Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Guida all'allestimento della postazione con videoterminale


Lavorare in ufficio può apparentemente sembrare un'attività che non comporta alcun rischio per la salute del lavoratore, in realtà è importante valutare questo rischio
Guida all'allestimento della postazione con videoterminale

Guida all'allestimento della postazione con videoterminale

Lavorare in ufficio otto ore al giorno può apparentemente sembrare un'attività che non comporta alcun rischio per la salute del lavoratore, ma in realtà una scorretta disposizione di tutti gli strumenti di lavoro porta con il tempo al sopraggiungere di disturbi muscolo scheletrici non indifferenti.

Abbiamo stilato un'utile guida dal titolo “Comodo non vuol dire (per forza) corretto” su come allestire in modo corretto la propria postazione di lavoro.

Un allestimento ottimale del posto di lavoro permette anzitutto di evitare disturbi.
Il posizionamento corretto di tavolo, sedia, schermo e tastiera comporta pochi minuti di lavoro e permetterà non solo di avere una postazione adeguata, ma anche di mantenere una postura adeguata.

Come allestire il posto di lavoro in pochi minuti

I pc e l'arredo utilizzati negli uffici hanno raggiunto ormai uno standard di qualità molto alto. Non basta, però, avere attrezzature di prima scelta: bisogna disporle e, soprattutto, impiegarle nel modo corretto!

Posizionare e regolare la scrivania
La sedia deve essere regolata in modo che le cosce aderiscano al sedile e i piedi siano completamente appoggiati sul pavimento.

È importante non accavallare le gambe in quanto questa posizione va a peggiorare la circolazione del sangue negli arti inferiori.

Le ginocchia, infatti, devono formare un angolo di almeno 90° e lo stesso vale per l'inclinazione tra coscia e tronco; la parte posteriore del ginocchio dovrebbe eccedere di circa 4 cm dal bordo della sedia.

La sedia, che in generale deve essere solida, di buona fattura e in materiale resistente, deve avere uno schienale regolabile in altezza, inclinabile, preferibilmente con supporto lombare e che segua i movimenti naturali del corpo.


La posizione dello schermo

Schermo e tastiera devono essere posizionati parallelamente al bordo del tavolo.
Polso e avambraccio debbono essere ben poggiati sulla scrivania in modo rilassato; per usare la tastiera e il mouse, infatti, si devono utilizzare più le dita piuttosto che i polsi.

Non proiettiamoci in avanti scaricando peso sulle articolazioni di gomito e polso poiché andremo anche a forzare le cervicali.

Se stiamo copiando nel Pc degli appunti presi su un foglio di carta, questo deve essere posizionato tra la tastiera e lo schermo, non viceversa.

Lavori con più di uno schermo contemporaneamente?
Se si utilizza maggiormente solo uno dei due schermi e il secondo solo di rado, bisogna collocare lo schermo principale di fronte a sé e il secondo lateralmente alla stessa distanza di visione.

Se si impiegano più schermi contemporaneamente, la posizione corretta è simmetrica con la giunzione dei due schermi a metà la quale è consigliabile coprire con una copertura dello stesso colore per evitare riverberi.


Altezza e distanza dello schermo

Il bordo superiore dello schermo deve trovarsi ad almeno 10 centimetri al di sotto dell'altezza degli occhi.

Per schermi più grandi di 24 pollici, questi devono essere abbassati sul piano di lavoro.
La distanza ottimale rispetto allo schermo varia dai 60 agli 80 centimetri a seconda della dimensione dello stesso.

In generale, per controllare che la propria postazione sia corretta è possibile:

•    verificare che lo sguardo (gli occhi e non il collo) rivolto al monitor sia sempre leggermente inclinato verso il basso.

•    il monitor sia inclinato verso l'alto fino ad un massimo di 35° rispetto allo sguardo e che la tastiera sia a circa 60° rispetto agli occhi.


La check list della postura incongrua

Qui di seguito ti proponiamo alcune domande alle quali diamo una risposta per risolvere il problema della postura incongrua.


Sei sempre seduto in punta di sedia?

Cambia di continuo posizione. Di tanto in tanto, ad esempio, siediti con la schiena ben eretta sul bordo posteriore della sedia.


Hai le gambe accavallate?

Ritorna nella posizione corretta e non dimenticare di alzarti ogni qual volta ne hai la possibilità, magari per telefonare, esaminare una pratica, ecc…


Sei proiettato con il collo e il mento verso lo schermo?

Evita di stressare le cervicali, concediti delle pause e muovi il collo per rilassarlo ricordandoti sempre di assumere una postura corretta.


Hai le spalle contratte e sollevate o stai serrando i denti?

Sintomi di tensioni muscolari. Tasta con la punta delle dita i muscoli alla base del cranio e massaggiali, quindi, per un minuto compiendo dei piccoli movimenti circolari.


Non solo posture incongrue

QUIDEM è specializzata nell'analisi dei rischi trasversali e dell'ergonomia che sono spesso da valutare nel loro complesso poiché un'analisi approfondita e accurata rispetto a questi rischi è di fondamentale importanza nella gestione della salute e sicurezza nel luogo di lavoro.

I servizi offerti da QUIDEM in questo ambito sono:

•    Analisi della Movimentazione Manuale dei Carichi (MMC)

•    Analisi dei Movimenti Ripetitivi MRP
      
  o    Mappatura delle postazioni con metodo di valutazione con check-list OCRA
        o    Analisi del rischio con metodo di valutazione OCRA-INDEX

•    Analisi delle posture incongrue

•    Analisi delle postazioni di videoterminalisti.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Un passo avanti nella UNI ISO 45001

La UNI ISO 45001 diventa uno degli strumenti chiave per la gestione della salute e sicurezza sul lavoro

Continua

Il problema multidimensionale del mal di schiena

La lombalgia è una malattia multifattoriale e debilitante, che esercita un enorme onere socioeconomico sugli individui e sui sistemi di assistenza sanitaria

Continua

ATEX - L’importanza della gestione del rischio esplosione

Due incidenti, seppur con finali diversi, ricordano l'importanza che ricopre la valutazione del rischio esplosione (ATEX) all'interno di stabilimenti a rischio

Continua

Idoneità alla mansione: obblighi e provvedimenti del datore di lavoro

A valle del rilascio da parte del medico competente del giudizio di idoneità alla mansione, il datore di lavoro può dover gestire diverse casistiche anche delicate

Continua

Novità del Codice di Prevenzione Incendi

A breve verrà pubblicato un nuovo Decreto Ministeriale ai più noto come “Codice di prevenzione incendi”

Continua

Il comportamento abnorme del lavoratore

Nelle Sentenze relative ad infortuni sul lavoro si sente parlare spesso di “comportamento abnorme del lavoratore” come motivazione di ricorso da parte dell'imputato

Continua

PED - Uno strumento per il calcolo delle attrezzature a pressione

Si tratta di un utile strumento per verificare l'idoneità rispetto agli obblighi previsti dalla normativa delle proprie attrezzature a pressione

Continua

Documento sulle procedure di utilizzo del Transpallet Elettrico

Uno dei più comuni strumenti di lavoro all'interno delle aziende è sicuramente il Transpallet Elettrico, un'attrezzatura utilizzata per la movimentazione dei carichi

Continua

La responsabilità del datore di lavoro in tema di sicurezza

Cassazione: la formazione del dipendente non esime il datore di lavoro dal predisporre misure cautelari

Continua

Sicurezza lavoro, il ruolo di garanzia del CDA nel caso di società di capitali

Nel caso di società di capitali, gli obblighi di prevenzione degli infortuni gravano in maniera paritetica, fatto salvo il caso di delega, su tutti i membri del CDA

Continua

INAIL, proroga della scadenza delle richieste di incentivo

INAIL - Proroga della scadenza delle richieste di incentivo alle imprese virtuose

Continua

Affidare a terzi la redazione del DVR non esclude la responsabilità del datore di lavoro

Molte realtà decidono di affidare a terzi la redazione del DVR, strumento obbligatorio come stabilito dal D.lgs. 81/08 per la gestione della sicurezza in azienda

Continua

La videoconferenza è l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Ciò che risulta importante è porsi una domanda fondamentale: la videoconferenza è davvero l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Continua

L'infortunio sul lavoro per COVID-19 e la responsabilità del datore di lavoro

L'infortunio sul lavoro per Covid-19 non è collegato alla responsabilità penale e civile del datore di lavoro

Continua

Sicurezza sul lavoro: come è cambiata la formazione ai tempi Covid-19

Durante tutto il periodo di emergenza, uno dei settori della sicurezza nei luoghi di lavoro più colpiti è stato senza dubbio la formazione

Continua

Testo Unico: si va verso un aggiornamento?

Il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha sottolineato la necessità di porre una maggior attenzione sui temi legati proprio alla salute e sicurezza sul lavoro

Continua

COVID-19: proroga dell’emergenza, D.L. 7 ottobre e D.lgs. 81/2008

Prorogato lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 e introdotte modifiche al D.lgs. 81/2008

Continua

COVID19 - Sappiamo davvero la differenza tra isolamento e quarantena?

E' importante declinare questa distinzione anche all'interno delle aziende, per permettere ai datori di lavoro di gestire al meglio eventuali casi di contatto.

Continua