Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Gli obblighi morali del "genitore sociale o terzo genitore"


Il fenomeno della genitorialità sociale è ormai un fenomeno europeo ed extra europeo
Gli obblighi morali del "genitore sociale o terzo genitore"

Sempre più spesso si sente parlare di modelli familiari diversi  dal modello familiare tradizionale, di genitorialità sociale o di terzo genitore, ma cosa significa questo?

Il fenomeno della genitorialità sociale è ormai un fenomeno europeo ed extra europeo che ricorre sia quando le famiglie si sono formate attraverso delle tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo e sia quando si sono formate da coppie, anche non unite in matrimonio, con figli nati da una precedente unione o relazione affettiva intrattenuta da uno o da entrambi con un altro partner, le cosiddette famiglie ricomposte o allargate formate da “figli di primo letto” e da figli nati dalla nuova coppia. In ambito giuridico e sociale vengono definiti “genitori sociali”, quelli che un tempo venivano chiamati “la matrigna e il patrigno”.  Il fenomeno però sembra aver interessato più la sociologia che la giurisprudenza poiché al momento non esiste una normativa che estende al genitore sociale una responsabilità genitoriale, come quella prevista per il genitore biologico, nei confronti dei figli di primo letto del coniuge. Il genitore sociale, cioè, non ha il dovere di mantenere economicamente ed  altri obblighi nei confronti dei figli sociali. L’unica norma presente in Italia che al momento attribuisce degli obblighi al genitore sociale  è quella che prevede la possibilità di adottare i figli di primo letto del coniuge. Solo in questo caso il genitore sociale acquisterebbe la responsabilità genitoriale:  il bambino diventerebbe erede e avrebbe il diritto di essere mantenuto dal genitore sociale se quello biologico non può farlo. Vero è che se nella famiglia ricomposta non si vengono a creare degli obblighi giuridici in capo al  genitore non biologico vengono comunque a crearsi degli obblighi morali o familiari oltreché  dei legami affettivi. Forse, come afferma la psicologa Anna Oliviero Ferraris (che ha dedicato un libro sul tema: “il terzo genitore. Vivere con i figli dell'altro”), quando si inizia una relazione con qualcuno che ha dei figli bisognerebbe sapere alcune cose.

“L’amico di mamma o l’amica di papà” non diventano dei genitori acquisiti per il semplice fatto di abitare insieme ai figli della propria partner o del proprio partner, ma devono impegnarsi molto per trovare un proprio ruolo che è tutto da inventare e che non sta in una norma di legge o sociale. Ciò che è sicuro è che essi dovranno saper fronteggiare la situazione: non dovranno mai giudicare o porsi sulle difensive di fronte alle critiche dei figli dell’altro/a; dovranno saper aspettare; essere empatici, capaci cioè di mettersi nei loro panni comprendendo quello che hanno passato e quello di cui hanno bisogno; flessibili; in grado di non sostituirsi a nessuno; di non sconfinare in responsabilità e autorità che non competono. Un legame di genitorialità basato sulla convinzione che anche se non c’è un legame di sangue o dettato da norme, con i terzi genitori si possono stringere dei legami affettivi molto forti dal momento che essi possono costituire dei punti di riferimento molto importanti sia per i figli ancora piccoli che per quelli un po’ più grandicelli perché ormai adolescenti.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Gestire l'emotività con la mediazione familiare

Una buona Mediazione potrebbe aiutare la coppia a separare il canale affettivo- emotivo da quello economico del danaro

Continua

Mediazione familiare: il conflitto latente

La Mediazione familiare come strumento di prevenzione della degenerazione del conflitto

Continua

I conflitti di coppia e le differenze di genere

Molti dei problemi di comunicazione all’interno della coppia possono derivare da una mancata comprensione delle differenze uomo-donna

Continua

La crisi di coppia: le parole sono come pallottole

Come afferma John Wittgenstein “le parole sono come pallottole” possono ferire ed è per questo che diventa fondamentale usarle diligentemente

Continua

Mediazione familiare cos'è?

Mediazione familiare come una “opportunità”, per le coppie e per le famiglie, per trasformare una situazione da critica in una esperienza positiva

Continua

L'importanza della presenza di un padre

L’assenza del padre, sia fisica che psicologica, crea notevoli difficoltà nello sviluppo della personalità dei figli. La madre dovrebbe impedirla

Continua

I figli ci guardano, ci ascoltano, ci imitano

I figli imparano dai loro genitori a gestire lo stress, per cui tutte le volte che i genitori danno ascolto alla propria emotività loro l'assorbono

Continua

Lo sviluppo della resilienza in mediazione

La Mediazione può aiutare a sviluppare la resilienza, cioè la capacità di resistere alle circostanze difficili della vita e di reagire positivamente

Continua

I suoceri invadenti sono la causa della crisi?

Una situazione scomoda per la coppia sone le interferenze dei suoceri, ma sono proprio loro la fonte del problema?

Continua

Il Mediatore familiare, una figura specializzata

Il Mediatore familiare, un professionista che svolge una professione complessa che richiede un’adeguata formazione e preparazione

Continua

Il senso della Mediazione Familiare

La Mediazione familiare ha un senso solo se si è protagonisti, se ci si assume la propria parte di responsabilità, se si ha a cuore il bene dei figli

Continua

Educare fa rima con mediare

La Mediazione familiare come strumento di gestione dei conflitti educativi potrebbe rappresentare un'opportunità non solo per i genitori separati

Continua

Il progetto della mediazione scolastica

La Mediazione tra pari: progetto volto a responsabilizzare i ragazzi così come previsto dalla Peer Mediation americana

Continua

La filosofia della comunicazione virtuale

Una civiltà, la nostra, definita tecnologicamente avanzata ma poco più che primitiva sul piano dell’uso degli strumenti della comunicazione

Continua

La comunicazione nel divorzio

E' mera utopia pensare che quella coppia che non abbia costruito una comunicazione possa poi rispettare gli accordi presi

Continua

La mediazione dei conflitti di coppia

Non è necessario ricorrere a percorsi terapeutici per risolvere problemi o questioni quotidiane

Continua

Il progetto educativo

Costruire un progetto educativo insieme al Mediatore familiare può essere la soluzione

Continua

Come nella favola di Cenerentola?

La favola di Cenerentola come esempio di conflitti familiari

Continua

I conflitti inevitabili nella coppia

E’ praticamente impossibile pensare che con il tempo non si creino conflitti nella coppia convivente

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (1^ parte)

Entrambi i partner possono agire dentro una logica del “ Io vinco e tu perdi”, una logica di potere

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (2^ parte)

Entrambi i partner possono agire con la logica del “io vinco e tu vinci”, logica di collaborazione

Continua

Dal conflitto di coppia alla violenza nella coppia

Identificare il conflitto e distinguerlo dalla violenza al fine di prevenire la violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (1^ parte)

Qualunque veste assuma la violenza domestica non deve avere ad oggetto sporadici episodi ma deve costituire una modalità quotidiana d’interazione della coppia

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (2^ parte)

Ecco quali sono le varie tipologie di violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione Familiare (3^ parte)

Le diverse forme di violenza e la differente gravità della stessa ha indotto gli studiosi a compiere un esame sull'opportunità del ricorso alla Mediazione familiare

Continua

Mediazione familiare: i figli al centro rispetto alle esigenze degli adulti

I figli hanno il diritto di essere informati e accompagnati dai genitori a comprendere la separazione dei genitori

Continua

“Ho bisogno di voi!”, l'urlo inascoltato di un figlio di genitori separati

La conflittualità che danneggia i figli. La mediazione familiare come valido strumento di recupero dell’alleanza genitoriale

Continua

L’importanza di separare il ruolo coniugale da quello genitoriale

La Mediazione Familiare come strumento che facilita l’esercizio della bigenitorialità

Continua

Riflessioni sull’esperienza di Mediazione familiare

La Mediazione familiare rappresenta un metodo per gestire conflitti attivando le risorse creative della coppia per il cambiamento del rapporto

Continua

La Mediazione familiare nella famiglia allargata

Il triste destino della coppia nella famiglia ricostituita, o allargata, e come essa può divenire artefice della propria sorte

Continua