU

STRISCE BLU : se l' articolo indicato nella contravvenzione non è corretto la multa è annullata.

Continua