Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Gli adeguati assetti organizzativi societari


In Gazzetta Ufficiale il decreto correttivo del Codice della crisi e dell'insolvenza. Dalla gestione dell'impresa all'istituzione degli assetti organizzativi societari
Gli adeguati assetti organizzativi societari

Il D.Lgs. 147/2020 correttivo del Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (D.Lgs. 14/2019) è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 5 novembre e, per la parte che qui interessa, entrerà in vigore il prossimo 20 novembre.

Come noto il secondo comma dell’articolo 2086 c.c. introdotto dall’art. 375 del Codice della crisi, e in vigore dal 16 marzo 2019 dispone che “l’imprenditore che operi in forma societaria o collettiva, ha il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale, nonché ad attivarsi senza indugio per l’adozione e l’attuazione di uno degli strumenti previsti dall’ordinamento per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale”.

In sequenza logica, l’art. 377 del Codice della crisi estende gli obblighi previsti dall’art. 2086, 2° comma a tutti i tipi di società, e pertanto, all’art. 2257, con riferimento alle società di persone, all’art. 2380-bis con riferimento alle società per azioni, e all’art. 2475 con riferimento alle società a responsabilità limitata.

Ora l’art. 40 del D.lgs 147/2020 in esame rafforza ulteriormente la centralità degli assetti organizzativi societari: il tenore letterale della norma passa infatti dalla “gestione dell’impresa” alla “istituzione degli assetti di cui all’art. 2086, 2° c.”.

Nonostante le proroghe concesse su altri capitoli del Codice della crisi a causa dell’emergenza epidemiologica, il tema degli assetti organizzativi societari - in vigore già dal 16/03/2019 – come novellato dal D.lgs. 147/2020 è più che mai un’opportunità di crescita organizzativa, di consolidamento del business, oltre che obbligo di legge.

In pratica che cosa sono gli assetti richiesti dalla legge?

Organizzazione, amministrazione e controllo: un sistema integrato di controllo di gestione, il quale può essere costruito e/o implementato attraverso pochi passi.

-    Analisi del modello di business: storia, mercato, bilanci e business plan;
-    Analisi del funzionamento: processi aziendali e sistema qualità;
-    Comprensione dell’organizzazione e definizione del sistema di budgeting e reporting;
-    Analisi, pianificazione e controllo dei flussi finanziari.

Un possibile approccio operativo può essere preso in prestito dalle tecniche di reengineering dei processi industriali e di continuous improvement del controllo qualità, finalizzato, per esempio, al miglioramento qualitativo di un prodotto e/o al raggiungimento di maggiore efficienza di un processo di lavorazione.

Mi riferisco al modello PDCA, noto anche come ciclo di Deming:

PLAN – DO – CHECK - ACT

pianificazione – azione - controllo - reazione.

Punto di partenza è un modello semplice basato su pochi elementi essenziali: margine di contribuzione aziendale, uno o pochi centri di costo, flussi di cassa trimestrali o mensili. Nelle fasi successive, il modello si configura via via più analitico e complesso, personalizzato sulla natura del business e sulle dimensioni dell’impresa, e diventa un utile strumento per l’attuazione del controllo di gestione.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

I nuovi obblighi delle SRL dettati dal codice della crisi, quale organo di controllo?

I nuovi limiti dimensionali introdotti dal Codice della crisi e dell’insolvenza riportano l’attenzione su quale soggetto debba essere nominato nelle SRL

Continua

Le analisi di fattibilità dei piani di risanamento

Codice crisi impresa, la coerenza interna ed esterna nelle analisi di fattibilità dei piani di risanamento

Continua