Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Controversie telefoniche: Guasto linea voce? A volte un vero calvario!


Cosa devono fare i consumatori quando il proprio gestore telefonico non garantisce un servizio di linea voce funzionante?
Controversie telefoniche: Guasto linea voce? A volte un vero calvario!

Molti dei disservizi telefonici che si verificano riguardano spesso la linea voce.

A volte può capitare che non si riescano ad effettuare e/o a ricevere le telefonate, oppure accade che la linea sia disturbata.

L’interruzione del servizio o il suo malfunzionamento possono riguardare le apparecchiature telefoniche.

In alcune circostanze, però, i disservizi dipendono dal proprio operatore telefonico e in questo caso bisogna chiedere che il gestore si attivi per risolvere le problematiche.

Questi disservizi, purtroppo, si verificano sempre con maggiore frequenza e i malcapitati utenti non sanno come difendersi e anche quando si rivolgono al gestore per reclamare, spesso non ricevono l’assistenza necessaria.

I gestori telefonici con le loro condizioni contrattuali, si impegnano a risolvere il disservizio entro 48-72 ore, ma tante volte il guasto non viene riparato nei tempi previsti e questo ovviamente provoca agli utenti innumerevoli disagi.

Cosa fare nel caso in cui il disservizio si protragga oltre i termini previsti dalla carta dei servizi della propria compagnia telefonica? 


Ecco alcuni consigli utili

1.    Fare reclami scritti per segnalare il problema e conservarsi la prova di averli effettuati (fax, e-mail, pec, raccomandata con ricevuta di ritorno ecc.).

2.    NON inviare la disdetta o migrare verso altra compagnia telefonica, salvo che il gestore telefonico (Tim, Fastweb, WindTre etc) non attesti per iscritto che il guasto non possa essere riparato perché magari la linea è deteriorata. In ogni caso le circostanze che rendano impossibile il ripristino del corretto funzionamento della linea voce dovranno essere comunque descritte con dovizia di particolari

3.    Nel caso invece si procedesse con la disdetta o una migrazione verso altro gestore senza i passaggi indicati nei due punti precedenti, si comprometterebbe la possibilità di ottenere un giusto indennizzo per i disagi subiti. 


Quali sono i diritti dell’utente?

Qualora si dovessero verificare ritardi nella riparazione del guasto, o la stessa non dovesse avvenire, gli utenti che avranno seguito i consigli di cui sopra e conservato le prove dei reclami effettuati, potranno richiedere:
a) la restituzione degli importi fatturati dal gestore telefonico durante il periodo di disservizio;
b) la corresponsione da parte della compagnia telefonica di un indennizzo che sarà ovviamente più alto quanto più a lungo sarà durato il disservizio.


Precisazioni

I gestori telefonici fanno di tutto per non riconoscere il giusto ristoro economico agli utenti che hanno subito questo disservizio affermando magari di essersi trovati dinanzi a un guasto di tale complessità che ha allungato i tempi di risoluzione delle problematiche.

Tra l’altro questi giganti della telefonia sono difesi da Avvocati con grandi competenze nella materia delle telecomunicazioni e, quindi, accade spesso che alcuni utenti, scegliendo di rappresentarsi da soli, non vedano riconosciuti i propri diritti, pur avendo subito danni di una certa rilevanza.

Per tutti questi motivi è preferibile avvalersi dell’aiuto di un Avvocato esperto della materia al fine di ottenere la tutela dei propri diritti.

Il nostro studio, negli anni, ha fornito assistenza a molti utenti.


Conclusioni

Per ottenere l’indennizzo previsto per legge dunque è necessario:
- effettuare i reclami, conservandosi la prova della ricezione da parte del gestore
- rivolgersi al Corecom competente per territorio, per il tentativo obbligatorio di conciliazione

Si precisa che, nel caso in cui il tentativo di conciliazione dovesse fallire, nulla è perduto in quanto si potrà presentare un’ulteriore istanza (di definizione) sempre al Corecom competente per territorio, o si potrà valutare di adire la giustizia ordinaria (Giudice di pace o Tribunale) al fine di ottenere oltre agli indennizzi previsti per legge anche il risarcimento dei danni.

Nel caso in cui anche tu abbia avuto, o abbia tuttora problemi con la tua compagnia telefonica non esitare a contattare gli Avv.ti Simona Briante e Onofrio Castiglia, due professionisti altamente qualificati per quanto riguarda le controversie telefoniche e che faranno valere i tuoi diritti di consumatore! Per esporre il tuo problema scrivi pure alle e-mail: avvcastiglia@tiscali.it oppure avv.briantesimona@gmail.com. In alternativa puoi inviarci un whatsapp al numero 3343252264.

La consulenza è gratuita e anche nel caso in cui avessi bisogno di assistenza per difenderti dal cattivo operato del tuo gestore telefonico non ci metterai un euro di tasca tua! Sarà la compagnia a dover pagare, all’esito del nostro intervento, per tutti i disagi e i danni causati.
 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Ritardato trasloco della linea, un disservizio telefonico frequente

Ecco cosa fare in caso di mancato o ritardato trasloco dell'utenza telefonica. Quali sono i diritti del consumatore? Scopriamolo insieme

Continua

Ritardata portabilità: un disservizio telefonico frequente

Ecco cosa fare in caso di mancata o ritardata portabilità del numero. Quali sono i diritti del consumatore? Scopriamolo insieme

Continua

Controversie telefoniche: Connessione ad internet lenta e discontinua?

Ecco cosa devono fare i consumatori quando il proprio gestore telefonico non garantisce una connessione veloce e stabile

Continua