Gratuito patrocinio a spese dello Stato


Cosa fare quando non si ha la possibilità economica di farsi assistere da un avvocato
Gratuito patrocinio a spese dello Stato
Il patrocinio a spese dello Stato dà attuazione all'art. 24 della Costituzione.

Garantisce, pertanto, il diritto di farsi assistere da un avvocato, iscritto in apposite liste e il cui onorario sia a carico dello Stato, a coloro che, non avendo mezzi adeguati, versino in condizioni economiche precarie.

E' previsto per i processi civili, i processi penali, i processi tributari e i processi amministrativi.
Ne hanno diritto i cittadini italiani, gli apolidi, gli enti o le associazioni senza fini di lucro che non esercitano attività economiche, gli stranieri con regolare permesso di soggiorno.

Il presupposto è essere titolare di un reddito imponibile, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore a euro 11.528,41.

In sede civile si ottiene presentando la domanda alla segreteria del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati compentente per la circoscrizione o distretto ove deve essere radicato il procedimento.

In sede penale la domanda, presentata all'ufficio giudiziario, viene valutata dal magistrato il quale, con decreto motivato, può dichiararla inammissibile, ammetterla o rigettarla.

Avverso il rigetto, l'interessato può proporre ricorso, entro venti giorni dalla conoscenza dello stesso, davanti al presidente del tribunale o al presidente della corte d'appello ai quali appartiene il magistrato che ha emesso il decreto di rigetto.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La famiglia di fatto e la sua tutela giuridica (1° parte)

La cosiddetta Legge Cirinnà disciplina diritti e doveri dei conviventi

Continua

La famiglia di fatto e la sua tutela giuridica (2° parte)

Figli nati fuori dal matrimonio: equiparazione ai figli del matrimonio e tutela

Continua

La riforma costituzionale

Il referendum costituzionale del 4 dicembre, le modifiche e le innovazioni della riforma, il quesito

Continua

Mancato pagamento del contributo di mantenimento

Separazione e divorzio: il coniuge obbligato non paga. Come e da chi ottenere le somme dovute a titolo di mantenimento

Continua

Tradimento fra coniugi

Violazione dell'obbligo di fedeltà insito nel matrimonio, addebito della separazione, causa della crisi coniugale o conseguenza

Continua

Riconoscimento del figlio

Figlio nato fuori dal matrimonio: modalità di riconoscimento e conseguenze

Continua

Mancato pagamento del contributo di mantenimento 2

Interventi a favore del genitore debole economicamente

Continua

Affidamento condiviso dell'animale familiare

Tribunale di Roma: disposto l'affidamento condiviso. Intanto resta fermo in Parlamento un disegno di legge in materia

Continua

Mantenimento dei figli, intervengono i nonni

Quando il genitore non è in grado di contribuire al mantenimento del figlio intervengono i nonni

Continua

Registrare una conversazione non è reato

Quando e come la registrazione può essere utilizzata in giudizio

Continua

Dovete separarvi o divorziare?

Ecco, in linguaggio semplice, un tutorial che vi spiega cosa potete fare

Continua

L'assegno di divorzio

Il presupposto dell’attribuzione diviene la mancanza di adeguati mezzi economici o la difficoltà di procurarseli per ragioni oggettive

Continua

E' legittimo TruCam?

Possibilità di ricorrere avverso le contestazioni delle violazioni

Continua