Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Garanzia convenzionale


La responsabilità del venditore anche per la c.d. garanzia convenzionale
Garanzia convenzionale

A tutti noi sarà capitato almeno una volta di acquistare un prodotto difettoso e di essere ritornati dal negoziante per farcelo sostituire: immancabilmente ci è stato detto che ciò non era possibile e che ci saremmo dovuti rivolgere al centro di assistenza della società produttrice.

Ma così non è dall'introduzione del D.Lgs. n. 206/2005, meglio conosciuto come il Codice del Consumo, che prevede all'art. 130 la responsabilità del venditore per tutti i vizi di conformità del prodotto, se il difetto che si manifesta entro il termine di due anni dalla consegna del bene, mentre l'unico obbligo a carico del consumatore rimane quello di denunciare il difetto di conformità del prodotto entro due mesi dalla sua scoperta.

L'acquirente può richiedere al venditore il ripristino del bene mediante riparazione o sostituzione dello stesso, nonché la riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto se i primi due rimedi non fossero possibili. Tale forma di tutela per l'acquirente si chiama garanzia legale.

Esiste, però, un'altra forma di tutela, prestata, questa volta, dal produttore del bene e prevista dall'art. 133 dello stesso Codice del Consumo: la garanzia c.d. convenzionale, ovvero, per intenderci, quella che trovavamo anni fa all'interno dell'imballaggio e che dovevamo attivare rispedendo al produttore una cartolina con il timbro del rivenditore.

Tale garanzia lascia presupporre che il consumatore possa agire direttamente nei confronti di chi l'ha effettivamente offerta, ma un recente caso deciso dalla Corte di Cassazione (sentenza del 27 luglio 2017 n. 18610), che ha visto un consumatore lamentarsi di un vizio di conformità di un'autovettura e proporre l'azione di garanzia nei confronti del produttore, ha disatteso tale interpretazione: secondo i giudici di legittimità, l'art. 133 non deroga all'art. 130, e pertanto il consumatoredeve necessariamente rivolgersi al suo immediato venditore (il venditore finale), ultimo anello della catena distributiva e suo dante causa e che è, appunto, il soggetto con il quale ha contrattato”. Resta ovviamente salva in capo al venditore, nei casi anzidetti, l'azione di regresso nei confronti del produttore qualora il vizio sia imputabile a quest'ultimo (art. 131 C.d.S.).

In conclusione: l'acquirente consumatore potrà e dovrà sempre agire nei confronti del venditore per qualsiasi vizio o difetto del prodotto, in forza del suo contratto di compravendita, mentre potrà agire nei confronti del produttore solo ed unicamente per ottenere il risarcimento se il bene acquistato ha causato danni a persone e cose (responsabilità extracontrattuale).

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Al semaforo rosso non superate la linea bianca!

Un recente orientamento della Cassazione afferma che ai fini dell'infrazione in questione è sufficiente oltrepassare la linea bianca d'arresto

Continua

Respinto l'assalto delle società di telefonia

Stop del legislatore alla fatturazione a 28 giorni. Ripristinata quella mensile, ma gli operatori non intendono rinunciare ai loro guadagni

Continua

Rifacimento dei balconi: a chi spettano le spese?

La Corte di Cassazione: bisogna valutare caso per caso

Continua

“Un diamante x sempre… se è la banca a venderlo!"

L'Antitrust sanziona le banche per l'affare dei diamanti ed arrivano le prime proposte di rimborso parziale ai clienti

Continua

Aerei e scioperi: sì alla compensazione pecuniaria

La Corte di Giustizia Europea sancisce il diritto del passeggero alla compensazione pecuniaria nel caso di "scioperi selvaggi"

Continua

Perform poco perform...ante!

il papà di DAZN sotto pressione dopo l'iniziativa di Altroconsumo

Continua

Assegni circolari falsi

Truffe con assegni circolari falsi e il c.d. bene emissione. Come tutelarsi? Chi ne risponde?

Continua

Sms e messaggi Whatsapp hanno valore processionale?

La messaggistica dei telefoni cellulari ha aperto una nuova stagione per le prove documentali

Continua

Veicoli fermi o inutilizzati? Vanno comunque assicurati!

La Corte europea sancisce l'obbligo assicurativo anche per i veicoli inutilizzati, se immatricolati

Continua

Fatturazione a 28 giorni … arrivano i rimborsi!

il TAR del Lazio ha obbligato i colossi della telefonia a rimborsare gli utenti entro fine anno

Continua

Illecito il supplemento per il bagaglio a mano!

L'Antitrust censura la policy di Ryanair e Wizz Air

Continua