Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Franchigia doppia per donazioni e successioni


La Cassazione ha chiarito che le donazioni fatte in vita dal de cuius non riducono la franchigia riconosciuta agli eredi per l’imposta di successione
Franchigia doppia per donazioni e successioni
Alla luce di diversi pronunciamenti univoci, si può ormai parlare di giurisprudenza costante della Cassazione nell’affermare che, contrariamente al modus operandi adottato ancor oggi dell’Agenzia delle Entrate, le donazioni fatte in vita non abbiano rilievo al fine di ridurre le franchigie riconosciute dalla legge in sede di liquidazione dell’imposta di successione. Questa posizione giurisprudenziale si è sviluppata dal 2016 con le sentenze 24940 del 24/11/2016 e 26050 del 6/12/2016 e si è consolidata nel 2017, anno nel quale si segnala la sentenza 11677 del 11/5/2017.

È utile ricordare che le norme in tema di tassazione di successioni e donazioni riconoscono quote non imponibili ("franchigie") a favore di alcuni eredi, nelle seguenti misure:
coniuge e parenti in linea retta: € 1.000.000 per ciascun erede
fratelli e sorelle: € 100.000 per ciascun erede
disabili: € 1.500.000 per ciascun erede

Per quanto attiene alle donazioni, la legge fa obbligo di ricordare in occasione di ogni atto liberale le precedenti donazioni fatte ai medesimi soggetti. Ciò al fine di verificare l’eventuale superamento della franchigia, che deve essere calcolata cumulativamente per tutte le donazioni fatte.

In altri termini, fermo restando che la franchigia va considerata separatamente per ogni singolo donatario, se con precedenti donazioni si è superato il limite della franchigia (es.: € 1.000.000 per un figlio), le successive donazioni alla stessa persona non beneficeranno più di alcuna franchigia.

La novità affermata dalle predette sentenze è che, anche nel caso di cui all’esempio proposto (vale a dire, di esaurimento della franchigia a favore del tal erede), al successivo momento della successione competerà al predetto erede una nuova franchigia, ancora una volta di € 1.000.000 nell’esempio proposto.

Considerato che l’aliquota impositiva in caso di coniuge e di parenti in linea retta è nella misura del 4% per la parte eccedente la franchigia, soprattutto nel caso di una pluralità di eredi (più figli e coniuge) e di patrimoni consistenti, considerato che per quanto detto la franchigia spetta "due volte" per ciascun erede, si capisce come la legge veda di buon occhio chi si muova per tempo, in vita, iniziando a trasferire in franchigia da imposta parte del proprio patrimonio ai propri congiunti.

La donazione è un atto di per sé notevole sul piano civilistico, in quanto trasferisce gratuitamente ricchezza a terzi. Fuori dal campo fiscale, tale scelta potrebbe avere contro indicazioni in un numero notevole di circostanze alquanto normali: a tal fine, però, esistono istituti di diritto che permettono spesso di attenuare gli effetti negativi temuti, beneficiando nel contempo delle favorevoli norme tributarie illustrate.

A tal fine, ogni caso deve essere valutato singolarmente per poter trovare la soluzione migliore o, in caso contrario, per decidere a ragion veduta che il pagamento di maggiori imposte è comunque la soluzione più corretta.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Novità fiscali per società di persone e imprese

La legge 232/2016 ha introdotto rilevanti novità per la tassazione di società di persone e imprese, consentendo opzioni che vanno prontamente valutate

Continua

2017: contabilità semplificate tassate per cassa

Dal 2017 le imprese e società in contabilità semplificata verranno tassate su incassi e pagamenti effettivi e non più "per competenza"

Continua

Sanzioni alla metà per chi non fa uso del contante

Anche per il 2017 è in vigore la norma che prevede la riduzione alla metà delle sanzioni tributarie a chi non fa alcun uso di contante

Continua

Aboliti alcuni adempimenti fiscali, eccone altri

Il 2017 vede l’abolizione di alcuni adempimenti fiscali per società e imprese e, per contro, la nascita di nuovi obblighi dichiarativi

Continua

IVA: dichiarazioni di intento da rifare a febbraio

Cessano di aver valore col 28 febbraio le dichiarazioni degli esportatori abituali che prevedono la non applicazione dell’Iva per un periodo temporale

Continua

Amministratori: prestazioni gratuite con cautela

Sempre più frequentemente l’Agenzia delle Entrate presume compensi agli amministratori di società che prestano gratuitamente la propria opera

Continua

Contrordine: risorgono i modelli Intra 2 acquisti

È in fase di reintroduzione, con effetto da oggi, l’obbligo di presentazione degli Intra 2 relativi agli acquisti intracomunitari, da poco abolito

Continua

Entro oggi le domande per il “credito vigilanza”

La legge 208/2015 ha concesso un credito di imposta per le spese personali del 2016 per i servizi di vigilanza e gli impianti di videosorveglianza

Continua

Al 10 aprile la presentazione dello “spesometro”

Scade il 10 aprile il termine per la presentazione dello “spesometro” relativo al 2016 per i contribuenti con liquidazioni mensili dell’Iva

Continua

Bingo! “credito vigilanza” al 100%

L’Agenzia delle Entrate ha determinato la misura del credito di imposta ex legge 208/2015 per spese di vigilanza in importo pari alle spese sostenute

Continua

Dal 2016 contabilizzazione dei “derivati” obbligatoria

L’adozione, dal 2016, dei Principi Contabili Internazionali rende obbligatori complessi calcoli per contabilizzare i contratti derivati

Continua

F24: stop alle compensazioni con Home Banking

Nuove norme per le compensazioni in F24 e soglia ridotta per il visto di conformità; nuove forme tecniche per spedire le liquidazioni trimestrali

Continua

Iva indetraibile su fatture ‘17 registrate nel ‘18

Se non registrate entro dicembre, le fatture del 2017 consentiranno il recupero dell’Iva solo nella dichiarazione annuale e non oltre il 30.4.2018

Continua